Los Angeles gets a taste of the European cinema with “Starring Europe” Film Festival

Guglielmo Poggi (left) with director Ludovico Di Martino

Guglielmo Poggi (left) with director Ludovico Di Martino

The “Starring Europe” Film Festival this year took place in Los Angeles from May the 9th until May the 15th, a creative project organized by the diplomatic institutions of the EU Countries in Los Angeles, in particular by the Consulate General of Italy together with the Italian Cultural Institute, and by The American Cinematheque.
 
The Festival’s goal is to expand the knowledge of European movies into the United States. The Consulate General of Italy in Los Angeles has been instrumental in promoting Italian productions and strongly supports their further expansion in the West Coast: “Starring Europe is an opportunity for international cinema lovers in the city to discover contemporary award winning films from across Europe. We have involved other Italian realities present on the territory, organizing events, workshops, in order to promote and preserve our Italian culture and products in the United States and the world” Consul General Antonio Verde explained.
 
Now in its fourth edition, “Starring Europe” has brought to Hollywood, the best contemporary films from the European Union, and gave audience the possibility to interact with filmmakers and actors from the movies to be screened. The short and feature films screened at the festival embody the rich heritage and diversity of contemporary cinema from Europe featuring Seven Los Angeles Premieres, Six films by women directors, Two Oscar winning directors and Two Student Oscar winning directors.
This year Italy has had the honor to close the Festival with the independent movie, “Our Last”
This year Italy has had the honor to close the Festival with the independent movie, “Our Last”. The movie tells the story of a journey which follows two brothers in conflict. When their mother suddenly dies, the two, struck by guilt and remorse, decide to fulfill her last wish to visit Sicily all together, and make their final family vacation an impromptu road trip with her coffin tied to the roof of their car. The experience will uncover all the complexity of their relationship.
 
The 4th Annual STARRING EUROPE: New Films from the EU Festival provides an opportunity to Angelinos to immerse in Award-Winning European Cinema, connect with European filmmakers and talent, network with industry professionals, explore cultural institutions from European countries in LA and to unite through the power of movies. Starring Europe is also the cultural event that unites expats and artists from all over Europe with language students from local colleges and universities and Angelinos.
 
Ludovico Di Martino and the lead actor Guglielmo Poggi, (“Best Actor” at the Milan International Film Festival in 2016 - Best Acting Performance, Da Vinci’s Horse MIFF Award), attended the screening at the Aero Theatre in Santa Monica. L’Italo-Americano had the opportunity to ask them a few questions.
 
This event was strongly promoted by the Consul General of Italy in LA, Antonio Verde. How did you react to his determination to bring the European cinema and particularly to represent Italy with your movie, here in the United States?
“We were extremely proud. We are very young and new in this business. To be here after just three years with this project thanks to the efforts of Consul General, means two things: first, there is the chance to give young people an opportunity and second, we must have done something right. Maybe it’s not the Italian or American film industry style, but it’s an independent production trying to find its space” Poggi commented.
 
“This is beyond our movie itself. To bring a small film like ours here is more of a political matter. The satisfaction comes from what we represent. We are a symbol, a smaller reality compared to the Italian film production and distribution, but we were at the Festival and this is all thanks to the Consul General Verde who decided make our voice heard. There is more to it than the big production movies and the Italian directors we all know about” director Ludovico Di Martino added.
 
Italy has always excelled in many fields, including cinema. What was the impact that Italian movies have had and still have in the world?
"Italian films have influenced authors from all over the world. Charlie Kaufman, a great director and screenwriter who has trouble working today, once said, "It's hard for me to make a movie today, even though in Hollywood it feels like everyone is always saying, 'Oh, it's a fantastic movie, totally done Charlie Kaufman style'>>  this is the anthem of Italian cinema, we are just used as a comparison, we are something so big that is not able to emerge. We are a very provincial country, everything coming from the outside, it’s too big for us. We are small men certain to be giants, but in the real world, nobody sees us” Di Martino said “We don’t export much. In our (Italian) reality we are something, but outside there is an idea of the Commedia all’Italiana from 20 years ago. We are frozen, but we have been influenced too much by the american culture, full of methods, competition, industry. There isn’t a Monicelli anymore who talks to the crew, the actors. Now an Italian director’s biggest goal is to go to work in America. We are not improving in this way, we could improve more if we would go back to what we really were” The actor continued.
 
According to you how important is it to export Italian cinema and why?
"We have a renowned sensibility," Guglielmo replied. "Italy, compared to other cultures, is perhaps one of the most visible in America. That is why I think it is essential to bring back something that has been lost. Before we talked about normal and simple people. We talked about the real lives of ordinary and authentic people. We all built the cinema together and this is what made Americans fall in love with Italian cinema."
 
