The Italian Oscar-winner makeup and hairstyling team behind Suicide Squad

(L-R) Makeup artists Christopher Allen Nelson, Giorgio Gregorini and Alessandro Bertolazzi, winners of the award for Makeup and Hairstyling for 'Suicide Squad'. Photo by PopularImages

(L-R) Makeup artists Christopher Allen Nelson, Giorgio Gregorini and Alessandro Bertolazzi, winners of the award for Makeup and Hairstyling for 'Suicide Squad'. Photo by PopularImages

If I had to extrapolate a “common denominator” from the Italian artistic team that won this year’s Academy Award for Best Achievement in Makeup and Hair Styling for David Ayer’s, Suicide Squad (2016), I would say first and foremost that they are all represented by The Milton Agency (with offices in Los Angeles and London).
 
Secondly, it looks like the careers of the two makeup artists, Alessandro Bertolazzi and Marta Roggero, as well as the one of the hairstylist, Giorgio Gregorini, changed for the better thanks to chance encounters. 
 
Last but not least, they all share the same respect and admiration for American filmmaker, David Ayer, who has been able to bring out the best in them (with this year’s Oscar as a demonstration).
 
Let’s get to know better Alessandro Bertolazzi, who started out as an assistant set designer for stage productions in Italy, before setting out to work in makeup design for the screen.
Giorgio Gregorini, Alessandro Bertolazzi, Marta Roggero and Christopher Allen Nelson winners of the award for Makeup and Hairstyling for 'Suicide Squad'
Working with Italian actress Monica Bellucci at Malèna (2000) by Tornatore, opened up more opportunities for you to work internationally. Could you expand on that?
Working with Bellucci, who back then had already made a name for herself, certainly gave me a lot of international credibility. Matter of fact, the first thing that everyone asks you abroad is the names of the people you worked with.
 
A decisive step towards my internationalization, though, came afterwards, when I joined the Milton Agency.
 
Starting with Fury (2014), you began working with American filmmaker, David Ayer. This collaboration led you to win this year’s Academy Award for Best Achievement in Makeup and Hair Styling for Suicide Squad. Is there a special synergy between you and the director?
There is definitely a perfect synergy between David and I. He trusts me and my work, giving me free rein on my creativity. 
 
Obviously, the director is the most respected figure on set, but we work almost as equals and I like being directed by him.
 
We have already finished our last collaboration on Bright - a fantasy movie starring Will Smith, Joel Edgerton and Noomi Rapace, currently in post-production - and already talking about our next projects together.
 
Here’s the account of another very talented makeup designer, Marta Roggero, who has been creating the look of memorable characters alongside Alessandro. 
 
What drew you closer to make up design and how did you learn the trade?
I’ve always been a dreamer and fell in love with cinema since I was a kid. One day, when I was ten, I watched on TV the backstage of The Never Ending Story and I finally found out how my favorite creatures were made. I thought, “I wish to do the same job, I want to make dreams happen”... and I eventually did it! 
 
After the arts high school, I attended the Beauty Centre of Milan (BCM), a professional makeup artist school in Milan. Upon graduation, a lucky chance presented to me, as maestro Carlo Rambaldi (three-time Oscar winner for best visual effects) opened the European Special Effect Academy in Terni (town in the Italian region of Umbria).
 
When the short-lived academy closed down, I immediately realized how difficult was in Italy to become a professional in the field, especially for who as me came from a farm, with no family connections in the movie business. 
 
Thus, I started working as makeup artist for Italian very low budget films, until the day I met, almost by chance, my fellow makeup designer, Alessandro Bertolazzi, and my career changed.
 
Starting with war movie Fury, you started your collaboration as key makeup artist with David Ayer. Last year, you worked again with him as Department Head Makeup Artist for Suicide Squad. How did your duties in the first differ from the ones you had in the latter? What do you enjoy about working with Ayer?
The only aspect that really changed is that I got representation from an agent, Mandi Martin, who works for the international Milton Agency.
 
The fact is that Bertolazzi always trusted me, so my job title is just a classification according to local rules. Key or Head, I’m always his “right arm,” the second in charge after him, and nothing has really changed in my duties. 
 
Starting from the preparations needed to arrange the job and with the makeup tests, we share the duties and I make sure that everyone in the department is going to follow his indications and style. 
 
Working with Ayer is absolutely great! He is not just a talented director, he is an artist and a hard worker! He takes care of every single detail of the movie. He knows very well what he wants, so much so that he often does it faster by himself. Whether to smash a wall with a big hammer or squeezing the blood on the face of an actor. And he does everything with such skill that I learned a few nice tricks from him! 
 
The last one to catch the train to stardom was hairstylist, Giorgio Gregorini.
 
What drew you closer to hairstyling and how did you learn the trade?
It all started by chance. I was born and raised in Rome’s neighborhood, Trastevere. I dropped out of school and one of my friends’ mom, who owned a salon, offered us to help shampooing her clients in summer. 
 
