Innovativo Creativo Italiano: a photo shoot capturing Italians’ creative souls

MARIA GRAZIA DI LAURO and daughter CHIARA TOMMASINO.  In Puglia, the heel of the Italian boot, there are many restored farms called Masserias, but none more innovative in hospitality and design as the Masseria Potenti in Manduria. Photo courtesy of Judy Starkman

Judy Starkman, who worked as a London-based feature documentary filmmaker for networks, such as ABC, CBS, CNN, and SKY-TV, alongside several incursions in still photography and the shooting of commercials, has been constantly training her storytelling skills, from a visual and informative perspective. 

She is married to Bill Lagattuta, a former award-winning anchorman and reporter for NBC and CBS, who is currently enjoying a second creative life as an artist with a distinct style, that combines the use of metals with the love for language. 

In common, Judy and Bill have the ability to document any situation objectively, combined with an out-of-the-box way of looking at the world. In Lagattuta’s case, a genuine eagerness to reconnect to his Sicilian roots certainly played its part. Starkman, despite lacking any blood ties to Italy, has developed an authentic fascination for Italian culture, people and places. 

Together, they realized a wonderful photo project, entitled Innovativo Creativo Italiano, viewable at the website: https://www.italianila.com, waiting for the publication of a photo book and, likely, the installation of a series of exhibitions, both in L.A. and across Italy. 

For the first part of their photo shoot, Judy and Bill handpicked some interesting Italian personalities who had expatriated from Italy in search of the “American Dream.” Today, almost all of them seem to lead successful lives in Los Angeles. However, the photographers certainly hit a nerve, with their picture of an Italian couple forced to pack their belongings and prepare to leave, as their visas expired.   

For “Part Two,” last summer, Judy and Bill traveled to Sicily – particularly its southeastern portion, called Val di Noto – and Puglia. They spent two and a half months there, photographing Italian people who either revitalize longstanding traditions, or employ their intrinsic creativity to invent opportunities, wherever there are none left. 

Here are some insights into Innovativo Creativo Italiano from Bill Lagattuta.

ENRICO RUSSINO. Enrico is the owner of an herb farm, GLI AROMI, near Scicli, where visitors can train their noses to appreciate the amazing natural edible plants of Sicily. Enrico's warm and welcoming personality is part of the unique experience

Where did the idea for your photographic project, entitled Innovativo Creativo Italiano, come from?

Over the years in Los Angeles, we have got to know lots of expats from Italy. Italians by their very nature seem to be very creative. We found a common thread in the fact that many of them had been frustrated in their home country in doing the kind of work they really wanted to do, cause of bureaucracy, unemployment and lack of opportunities. Therefore, they came to the US and try to be successful here (that is the case for the vast majority of them). 

We chose to photograph a number of them, highlighting their uniqueness and focusing on their always creative worlds. After this initial phase, last year, we decided to have a second part in Southern Italy, where we had already travelled extensively in the past. We befriended lots of people who, despite a series of obstacles, manage to work creatively in their home country. 

LUCA MODICA e FABIO BLANCO. The micro-brew movement is new to Sicily, and at the Rocca dei Conte brewery, Luca e Fabio are among the first to have crafted delicious beer based on local flavors, from herbs to chocolate

As you mentioned, the project is divided in two parts: in the first, you focused on Italians who were urged to expatriate to L.A. Could you share with us some of their stories?

One remarkable example is the life story of Cristina and Laura Capitanio, two sisters who specialized in the restoration of frescoes and other artworks in their home town, Bergamo (Lombardy, Italy). Despite their degrees, they were unable to make ends meet in Italy, so they relocated to Los Angeles.

They found work in Hollywood’s movie sets and, eventually, were able to start their own successful design company here. The two sisters also realize large-scale paintings, like the mural on the façade of a L.A.’s restaurant in our photo. 

We’ve also photographed well-known Italian restaurateur, Piero Selvaggio, who emigrated from Modica, Sicily, to the US over forty years ago, and today owns, among others, Santa Monica’s prime restaurant, Valentino. His model of operating in the food business has led the way and generated a large following all over the world.