Back to the movie, you investigate in the dynamics of a mother and son relationship, the deep loss and the strong tie to the maternal figure, very Italian. Was it ever overwhelming to deal with such a topic?
“The story came very spontaneously maybe because it’s so eradicated into our culture.” The director commented “That’s also why it was so easy to develop the theme. It just came naturally. It was a painful journey to write it and put myself into the characters’ shoes. I haven’t experienced this kind of loss, fortunately, so it was even harder for me to imagine that kind of pain and make it real”.
 
“I haven’t experienced it either” Guglielmo continued “Actually the actress who plays the mother in the movie is my own mother. The most sensitive part was Fabrizio Colica’s. His mother has a motor illness and she is in a wheelchair, so he was the one who really felt this kind of pain, in a certain way. I felt responsible as a person more than as an actor. I wanted to give this loss the respect it deserves”
Quest’anno, dal 9 al 15 maggio, si è svolto a Los Angeles “Starring Europe” Film Festival un progetto creativo organizzato dalle istituzioni diplomatiche dei Paesi Ue a Los Angeles, e in particolare dal Consolato Generale d’Italia insieme all’Istituto Culturale Italiano e a The American Cinematheque. 
 
Obiettivo del Festival è espandere la conoscenza dei film europei negli Stati Uniti. Il Consolato Generale d’Italia a Los Angeles è stato fondamentale nel promuovere le produzioni italiane e sostiene fortemente la loro ulteriore espansione nella Costa Ovest: “Starring Europe dà l’opportunità, per chi in città ama il cinema internazionale, di scoprire premiati film contemporanei da tutt’Europa. Abbiamo coinvolto altre realtà italiane presenti sul territorio, per organizzare eventi, workshop, per promuovere e preservare la nostra cultura italiana e i prodotti negli Stati Uniti e nel mondo” spiega il Console Generale Antonio Verde. 
 
Giunto alla sua quarta edizione, “Starring Europe” ha portato a Hollywood i migliori film contemporanei dell’Unione Europea e ha dato al pubblico la possibilità di interagire con i registi e gli attori dei film in proiezione. I corti e i lungometraggi proiettati al festival incarnano il ricco patrimonio e la diversità del cinema contemporaneo europeo, e hanno portato sette première a Los Angeles, sei film diretti da donne, due registi vincitori di Oscar e due studenti di regia vincitori di Oscar. 
Quest'anno l'Italia ha avuto l'onore di chiudere il Festival "Starring Europe" con il film indipendente "il Nostro Ultimo"
Quest’anno l’Italia ha avuto l’onore di chiudere il Festival con il film indipendente “Our Last”. Il film racconta la storia di un viaggio che segue due fratelli in conflitto. Quando la loro madre muore improvvisamente, i due, colpiti dai sensi di colpa e dal rimorso decidono di adempiere al suo ultimo desiderio e di visitare tutti insieme la Sicilia, facendo la loro ultima vacanza di famiglia in un viaggio improvvisato con la bara della madre legata al tetto della macchina. L’esperienza svelerà tutta la complessità della loro relazione. 
 
Il 4° anno di “Starring Europe: New Films from the EU Festival” ha offerto ai losangelini l’opportunità di immergersi nel premiato Cinema europeo, di incontrare registi e talenti europei, di fare rete con i professionisti dell’industria cinematografica, di esplorare le istituzioni culturali dei Paesi europei a L.A. e di incontrarsi attraverso il potere dei film. Starring Europe è anche l’evento culturale che unisce immigrati ed artisti di tutta Europa con gli studenti di lingua dei college e delle università locali e i losangelini. 
 
Ludovico Di Martino e l’attore principale Guglielmo Poggi, (“Miglior attore” all’International Film Festival di Milano nel 2016 – Miglior interpretazione al Da Vinci’s Horse MIFF Award) hanno partecipato alla proiezione all’Aero Theatre di Santa Monica. L’Italo-Americano ha avuto l’opportunità di far loro alcune domande. 
 
Questo evento è stato fortemente promosso dal Console Generale d’Italia a LA, Antonio Verde. Come avete reagito alla sua determinazione nel portare qui negli Stati Uniti il cinema europeo e in particolare nel far rappresentare a voi l’Italia con il vostro film?  
“Ne siamo stati estremamente orgogliosi. Siamo molto giovani e nuovi nel settore. Essere qui dopo solo tre anni con questo progetto, grazie agli sforzi del Console Generale, vuol dire due cose: innanzitutto, che si dà ai giovani un’opportunità e poi, che abbiamo fatto qualche cosa di buono. Magari non è lo stile dell’industria cinematografica italiana o americana, ma è una produzione indipendente che cerca di farsi spazio” è il commento di Poggi. 
 
