Giuseppe Franco, from Calabria with Passion

Voted one of the top hairdressers in the world, Guiseppe Franco and his salon have been on the cutting edge of the beauty industry at the same Beverly Hills location for over 22 years

“Giuseppe Franco Salon Opening Summer 2017” reads a sign in a window on Canon Drive in Beverly Hills. Well, not exactly what you are thinking. This soon opening salon is the 5th Giuseppe Franco, born in Calabria and raised in New Jersey, is opening next to the other four he has been operating for 35 years in the heart of Beverly Hills. 
 
Among his clients are many “industry” stars like Arnold Schwarzenegger, Mickey Rourke, Sylvester Stallone, very good friends of his, but he cuts and styles hair also for charity: “I have received a lot in life and I think we have to give back. For years I have been contributing to a charity benefitting children with cancer and to Safe Passage, a charity helping battered women get back on their feet.  I don’t contribute just money but by giving them haircuts so that they can start gaining their confidence back, then I send them to my dentist friend (many times battered women get  their teeth broken by their husbands punching them straight on the face) and often, through my network of friends and clients I am also able to find them a job”.  “I am very religious, you know”, he says in his mixture of East Coast, Italian, West Coast accent, and he shows his many religious themed tattoos: a cross on every finger, on his neck, on one arm, and then Padre Pio written in large characters in the palm of his right hand and Saint Michael on the other forearm. 
"My father was a shoemaker and my mother was a seamstress, I had a strict Italian upbringing, but they always encouraged to follow my dreams and that brought me to L.A.
Thin, black hair, just-right tan, biker boots, Giuseppe Franco is always active and, while we talk, he checks what is going on at the salon, says hello to the many friends who pass by, smokes a Marlboro and has a drink.” I was an altar boy and I still go to Church every Sunday.  Religion and family are very important to me. Unfortunately I am divorced but I have a wonderful 18 year old daughter, Tatiana, a model whose photos have come out on Vogue magazine, and we have a great relationship, with me being the crazy Italian dad!”.  
 
It is fascinating to listen to Giuseppe’s river of words and anecdotes: “I love to give motivational talks because I like to share what I have learned through my experience.  Once at UCLA Business School, I was pointing out how location is important not only per se but also in connection to nearby stores businesses: never start a salon or a beauty-related store next to a gas station. “There is a great salon opening in Westwood next to a gas station, it’s Westwood, that will matter more than the gas station”, told me a student. I just looked at him and grimaced. After a few months, that salon went out of business as I expected. Yesterday I was invited to a rough opening in a top notch location. A rough opening, what is it? “We want to give a big party before the salon will be in business, start warming people up to the new business”, said the owner, “and we want to have you as our guest”.  Don’t do it, I told him. First impression is most important, never open to the public unless you are 100% ready”.  
Giuseppe Franco with his clients and friends Arnold Schwarzenegger and Sylvester Stallone
While we have our espresso at Caffè Roma, next to his salon, his eyes go dreamy “My father was a shoemaker and my mother was a seamstress, I had a strict Italian upbringing but they always encouraged to follow my dreams and that brought me to L.A. When I got here people were telling me I was crazy, that there were already too many salons and many were going out of business. I was determined so I started by cutting hair for free. I would eat here and in exchange I would cut the hair of the employees.  All the rich clients sitting at the Caffè would always see me come and go and asked how I was doing : Fantastic, I always said, because nobody likes a loser. And little by little those clients became my clients, and more came over the years. That is how I got to know Arnold Schwarzenegger: his wife was my client and she invited me to the opening of Conan the Barbarian, I met Arnold, we became friends and still are. You know, the man is a genius.  He made his first million before he turned 30, not because of his bodybuilding or the movies, but for his sound real estate investments. If you go to his office, hanging on the wall you will see all his diplomas and certificates, he had a catholic upbringing like mine and he was born not endowed with wealth but with brains, that’s how he got to where he is”.  
 
His shop houses 73 hairdressers: “People need leaders and to manage so many people you have to be firm so I always say it from the outstart: It is my salon, my game, my rules”. I can’t help but ask, What are your rules? “First, never be late. Second, be dressed properly, don’t be a nun but don’t strut your body, be someone people have pleasure looking at.  Coming to a salon must be a relaxing and pampering experience, and I take pleasure in doing it so I always walk around and ask clients if they want coffee or a drink; many are my hairdressers’ clients and don’t know me personally so it happens that they tell me: we’ll tell the boss to reward you for your nice attitude.
 
