Schiacciata (ski-yah-cha-ta)

Schiacciata with meat and vegetables. Photo: Nonna’s Way

Schiacciata with meat and vegetables. Photo: Nonna’s Way

Meaning ‘squashed’ or ‘flattened’ in Italian, schiacciata is also a name given to an Italian pizza/bread that has a myriad of variations throughout Italy. This recipe for schiacciata with onion, potato, tomato sauce, and ground meat comes to us from Nonna Gina and Nonno Joe from Windsor, Ontario Canada. We spent a Sunday with Gina and Joe making a couple of their family’s most requested dishes. According to Rina, one of their daughters, this schiacciata recipe is a favourite and to start a family feud all that has to be asked is who makes it better - mamma or papa!
 
Joe comes from a small village in Sicily called Montallegro. During WWII, money was scarce and Joe’s mother, Nonna Domenica, had 7 young children to feed with limited access to food. She would prepare and bake enough bread to last a week. When the supply was running low and she needed to replenish the loaves, she would splurge and make a 'schiacciata' for the family. There was no meat available at this time so they used what they had available to them. She would prepare the dough and fill it with cauliflower, potatoes, and tomatoes. This special treat would fill their bellies and was an indulgence they looked forward to every week. After the war ended, other ingredients such as meat became more readily available so Nonna Domenica was able to replace the cauliflower with ground beef and pork and also added onions and tomato sauce. This variation was enjoyed by all and still remains the preferred filling. Nonna Domenica taught her son, the now Nonno Joe and his wife, the now Nonna Gina, this treasured family recipe. Nonno Joe and Nonna Gina continue to make this dish for their family and friends and it has become the most requested ‘pizza’ dish.
Schiacciata with meat and vegetables. Photo: Nonna’s Way
We really wish you could be a fly on the wall when we have these discussions with nonnos and nonnas. Nothing sparks memories and nostalgia more than food. Although many times we end up talking about very difficult times in Italy, the wistful affection for the past is astonishing. A testament to a common Italian sentiment that makes me think of my own mother who always tells us - ‘we were poor but we were happy’.
 
We were treated to the hospitality that one becomes accustomed to from a Nonna. Upon entering and introducing each other over a hot espresso (of course!) we were shown a finished schiacciata coming out of the oven already at 10 o'clock in the morning! Nonna Gina and Nonno Joe had gotten up early to make sure that one was made and cooked by the time we got there so that we could try some with lunch. The trials we experience in recipe documentation were witnessed by all as we watched her and recorded the preparation of ingredients for the second schiacciata. We all had a good laugh as we insisted on measuring the salt in her hand and the oil she was pouring!
 
Once certain we had all the ingredients and steps written down, we photographed the schiacciata and all of us sat down for an epic lunch. We completed two recipes that day and devoured both at lunch. Needless to say, we weren’t hungry for a while! And of course, left overs were packed up Nonna-style for us which our husbands were very grateful for!
The schiacciata is a meal on its own. Very hearty and flavourful. Although the fennel seed is optional in the recipe, the hint of it really shines through. According to one of Gina and Joe’s daughters who is a frequent visitor to their hometowns in Italy, this dish is made in bakeries and served hot and fresh early in the morning. This would be good for the really late night crowd!
 
As with most nonna’s and grandmothers around the world, this recipe was never written down. We are happy to help record this family favourite and share it with all of you now.
 
Ingredients:
• 2.5 lbs of pizza dough
• 2-3 medium onions, thinly sliced
• 1 lb ground pork
• 1 lb lean ground beef
• 1 lb white potatoes, peeled and thinly sliced to ¼” thickness
• 750ml tomato passata (crushed tomatoes)
• 1 cup mozzarella, shredded
• 2 tbsp Romano cheese, grated
• 1 tsp fennel seeds (optional)
• Salt and pepper to taste
• Garlic powder to taste
• Dried parsley to season
• Olive oil for cooking and drizzling
 
Directions:
Preheat oven to 350F.
 