Last but not least, Dr. Aldo Palmieri, MD came from Rome to NYC first and to LA then, to expand his medical knowledge and, today, he is one of the prime gynecologist and obstetrician in the area. 

PAOLA DA RE. The owner of Pasta Sisters, a restaurant and catering company in Los Angeles specializing in fresh pasta

What about the second part of your project, in which you photographed Italians who have decided to stay and pursue their dreams in their home country?

Perhaps, our favorite story is the one of Enrico Russino, who opened a farm, called Gli Aromi, in Scicli, in the Province of Ragusa (in the south east of Sicily). He grows an exceptional variety of herbs and leads olfactory tours to promote this unique heritage among tourists from every corner of the world. We portrayed him as he is stretched out on a blanket of his herbs.

We photographed a number of people in and around Scicli, which is our favorite town in the entire island. One of them, a film director, Alessia Scarso, has realized the film, Italo, about a beloved dog adopted by all the villagers. 

Pierpaolo Ruta, a prime chocolatier from Modica (in the same Province of Ragusa), who has both his hands chocolate-soaked in our picture, has followed in the footsteps of his father, managing the longest running chocolate factory in the area, the Dolceria Bonajuto

ROSELLA FAVA. Rosella Fava's job is to help her fellow Italians reach new heights of success. A career coach, she offers career guidance and support in a world where it is often difficult to climb the corporate ladder. Photographed in a "field of dreams" which symbolizes her quest.

Have you already planned out your next trip to Italy? Or are you going to improvise and leave it open to chance encounters?

There is a “pool” of people we plan to photograph, but every time we travel, we end up finding many more interesting individuals than originally intended. 

Among these, Rosella Fava, who lives in Bologna but hails from Ragusa, was a total discovery. She is a life coach, a very unusual occupation in Italy, especially for a Sicilian. 

We photographed her on top of a red ladder, surrounded by a country field. We wanted to symbolized her job in helping others ascend to success. 

To crown it all, here is Judy Starkman’s take on this fascinating photo project, as well as her exclusive preview of its next exciting phases:

“My husband, Bill Lagattuta’s grandfather was from Mezzojuso (Palermo, Sicily) and he has always been interested in exploring his Sicilian roots. Every year, we have been doing exactly that, by travelling to those enchanting places and dreaming perhaps to live there one day. 

We were inspired to start our project by my closest friend in Los Angeles, Luisa Da Re, a teacher of Italian from Padua. About two years ago, with her encouragement, I resolved to learn the language. In the course of my studies, I’ve met a number of expats from Italy, residing in L.A.

Life as an expatriate really fascinated me. It was something I had experienced myself, as I lived and worked for five years as photographer, journalist and documentary filmmaker in London. 

Moreover, I’ve always been curious about other cultures, so this project, Innovativo Creativo Italiano, seemed like a natural progression. We interviewed Laura Govoni Bachelder, who, besides working as an accomplished architect for Frank Gehry Associates, is a passionate surfer along the Pacific Coast.

Alongside more unknown people, we chose to photograph well-known Italian personalities, the likes of TV hostesses, Elisabetta Canalis and Maddalena Corvaglia, who are in the process of reinventing themselves, by opening a gym in Los Angeles.

In between, it stands Giuseppe Patanè, a guitarist, composer, producer, as well as co-founder of Patahaus, a creative hub for artists in L.A.. We photographed him “mid-air” at a dry lake bed near the “City of Angels.” 

Last summer, we decided to expand the project with a “Part Two.” We travelled across Sicily for two and a half months, not only to go back to Bill’s ancestral village, but also to capture some extremely creative personalities from Val di Noto. Individuals who were virtually unknown outside of the island, let alone here in L.A.

We are so enamored of the place and the people, that we’ve just bought an house in this wonderful Sicilian area. 