I am the boss, I answer and they are amazed.  We are Beverly Hills but we don’t act Beverly Hills, I always try to keep my salon like an Italian living room where everybody is welcome and there is something to eat!  I am proud to be an Italian American and we have to keep the Italian heritage alive.  I see many young Italians leaving the Paese and coming here in search of a brighter future and I want to tell them: if I made it, you can make it!”.  
“Il salone di Giuseppe Franco apre nell'estate 2017" dice un avviso su una vetrina a Canon Drive, Beverly Hills. Bene, non esattamente quello che state pensando. Questo salone di prossima apertura è il quinto.  
 
Giuseppe Franco, nato in Calabria e cresciuto in New Jersey, lo sta aprendo dopo gli altri quattro in cui lavora da 35 anni nel cuore di Beverly Hills.
 
Fra i suoi clienti ci sono molte stelle dell’industria cinematografica come Arnold Schwarzenegger, Mickey Rourke, Sylvester Stallone, suoi ottimi amici, ma lui taglia e acconcia capelli anche per beneficenza: "Ho ricevuto molto dalla vita e penso che bisogna restituire. Da anni faccio beneficenza a favore dei bambini con il cancro e a Safe Passage, un ente caritatevole che aiuta le donne maltrattate a rimettersi in piedi. Non offro soltanto soldi ma a loro regalo un taglio di capelli così che possano iniziare a riconquistare di nuovo la fiducia in se stesse, poi le mando dal mio amico dentista (molte volte le donne picchiate si ritrovano con i denti rotti dai loro mariti che le prendono a pugni in pieno viso) e spesso, attraverso la mia rete di amici e clienti, riesco anche a trovar loro un lavoro". 
Giuseppe Franco, nato in Calabria e cresciuto in New Jersey, lo sta aprendo dopo gli altri quattro in cui lavora da 35 anni nel cuore di Beverly Hills
"Sa, io sono molto religioso", dice nel suo mix di accenti fra East Coast, Italiano, e West Coast, mostrando i suoi tanti tatuaggi a tema religioso: una croce su ogni dito, sul collo, su un braccio e poi Padre Pio scritto a grandi caratteri nel palmo della mano destra e San Michele sull'altro avambraccio. Esile, capelli neri, perfettamente abbronzato, stivali da motociclista, Giuseppe Franco è sempre attivo e, mentre parliamo, controlla quello che succede dentro il salone, saluta i tanti amici che passano, fuma una Marlboro e beve una bibita. “Ero un chierichetto e ancora vado in Chiesa ogni domenica. Religione e famiglia sono molto importanti per me. Sfortunatamente sono divorziato ma ho una figlia meravigliosa di 18 anni, Tatiana, una modella le cui fotografie sono uscite su Vogue e abbiamo uno splendido rapporto, con me che sono un matto papà italiano”. 
 
E’ affascinante ascoltare il fiume di parole ed aneddoti di Giuseppe: "Amo le conversazioni motivazionali perché mi piace condividere quello che ho imparato attraverso la mia esperienza. Una volta alla UCLA Business School, stavo spiegando come l'ubicazione di un negozio non solo è importante di per sè ma lo è anche in rapporto alle imprese vicine: mai avviare un salone da parrucchiere o un centro estetico accanto ad una stazione di benzina. 
Giuseppe Franco con gli amici Arnold Schwarzenegger e Sylvester Stallone
 “C'è un grande salone che apre in Westwood vicino ad una stazione di benzina, è Westwood, ciò conterà più della stazione di benzina” mi disse uno studente. L’ho guardato appena e gli ho fatto una smorfia. Dopo pochi mesi quel salone ha cessato l'attività come mi aspettavo. Ieri sono stato invitato ad una mezza apertura in un'ubicazione eccellente. Una mezza apertura, cos’è? ‘Vogliamo dare una grande festa prima che il salone sia avviato, per cominciare a stuzzicare l’attenzione delle persone rispetto al nuovo business’, mi ha detto il proprietario, ‘e vogliamo averla come nostro ospite’. Non farlo, gli ho detto. La prima l'impressione è molto importante, mai aprire al pubblico a meno che non si è già pronti al 100%". 
 