Line a 19"X12" lasagna pan with parchment paper and grease lightly with olive oil.
 
Divide the dough into 2 sections and let rest for 30 minutes covered with food-safe plastic wrap. One section will be 1/3 of the dough for the top and the other section will be 2/3 of the dough for the bottom. The bottom dough needs to be a little thicker than the top dough.
 
In a large frying pan, over medium heat, add 1 ½ tbsp olive oil. Caramelize the onions then set aside.
 
Using the same large frying pan (cleaned), add 1-2 tbsp olive oil and brown the pork and beef meats over medium heat until cooked. Season the meat with salt, pepper, granulated garlic and dried parsley (to your taste and liking).
 
Add the potatoes and allow to cook 4-5 minutes to get some color, then add the tomatoes.
 
Continue to cook until the potatoes are tender when pierced with a fork.
 
Taste the mixture and adjust the seasoning if necessary then set aside to cool.
 
Roll out the ⅔ portion of the rested dough to a rectangle which is slightly larger than the pan. Place it in the prepared pan so that it fits the bottom nicely and goes up the sides of the pan.
 
Lightly brush the dough with olive oil.
 
Add the potato and meat mixture spreading evenly over the dough. Sprinkle with a little salt and pepper. Add the caramelized onions evenly over the surface. Next, sprinkle the fennel seeds over the entire area if using. Add the mozzarella and Romano cheese to cover evenly.
 
Lightly press the ingredients down as you add them.
 
Roll out the remaining ⅓ portion of dough into a 19X12” rectangle and place on top of the mixture. Pinch the sides of the bottom dough with the top layer to form a seal all the way around the schiacciata. Using the tines of a fork, press down evenly all around the seal.
 
Brush the dough with a little olive oil then sprinkle lightly with some more of the Romano cheese.
 
Using a sharp knife, add a few slits in the top layer of dough for the steam to escape during cooking.
 
Cover the pan with a clean tea towel and let it sit on the counter for 30 minutes. The dough will begin to rise.
 
Remove the tea towel and cover the pan with foil. Place the pan on the lower rack of the oven and bake for 30 minutes. After 30 minutes, remove the foil and move the pan to the upper rack. Bake for an additional 30 minutes or until the dough is crispy and browned.
Volendo dire in italiano 'abbassata' o 'appiattita', la Schiacciata è anche il nome dato ad una pizza o pane italiano che ha una miriade di interpretazioni in tutta Italia. Questa ricetta per la Schiacciata con cipolla, patata, salsa di pomodoro e carne macinata, ci arriva da Nonna Gina e Nonno Joe di Windsor, Ontario, Canada. Abbiamo trascorso una domenica con Gina e Joe facendo un paio dei piatti più richiesti dalla loro famiglia. Secondo Rina, una delle loro figlie, questa ricetta di Schiacciata è la migliore per cominciare una contesa familiare come quando si chiede chi la fa meglio tra mamma o papà! 
 
Joe arriva da un piccolo villaggio in Sicilia chiamato Montallegro. Durante la II Guerra Mondiale, i soldi erano scarsi e la madre di Joe, Nonna Domenica, aveva 7 bambini piccoli da far mangiare con poco cibo. Lei preparava e cuoceva in forno abbastanza pane perchè durasse una settimana. Quando l'approvvigionamento si riduceva e lei doveva riempire le pagnotte, si esibiva nel fare 'la Schiacciata' per la famiglia. Non c'era carne a disposizione a quel tempo così si usava quello che si aveva a disposizione.  Lei preparava la pasta e la riempiva con cavolfiore, patate, e pomodori. Questo ripieno speciale riempiva le pance ed era un piacere che aspettavano ansiosamente ogni settimana. 
Schiacciata con carne e verdure. Photo: Nonna’s Way
Quando la guerra finì, altri ingredienti, come la carne, divennero più facilmente reperibili così Nonna Domenica fu capace di sostituire il cavolfiore con manzo macinato e carne di maiale ed aggiunse anche cipolle e salsa di pomodoro. Questa variazione piacque a tutti ed ancora è il ripieno preferito. Nonna Domenica insegnò a suo figlio, il Nonno Joe di oggi e a sua moglie, la Nonna Gina di oggi, questa apprezzata ricetta di famiglia. Nonno Joe e Nonna Gina continuano a preparare questo piatto per la loro famiglia e i loro amici ed è diventato il piatto di ‘pizza' più richiesto. 
 