Our future plans are to travel across the rest of Italy and to document other fantastic characters, alongside continuing to shoot a documentary on Carmelo Candiano, who uses the countryside as an inspiration for his sculptures, both abstract and figurative.

Ideally, in addition to the release of our photographic book, we’d like to have both our snaps and our film featured in multimedia installations, both in L.A., as well as across Italy.”

Judy Starkman, che ha lavorato da Londra come regista di documentari per reti come ABC, CBS, CNN e SKY-TV, oltre a molte incursioni in still photography e fotografia pubblicitaria, ha costantemente formato le sue abilità narrative da una prospettiva visuale ed informativa.  
 
E’ sposata con Bill Lagattuta, premiato anchorman e reporter per NBC e CBS che attualmente si sta godendo una seconda vita creativa come artista con uno stile particolare che combina l'uso di metalli con l'amore per la lingua. 
 
In comune, Judy e Bill hanno la capacità di documentare obiettivamente ogni situazione, combinata con un modo di vedere il mondo fuori dal comune. Nel caso di Lagattuta, ha sicuramente avuto un ruolo l'ansia genuina di riallacciarsi alle sue radici siciliane. Starkman, pur non avendo legami di sangue con l’Italia, ha sviluppato un’autentica fascinazione per la cultura italiana, le persone e i luoghi.  
 
Insieme, hanno realizzato un meraviglioso progetto fotografico intitolato Innovativo Creativo Italiano, visibile sul sito web: https://www.italianila.com, aspettano la pubblicazione di un libro di fotografia e, magari, l'installazione di una serie di esposizioni, sia a L.A. sia in Italia. 
 
Per la prima parte del loro photo shooting, Judy e Bill hanno raccolto interessanti personalità italiane che hanno lasciato l'Italia alla ricerca del "Sogno americano". Oggi, quasi tutti loro sembrano condurre vite di successo a Los Angeles. Comunque, i fotografi hanno certamente scoperto un nervo con il loro ritratto di una coppia italiana costretta a fare le valige e prepararsi a ripartire, per la scadenza dei loro visti. 
 
Per la "Seconda parte", l'estate scorsa, Judy e Bill hanno viaggiato in Sicilia – in particolare nella zona sudorientale, chiamata Val di Noto - e in Puglia. Hanno passato lì due mesi e mezzo, fotografando persone italiane che hanno ridato vita a vecchie tradizioni o usato la loro intrinseca creatività per crearsi opportunità, là dove non ce ne sono.  
Ecco alcuni punti di Innovativo Creativo Italiano di Bill Lagattuta. 
ENRICO RUSSINO. Enrico è il proprietario di una fattoria di erbe, GLI AROMI, vicino a Scicli, dove i visitatori possono allenare il naso per apprezzare le incredibili piante commestibili naturali della Sicilia. La personalità calda e accogliente di Enrico è parte dell'esperienza unica
Da dove viene l'idea del vostro progetto fotografico, intitolato Innovativo Creativo Italiano? 
Durante il corso degli anni a Los Angeles, abbiamo conosciuto molti immigrati italiani. Gli Italiani, per loro natura, sembrano essere molto creativi. Noi abbiamo trovato un filo comune nel fatto che molti di loro, nel loro Paese, avevano visto frustrata la possibilità di fare il genere di lavoro che volevano, a causa della burocrazia, della disoccupazione e della mancanza di opportunità. Perciò, sono venuti negli Stati Uniti e hanno tentato di avere successo qui (è avvenuto così per la maggior parte di loro). 
 
