A Pietrapertosa e Accettura per le Nozze del Maggio lucano

A Pietrapertosa e Accettura per le Nozze del Maggio lucano

Calanchi decorati di giallo da cespugli di ginestre e una rigogliosa vegetazione fluviale accompagnano la discesa in questa valle, ora stretta e ora ampia. Pietrapertosa è un vertiginoso paese erto sul costone destro della valle, arrancato agli affilati picchi rocciosi delle Dolomiti Lucane.

Vestigia di antiche fortificazioni documentano la presenza dei colonizzatori magnogreci che qui si stabilirono intorno al quinto secolo avanti Cristo. Le case sono addossate e disposte dall’alto al basso strette alla roccia, seguendo il profilo discendente del terreno.

Un naturale paese-fortezza, situato a mille metri d’altitudine, Pietrapertosa appare da lontano come disegnata e piegata nella cartapesta. Presenta un antico castello usato dai Saraceni attorno al quale si sviluppa una parte d’abitato d’impianto medioevale. La Chiesa Madre e la Chiesa di San Francesco. Suggestive le strette scalinate che collegano verticalmente l’abitato.

Nei pressi di Pietrapertosa, un po’ all’interno, un altro gioiellino: Accettura. Paesino anch’esso d’origine magnogreca, è famoso per la sagra del Maggio, festa popolare che si celebra in concomitanza con la festa del Patrono san Giuliano e richiama arcaici riti che affondano radici nei secoli.

Si tratta d’un antico rito propiziatorio, le nozze del Maggio, albero di alto fusto che si unisce innestato con la Cima di agrifoglio. Al rito partecipa tutto il popolo, nella scelta dell’albero e durante il faticoso trasporto dal bosco alla piazza del paese, tirato da 50 coppie di buoi.

L’albero viene abbattuto il giorno dell’Ascensione, mentre nel giorno di Pentecoste viene operato l’innesto della Cima di agrifoglio, trasportata a spalla dalla lontana selva dove è stata tagliata.  Il martedì, nella festività del Patrono, con una complessa operazione con tiraggio di funi, data la sua notevole altezza, il Maggio viene issato nella piazza di Accettura con una grande festa di popolo.

Constantin Udroiu, grande pittore d’origine rumena che di Accettura è stato cittadino onorario, ha consacrato la scena del Maggio in un monumentale affresco sulla parete del municipio, oltre ad aver dipinto tele ed inciso numerose acqueforti e xilografie che rappresentano quell’antica tradizione, ne ha portato con le sue mostre la suggestione e i colori in tutta Europa. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

In Molise alla ricerca dell’identità locale che Montorio dei Frentani nasconde nel suo nome

In Molise alla ricerca dell’identità locale che Montorio dei Frentani nasconde nel suo nome

Lo stemma, che rappresenta uno scudo sul quale campeggiano tre colli, e su quello di mezzo una stella, fa la sua prima apparizione in un documento...
Sulle orme poetiche di Carducci, primo Nobel italiano alla letteratura, tra Castagneto e Bolgheri

Sulle orme poetiche di Carducci, primo Nobel italiano alla letteratura, tra Castagneto e Bolgheri

La Toscana è una regione di fama internazionale che sa offrire al visitatore paesaggi di campagna fuori dal tempo, gettonate località di mare adatte...
A dorso di asinello per ammirare Ischia dall’alto prima di tuffarsi nel relax delle terme

A dorso di asinello per ammirare Ischia dall’alto prima di tuffarsi nel relax delle terme

La primavera si sente nell’aria, porta con sé la voglia di uscire e ritrovare il contatto con sole e natura. Con le temperature che diventano più...
Siena si prende cura delle opere di Norcia ‘ferita’

Siena si prende cura delle opere di Norcia ‘ferita’

La speranza rinasce dai capolavori della città di San Benedetto in mostra nella Cripta sotto il Duomo e nel Complesso Museale Santa Maria della Scala...
Lo skyline abruzzese riavrà la Torre medicea di Santo Stefano di Sessanio, a 8 anni dal sisma

Lo skyline abruzzese riavrà la Torre medicea di Santo Stefano di Sessanio, a 8 anni dal sisma

Dalla sua sommità lo sguardo si apre sulle valli del Tirino e dell’Aterno e si spinge sino alla catena del Sirente e della Maiella: la possente Torre...

Weekly in Italian

Recent Issues