Avremmo davvero desiderato che voi foste mosche sul muro quando abbiamo parlato di queste cose con Nonno e Nonna. Niente risveglia i ricordi e la nostalgia più del cibo. Anche se molte volte si finisce per parlare dei tempi difficili in Italia, l’affetto malinconico per il passato è sorprendente. Un testamento, per un comune sentimento italiano, che mi fa pensare a mia madre che diceva sempre: 'Eravamo poveri ma felici.' 
 
Siamo state accolte con l'ospitalità a cui ci abitua una Nonna. Entrando e presentandoci l'un l'altro davanti a un espresso caldo (chiaramente!), ci è stata mostrata una Schiacciata finita che usciva dal forno alle 10 di mattina! Nonna Gina e Nonno Joe si erano svegliati presto per essere sicuri che fosse pronta e cotta al momento del nostro arrivo, così che l’avremmo potuta assaggiare a pranzo.  
 
I passaggi che facevamo nella documentazione delle ricette sono stati osservati da tutti mentre guardavamo lei e registravamo la preparazione degli ingredienti per la seconda Schiacciata. Abbiamo riso tutti mentre insistevamo a misurare il sale nella sua mano e l’olio che stava versando! 
 
Una volta che abbiamo scritto tutti gli ingredienti e i procedimenti, abbiamo fotografato la Schiacciata e tutti ci siamo seduti per un pranzo epico. Abbiamo completato due ricette quel giorno e le abbiamo divorate entrambe a pranzo. Inutile dire, che per un po’ non abbiamo avuto più fame! E chiaramente, gli avanzi sono stati impacchettati in stile Nonna, per noi e per i nostri mariti che sono stati molto grati! 
 
 La Schiacciata è un piatto unico. Molto gustoso e saporito. Anche se il seme di finocchio è opzionale nella ricetta, il suo gusto è davvero leggero. Secondo una delle figlie di Gina e Joe, che spesso fanno visita alle loro città natali in Italia, questo piatto è fatto nelle panetterie e servito sia caldo che freddo di prima mattina. Ma è buono anche per la clientela notturna! 
Come per la maggior parte delle nonne e bisnonne di tutto il mondo, questa ricetta non è stata mai scritta. Noi siamo felici di registrare questa amata ricetta di famiglia ed ora la condividiamo con tutti. 
 
Ingredienti: 
• 2.5 lbs di massa di pizza  
• 2-3 cipolle medie, tagliate fini 
• 1 lb carne di maiale macinata 
• 1 lb macinato di manzo magro 
• 1 lb patate bianche, pelate e affettare sottili di ¼” di spessore 
• 750 ml di passata di pomodoro (pomodori schiacciati) 
• 1 tazza di mozzarella, sfilacciata 
• 2 tbsp formaggio Romano, grattugiato 
• 1 tsp semi di finocchio (opzionali) 
• Sale e pepe a piacere 
• Polvere d’aglio a piacere 
• Prezzemolo essiccato per condire 
• Olio d’oliva per cuocere e condire 
 
Istruzioni: 
Preriscaldare il forno a 350F. 
 
Foderare un tegame per lasagna di 19"X12" con carta pergamenacea e ungere leggermente con olio d’oliva. 
 