Abbiamo scelto di fotografare alcuni di loro, accentuando la loro unicità e focalizzando sui loro mondi sempre creativi. L'anno scorso, dopo questa fase iniziale, abbiamo deciso di realizzare una seconda parte in Italia Meridionale, dove in passato avevamo già viaggiato estensivamente. Siamo diventati amici di molte persone che, nonostante una serie di ostacoli, riescono a lavorare creativamente nel loro Paese. 
LUCA MODICA e FABIO BLANCO. Il movimento di micro-birra è nuovo per la Sicilia, e presso il birrificio Rocca dei Conte, Luca e Fabio sono tra i primi che hanno realizzato le deliziose birra basata sui sapori locali, dalle erbe al cioccolato
Come ha detto, il progetto è diviso in due parti: nella prima, vi concentrate sugli italiani che sono stati costretti a emigrare a L.A. Potrebbe condividere con noi qualcuna delle loro storie? 
Un esempio straordinario è la storia di vita di Cristina e Laura Capitanio, due sorelle che si sono specializzate nel restauro di affreschi e altre opere d’arte nella loro città natale, Bergamo (Lombardia, Italia). Nonostante i diplomi, non sono riuscite a far quadrare i conti in Italia, così si sono trasferite a Los Angeles. 
 
Hanno trovato lavoro sui set dei film di Hollywood e qui sono state anche capaci di avviare una loro avviata società di design. Le due sorelle realizzano anche dipinti di grande scala, come il murale sulla facciata di un ristorante di L.A. della nostra fotografia.  
 
Abbiamo fotografato anche il noto ristoratore italiano, Piero Selvaggio, che più di quaranta anni fa emigrò da Modica, Sicilia, negli Stati Uniti ed oggi possiede, fra altri, il più importante ristorante di Santa Monica, Valentino. Il suo modo di lavorare nel settore del cibo ha aperto la strada e generato un ampio seguito in tutto il mondo.  
 
Ultimo ma non meno importante, il Dott. Aldo Palmieri, MD venuto da Roma prima a NYC e poi a LA, per approfondire la sua conoscenza medica e, oggi, è uno dei più importanti ginecologi ed ostetrici della zona.  
PAOLA DA RE. Proprietaria di Pasta Sisters, che vende pasta fresca a Los Angeles
Cosa può dirci della seconda parte del progetto, nella quale avete fotografato gli italiani che hanno deciso di restare e seguire i loro sogni nel loro Paese? 
Forse, la nostra storia preferita è quella di Enrico Russino che ha aperto una fattoria chiamata Gli Aromi, a Scicli, nella provincia di Ragusa (nel sud est della Sicilia). Coltiva varietà insolite di erbe e guida tour olfattivi per promuovere questa eredità unica fra i turisti di ogni angolo del mondo. Lo abbiamo ritratto disteso su un tappeto delle sue erbe. 
 
Abbiamo fotografato molte persone di Scicli e dintorni, che è la nostra città preferita nell'intera isola. Fra loro, una regista cinematografica, Alessia Scarso, ha realizzato un film, Italo, su un cane adorato e adottato da tutti gli abitanti del luogo.  
 
Pierpaolo Ruta, fine cioccolatiere di Modica (nella stessa provincia di Ragusa), che nel nostro ritratto ha le mani immerse nel cioccolato, ha seguito le orme di suo padre, e gestisce una storica fabbrica di cioccolato nella zona, Dolceria Bonajuto. 
ROSELLA FAVA. La professione di Rossella Fava è aiutare le persone in Italia a raggiungere nuovi livelli di successo.Come coach Rossella offre orientamento e supporto in un mondo dove spesso è difficile realizzare se stessi e i propri obiettivi. Fotografata in un "campo dei sogni", che simboleggia la sua ricerca
Avete già progettato il vostro prossimo viaggio in Italia? O improvviserete e affiderete al caso gli incontri? 
C'è un "gruppo" di persone che vorremmo fotografare, ma ogni volta che viaggiamo, finiamo per trovare molti individui più interessanti di quelli inizialmente previsti.  
 
Fra questi, Rosella Fava, che vive a Bologna ma arriva da Ragusa, è stata una scoperta totale. Lei è una life coach, un'occupazione molto insolita in Italia specialmente per una siciliana. L’abbiamo fotografata in cima ad una scala rossa, circondata dalla campagna. Volevamo simboleggiare il suo lavoro nell'aiutare gli altri a raggiungere il successo. 
 