 “Questo va oltre il nostro stesso film. Portare qui un piccolo film come il nostro è più di una questione politica. La soddisfazione viene da quello che rappresentiamo. Siamo un simbolo, una piccola realtà se confrontata alla produzione e alla distribuzione cinematografica italiana ma siamo qui al Festival e questo è tutto merito del Console Generale Antonio Verde che ha deciso di far sentire la nostra voce. C’è molto di più dei film delle grandi produzioni e dei registi italiani che tutti conosciamo” ha aggiunto il regista Ludovico Di Martino. 
 
L’Italia ha sempre eccelso in molti campi, incluso il cinema. Quale è stato l’impatto che i film italiani hanno avuto ed ancora hanno nel mondo? 
“I film italiani hanno influenzato autori da tutto il mondo. Charlie Kaufman, un grande regista e sceneggiatore che oggi vive giorni difficili, una volta disse: ‘Per me oggi è dura girare un film, anche se a Hollywood sembra che tutti dicano sempre ‘Oh, è un film fantastico, in perfetto stile Charlie Kaufman’. Questo è il manifesto del cinema italiano, ne siamo un esempio, siamo qualcosa di così grande che non riesce ad emergere. Siamo un Paese molto provinciale, tutto quello che arriva da fuori è troppo grande per noi. Piccoli uomini che dovrebbero sicuramente essere giganti, ma nel mondo reale, nessuno ci vede” dice Di Martino.  
 
“Non esportiamo molto. Nella nostra realtà (italiana) siamo qualcosa, ma fuori c’è l’idea della Commedia all’Italiana di 20 anni fa. Siamo congelati, ma siamo anche stati troppo influenzati dalla cultura americana, piena di metodi, competizione, industria. Non c’è più un Monicelli che parla con lo staff, con gli attori. Ora il principale obiettivo dei registi italiani è di andare a lavorare in America. Ma così non miglioriamo, possiamo migliorare se torniamo indietro a ciò che siamo stati davvero”, continua l’attore.   
 
Secondo voi quanto è importante esportare cinema italiano e perché? 
“Abbiamo una sensibilità rinomata”, risponde Guglielmo. “L’Italia, a confronto di altre culture, è forse una delle più visibili in America. Ecco perché penso che sia essenziale tornare indietro a qualche cosa che è stato perso. Prima parlavamo delle persone normali e semplici. Parlavamo delle vite reali di persone comuni ed autentiche. Abbiamo costruito tutti insieme il cinema e questo è quanto ha fatto innamorare gli americani del cinema italiano.” 
 
Tornando al film, lei investiga la dinamica della relazione tra madre e figlio, la perdita profonda e il forte legame alla figura materna, molto italiana. E’ stato inevitabile trattare un simile tema? 
“La storia è venuta fuori molto spontaneamente forse perché è così radicata nella nostra cultura”. Ha commentato il regista. “Ecco anche perché è stato così facile sviluppare il tema. E’ venuto fuori naturalmente. E’ stato un viaggio doloroso da scrivere ed è stato difficile mettermi nei panni dei personaggi. Io non ho sperimentato questo genere di perdita, fortunatamente, così è stato anche più difficile per me immaginare quel tipo di dolore e renderlo reale”. 
 
“Nemmeno io l’ho sperimentato” continua Guglielmo “e in realtà l’attrice che interpreta la madre nel film è proprio mia madre. La parte più delicata è stata quella di Fabrizio Colica. Sua madre ha una malattia motoria ed è su una sedia a rotelle, così lui è stato l’unico che ha davvero provato un dolore analogo, in un certo modo. Mi sono sentito responsabile come persona più che come attore. E ho cercato di dare a questa perdita il rispetto che merita”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

“One Day in Naples” with Photographer Flavia Loreto

“Vedi Napoli e poi muori” - "See Naples and die": an Italian saying of unknown origin and authorship perfectly represents what visiting Naples might...

The E. Marinella style: the Neapolitan tie that unifies tailoring and Italian elegance

The “Marinella philosophy” originated in the year 1914, when the thirty-four-year-old Neapolitan Don Eugenio opened a small shop in the Riviera of...
Film producer Barbara De Fina

Spotlight on Film Producer Barbara De Fina: Reconnecting to Her Italian Heritage

Notoriously, Martin Scorsese grew up between the 40s and 50s in New York City’s “Little Italy,” where the only two options for a boy were to enter a...

Helping Italian Artists Create Opportunity in the United States: Valeria Orani and Her “Umanism” Agency

A bridge is formed between Italy and the United States using creativity and culture to divulge Italian identity through the promotion of art,...
Although based in the Northwest, the Soup Ladies also travel out-of-state, including this trip to Oklahoma, where they provided meals to tornado survivors. (JBLearning.com)

Soup Ladies: A recipe to warm the heart and soul

Three years ago, the tiny community of Oso, Wash., nestled along the North Fork of the Stillaguamish River, was obliterated when a devastating...

Weekly in Italian

Recent Issues