Dividere la pasta in 2 sezioni e farleriposare per 30 minuti coperte con copertura di plastica adatta al cibo. Una sezione sarà 1/3 della pasta per la copertura e l'altra sezione sarà 2/3 della pasta per il fondo. La pasta inferiore ha bisogno di essere un poco più spessa della pasta superiore. 
 
In un grande tegame per friggere, su calore medio, aggiungere 1 ½ tbsp di olio d’oliva. Caramellare le cipolle e poi metterle da parte. 
 
Usando lo stesso grande tegame per friggere (pulito), aggiungere 1-2 tbsp di olio d’oliva e abbrustolire le carni di maiale e di manzo su calore medio fino a che saranno cotte. Condire la carne con sale, pepe, aglio tritato e prezzemolo essiccato (a gusto e piacere). 
 
Aggiungere le patate e far cuocere 4-5 minuti per dare un po’ di colore, poi aggiungere i pomodori. 
 
Continuare a cucinare finché le patate saranno tenere se bucate con una forchetta. 
 
Assaggiare la mistura ed aggiustare il condimento se necessario, poi mettere da parte a raffreddare. 
 
Stendere la porzione di ⅔ della pasta rimasta a forma di rettangolo che sia leggermente più grande del tegame. Metterla nel tegame preparato così che copra bene il fondo e vada sui lati del tegame. 
 
Spazzolare leggermente la pasta con olio d’oliva. 
 
Aggiungere le patate e la mistura di carne che metterete uniformemente sulla pasta. Spargere un po’ di sale e pepe. Aggiungere uniformemente le cipolle caramellate sulla superficie. Poi, cospargere con i semi di finocchio sull'intera superficie, se li usate. Aggiungere mozzarella e formaggio Romano per coprire uniformemente. 
 
Schiacciare leggermente gli ingredienti in giù quando li aggiungete.  
 
Stendere la rimanente porzione di pasta in un rettangolo da 19X12" e metterla sopra la mistura. Pizzicare i lati della pasta sottostante con lo strato superiore per formare un sigillo tutto intorno la Schiacciata. Usando le punte di una forchetta, schiacciare in giù uniformemente lungo tutto il sigillo. 
 
Spazzolare poi la pasta con un po’ di olio d’oliva e cospargere leggermente con un altro po’ di formaggio Romano. 
 
Usando un coltello appuntito, fare alcune fenditure nello strato superiore della pasta per far uscire il vapore durante la cottura. 
 
Coprire il tegame con un asciugamano da tè pulito e farlo riposare sul tavolo per 30 minuti. La pasta comincerà a gonfiare. 
 
Rimuovere l'asciugamano da tè e coprire il tegame con la stagnola. Mettere il tegame sulla griglia più bassa del forno e cuocere in forno per 30 minuti. Dopo 30 minuti, rimuovere la stagnola e spostare il tegame sulla griglia superiore. Cuocere al forno per 30 minuti supplementari o finché la pasta sarà crespa e bruna.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Spring Vegetable Risotto

I tend to get emotional in spring, especially at the farmer’s market. The colors at the market turn from the winter beiges to the vibrant glorious...
Warm Farro, Fava Bean and Pancetta Salad

Warm Farro, Fava Bean and Pancetta Salad

Spring is in full swing. Last spring, when we were in Marche, Italy, fava beans were coming into the local farm stands right about this time of year...

Pesky Weed or Food Treasure? Cicoria-Dandelion Greens!

When we were kids, early spring presented us with an additional family activity. After dinner was done and the kitchen was clean, my mother would...

Cherries and Cheesecake: a cherished Roman treat

When in Rome, eat ricotta cheesecake. Technically, ricotta is not a cheese. Meaning "re-cooked" in Italian, this fluffy latticino is a cheese by-...

The Recipe Hunters: Preserving the World’s Culinary Heritage, One Country and One Recipe at a Time

From Italy and Spain to Egypt, Cyprus, and Korea, The Recipe Hunters have been scouring the earth in search of traditional family recipes. Harvesting...

Weekly in Italian

Recent Issues