Per completezza, ecco Judy Starkman su questo affascinante progetto di fotografia, così come l’anteprima in esclusiva delle prossime entusiasmanti fasi: 
"Il nonno di mio marito Bill Lagattuta era di Mezzojuso (Palermo, Sicilia) e lui è sempre stato interessato a conoscere le sue radici siciliane. Ogni anno, facevamo esattamente questo, viaggiavamo in quei luoghi incantevoli forse sognando un giorno di viverci. Siamo stati inspirati ad avviare il nostro progetto dalla mia cara amica di Los Angeles, Luisa Da Re, un’insegnante d'italiano di Padova. Con il suo incoraggiamento, circa due anni fa, mi sono decisa a imparare la lingua. Nel corso dei miei studi, ho incontrato molti immigrati dall'Italia, che vivono a L.A. 
 
Vivere da immigrati mi affascina davvero. Era qualcosa che io avevo sperimentato, avendo vissuto e lavorato per cinque anni come fotografa, giornalista e regista di documentari a Londra. Inoltre sono sempre stata curiosa delle altre culture, così questo progetto, Innovativo Creativo Italiano, mi è sembrato la conseguenza naturale.  
 
Abbiamo intervistato Laura Govoni Bachelder che, oltre a lavorare come bravo architetto per Frank Gehry Soci, è un’appassionata surfista lungo la Costa del Pacifico. 
 
Accanto a persone più sconosciute, abbiamo scelto di fotografare note personalità italiane, come le vallette televisive Elisabetta Canalis e Maddalena Corvaglia che si stanno reinventando, aprendo una palestra a Los Angeles. 
 
In mezzo, c’è Giuseppe Patanè, un chitarrista, compositore, produttore così come cofondatore di Patahaus, hub creativo per artisti a L.A. Noi lo fotografammo a "mezz’aria" nel letto di un lago asciutto vicino alla “Città degli Angeli”.  
 
L'estate scorsa, decidemmo di espandere il progetto con una "Parte seconda". Abbiamo viaggiato attraverso la Sicilia per due mesi e mezzo, non solo per ritornare nel villaggio ancestrale di Bill, ma anche per catturare alcune personalità estremamente creative della Val di Noto. Individui che erano virtualmente sconosciuti al di fuori dell'isola, lasciati soli qui a L.A.
 
Siamo così innamorati del luogo e delle persone, che abbiamo appena comprato una casa in questa meravigliosa area della Sicilia. 
 
I nostri progetti futuri sono di viaggiare attraverso il resto dell'Italia e documentare altri fantastici personaggi, oltre a continuare a girare un documentario su Carmelo Candiano che usa la campagna come inspirazione per le sue sculture, sia astratte che figurative.  
 
Idealmente, oltre a pubblicare il nostro libro fotografico, vorremmo che i nostri scatti ed il nostro film fossero mostrati in installazioni multimediali, sia a L.A. sia in giro per l'Italia."

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Giuseppe Tassone: Opening the door to the dynamic world of Italian business

Communicating effectively with clients, suppliers or colleagues in Italy is indispensable for anyone interested in relationship building or financial...
Start-ups Incubator Clhub's leadership team - Riccardo Sanna, Giovanni Sanna and Andrew Apodaca. Photo Courtesy of Chiara Porru

Sardinia Goes Global – Innovative Start-ups unveiled in L.A.

W e often hear about the constant efforts by Italy’s regulatory bodies to safeguard our authentic “Made in Italy” merchandise mark. A lot of times,...

Antonella Ricco, chef ambassador for healthy nutrition and Mediterranean flavors

Healthy ingredients at the table? The quality of raw materials, the sustainability of the products and the simplicity of traditional recipes. All...

Dante Ferretti: Greatest Film Directors’ Right-Hand

D ante Ferretti - three-time Academy-awarded and seven times nominated for Art Direction (including a nomination for Costume Design) - is no doubt...

The mesmerising spider dance of Galatina

Her foot taps, slowly at first but then more insistently. The beat quickens and her legs begin to twitch. And as the rhythm builds to a frenzied...

Weekly in Italian

Recent Issues