A Pietrapertosa e Accettura per le Nozze del Maggio lucano

A Pietrapertosa e Accettura per le Nozze del Maggio lucano

Calanchi decorati di giallo da cespugli di ginestre e una rigogliosa vegetazione fluviale accompagnano la discesa in questa valle, ora stretta e ora ampia. Pietrapertosa è un vertiginoso paese erto sul costone destro della valle, arrancato agli affilati picchi rocciosi delle Dolomiti Lucane.

Vestigia di antiche fortificazioni documentano la presenza dei colonizzatori magnogreci che qui si stabilirono intorno al quinto secolo avanti Cristo. Le case sono addossate e disposte dall’alto al basso strette alla roccia, seguendo il profilo discendente del terreno.

Un naturale paese-fortezza, situato a mille metri d’altitudine, Pietrapertosa appare da lontano come disegnata e piegata nella cartapesta. Presenta un antico castello usato dai Saraceni attorno al quale si sviluppa una parte d’abitato d’impianto medioevale. La Chiesa Madre e la Chiesa di San Francesco. Suggestive le strette scalinate che collegano verticalmente l’abitato.

Nei pressi di Pietrapertosa, un po’ all’interno, un altro gioiellino: Accettura. Paesino anch’esso d’origine magnogreca, è famoso per la sagra del Maggio, festa popolare che si celebra in concomitanza con la festa del Patrono san Giuliano e richiama arcaici riti che affondano radici nei secoli.

Si tratta d’un antico rito propiziatorio, le nozze del Maggio, albero di alto fusto che si unisce innestato con la Cima di agrifoglio. Al rito partecipa tutto il popolo, nella scelta dell’albero e durante il faticoso trasporto dal bosco alla piazza del paese, tirato da 50 coppie di buoi.

L’albero viene abbattuto il giorno dell’Ascensione, mentre nel giorno di Pentecoste viene operato l’innesto della Cima di agrifoglio, trasportata a spalla dalla lontana selva dove è stata tagliata.  Il martedì, nella festività del Patrono, con una complessa operazione con tiraggio di funi, data la sua notevole altezza, il Maggio viene issato nella piazza di Accettura con una grande festa di popolo.

Constantin Udroiu, grande pittore d’origine rumena che di Accettura è stato cittadino onorario, ha consacrato la scena del Maggio in un monumentale affresco sulla parete del municipio, oltre ad aver dipinto tele ed inciso numerose acqueforti e xilografie che rappresentano quell’antica tradizione, ne ha portato con le sue mostre la suggestione e i colori in tutta Europa. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Protesta e racconto sardo sui murales di Orgosolo

Protesta e racconto sardo sui murales di Orgosolo

Centinaia di murales colorano le vie di Orgosolo e raccontano i costumi e le tradizioni, la cultura, la vita quotidiana di quest’angolo di Sardegna...
Sulle pendici del vulcano più grande d’Europa, a bordo del Treno dei Vini dell’Etna

Sulle pendici del vulcano più grande d’Europa, a bordo del Treno dei Vini dell’Etna

Avete mai pensato di percorrere le pendici dell’Etna, il vulcano più grande d’Europa, a bordo di un treno? Soprattutto, sapevate che a bordo di un’...
A Bologna nel settecentesco Palazzo Pallavicini, dove si esibì Mozart

A Bologna nel settecentesco Palazzo Pallavicini, dove si esibì Mozart

A Bologna ha aperto l’incantevole Palazzo Pallavicini, dimora settecentesca di proprietà privata, ubicata in via San Felice 24 a pochi passi dalle...
Spiagge bianche e mare cristallino: la perla calabra che per chilometri disegna la Costa degli Dei

Spiagge bianche e mare cristallino: la perla calabra che per chilometri disegna la Costa degli Dei

Chilometri e chilometri di magnifiche spiagge bianche e rocce frastagliate a ridosso di un mare azzurro cristallino. Di fronte l'arcipelago delle...
Villa del Grumello e Ugo Foscolo: il Lago di Como e i grandi nomi della letteratura italiana

Villa del Grumello e Ugo Foscolo: il Lago di Como e i grandi nomi della letteratura italiana

Quando scende la notte, le luci delle incantevoli ville che si affacciano sul Lario vibrano nel blu intenso dell’acqua del lago. Magicamente, come...

Weekly in Italian

Recent Issues