Mentre ci prendiamo il nostro espresso al Caffè Roma, accanto al suo salone, i suoi occhi diventano trasognati. "Mio padre era un calzolaio e mia madre era una cucitrice, io ho ricevuto una severa educazione italiana ma loro mi hanno sempre incoraggiato a seguire i miei sogni e questo è ciò che mi ha portato a LA. Quando sono venuto qui, tante persone mi dicevano che ero matto, che c'erano già fin troppi saloni e molti stavano cessando l'attività. Ma ero determinato così cominciai a tagliare gratuitamente i capelli. Posso mangiare qui e in cambio tagliare i capelli dei dipendenti? Tutti i clienti ricchi che sedevano al Caffè mi vedevano sempre andare e venire e mi chiedevano come stava andando: ‘benissimo’, ho sempre detto, perché a nessuno piace un perdente. E a poco a poco quei clienti divennero i miei clienti, e sempre di più ne arrivarono nel corso degli anni. Così è come sono arrivato a conoscere Arnold Schwarzenegger: sua moglie era mia cliente e lei mi invitò alla prima di Conan il Barbaro, io incontrai Arnold, diventammo amici ed ancora lo siamo. Sa, lui è un genio. Ha fatto il suo primo milione prima dei 30 anni, non per il suo bodybuilding o il cinema ma per i suoi saggi investimenti nei beni immobili. Se vai nel suo ufficio, appesi al muro vedrai tutti i suoi diplomi e certificati. Lui ha avuto un'educazione cattolica come la mia e non è nato dotato di ricchezza ma di cervello, così è arrivato ad essere quello che è”. 
Il suo negozio ha 73 acconciatori: "Le persone hanno bisogno di leader e per gestire così tante persone devi essere rigoroso, così io lo dico sempre dal principio: è il mio salone, il mio gioco, le mie regole."  
 
Non posso che chiedere: quali sono le regole? "Primo, mai essere in ritardo. Secondo, essere vestiti in modo adeguato, non essere una monaca ma non ostentare il corpo, per essere qualcuno che la gente ha piacere di guardare. Venire al salone deve essere un'esperienza rilassante e di gratificazione, e a me piace che sia così; faccio sempre un giro per chiedere alle clienti se vogliono un caffè o qualcosa da bere; molte sono clienti dei miei acconciatori e non mi conoscono personalmente così accade che mi dicano: diremo al suo capo di ricompensarla per la sua gentilezza. Io sono il capo, rispondo, e loro si stupiscono. 
 
Noi siamo a Beverly Hills ma noi non ci comportiamo da Beverly Hills. Io mi sforzo di gestire il mio salone come se fosse un soggiorno italiano dove tutti sono i benvenuti e c'è qualche cosa da mangiare! Sono orgoglioso di essere un italiano americano e dobbiamo tener viva l'eredità italiana. Vedo molti giovani italiani lasciare il Paese e venire qui in cerca di un futuro più brillante e a loro voglio dire: se l’ho fatto io, puoi farlo anche tu".

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

A Generation Removed

Author’s note: This is the first installment of a serialized story that recounts my return to Italy and my grandfather’s journey to the U.S. My...

Italy: Beauty Beyond Postcards

Italy is a country rich in culture and history that should be unveiled to the entire international public: too often tourists only end up visiting...

Be my Cicerone, guide me through Arpino

In so many ways, the Romans are ingrained in our ways of thinking. Many of our fundamental thoughts about life have been shaped and tested by the...
The Bravio delle botti (Bravio of the barrels) is an annual race held in the Italian town of Montepulciano since 1974, replacing an equivalent horserace dating back to 1373. Photo: metina.it

Montepulciano – Tuscany’s Medieval Gem

Where the sunrise lifts swirling rounds of swallows skyward over ancient terra-cotta to announce the day, and cobbled streets host the daily walk of...

Sicily: beauty, heritage and a difficult past

In the heart of Sicily, there was once a town called Corleone, the birthplace of a mafia boss of the likes of Bernardo Provenzano; his bloody history...

Weekly in Italian

Recent Issues