I liked the gig to the point that, at night, I attended a professional hairstyling school for the following two years, while still working at the hairdresser’s. 
 
After opening my own salon, one of my clients, a lady who worked in the movie industry invited me to give it a try. 
 
The morning I went to the set of a period piece, set in 1942, I was shocked to see a huge mirrored hall with lots of ladies combing wigs. I felt like a fish out of water.
 
Through the help of lots of talented people, I then restarted from scratch a new career, characterized by a completely different skillset.
 
What were some of the challenges you faced and some of the gratifying moments while working on Suicide Squad?
At first, I was not supposed to work on it. Bertolazzi and the director had received high estimates from all the hairstylists they had sought out. They called me for a consultation on the wig for the character of the Enchantress.
 
Without any preparation on the comic book universe to be recreated in the movie, I came up with a solution, ironically nicknamed as “Mocio Vileda” after the German-made mops of the same name (known in the US under the O-Cedar brand). 
 
I had the wonderful opportunity to work alongside the director David Ayer, who plays an active part in every aspect of the movie and, at the same time, involves you in the whole process. 
Se dovessi tirare fuori un “denominatore comune” dalla squadra di artisti italiani che ha vinto il Premio dell’Academy per il miglior risultato in Trucco e Acconciature per Suicide Squad di David Ayer (2016), direi innanzitutto e soprattutto che sono tutti rappresentati da The Milton Agency (con uffici a Los Angeles e Londra). 
 
In secondo luogo, sembra che le carriere dei due artisti del trucco, Alessandro Bertolazzi e Marta Roggero, così come quella dell’acconciatore, Giorgio Gregorini, sono cambiate in meglio grazie a incontri fortuiti. 
 
Ultimo ma non meno importante, tutti loro condividono lo stesso rispetto e ammirazione per il regista americano David Ayer che è stato capace di tirare fuori il meglio da loro (con l’Oscar di quest’anno come dimostrazione). 
 
Andiamo a conoscere meglio Alessandro Bertolazzi che ha incominciato come assistente disegnatore per produzioni sceniche in Italia, prima di mettersi a lavorare per il trucco di scena per il cinema. 
Giorgio Gregorini, Alessandro Bertolazzi, Marta Roggero and Christopher Allen Nelson vincitori quest'anno del Premio Oscar per il miglior trucco e acconciature
Lavorare con l’attrice italiana Monica Bellucci in Malèna (2000) di Tornatore, le ha dato più opportunità di lavorare a livello internazionale. Potrebbe parlarcene? 
Lavorare con la Bellucci che, tornando ad allora si era già fatta un nome, certamente mi ha dato molta credibilità internazionale. Fatti alla mano, la prima cosa che chiunque ti chiede all’estero sono i nomi delle persone con le quali hai lavorato. 
 
Un passo decisivo verso la mia internazionalizzazione, tuttavia, è venuta dopo, quando mi sono associato alla Milton Agency. 
 
A partire da Fury (2014), ha cominciato a lavorare con il regista americano, David Ayer. Questa collaborazione l’ha portata quest’anno a vincere il premio della Academy per il miglior trucco e acconciatura per Suicide Squad. C’è una sinergia speciale tra lei e il regista? 
C’è sicuramente una sinergia perfetta tra David e me. Lui ha fiducia in me e nel mio lavoro, e dà carta bianca alla mia creatività.  
 
E’ chiaro che è il regista la figura più rispettata sul set, ma noi lavoriamo pressocché come pari e mi piace essere diretto da lui. 
 
Abbiamo già finito la nostra ultima collaborazione in Bright - un film di fantasia in cui sono protagonisti Will Smith, Joel Edgerton e Noomi Rapace, attualmente in postproduzione - e stiamo già parlando dei nostri prossimi progetti. 
 
Qui comincia il racconto di un altro make up artist molto talentuoso, Marta Roggero, che sta creando il look di personaggi memorabili insieme ad Alessandro. 
 
Cosa l’ha portata al design del make up e come ha imparato il mestiere? 
Io sono sempre stata una sognatrice e mi sono innamorata del cinema sin da quando ero una bambina. Un giorno, quando avevo dieci anni, guardai in tivvù il backstage de “La Storia Infinita” e finalmente scoprii come erano fatte le mie creature preferite. Pensai: “desidero fare lo stesso lavoro, voglio realizzare i sogni”... e poi alla fine ce l’ho fatta!  
 
Dopo il liceo artistico, ho frequentato il Centro di Bellezza di Milano (BCM), una scuola di make up artistico a Milano. Al momento dei diploma mi si è presentata un’opportunità fortunata, visto che il maestro Carlo Rambaldi (tre-volte vincitore di Oscar per i migliori effetti visivi) aveva aperto l’Accademia Europea degli Effetti Speciali a Terni (città italiana nella regione dell’Umbria). 
 
Quando l’accademia chiuse dopo poco, compresi immediatamente quanto difficile fosse diventare un professionista nel settore in Italia, specialmente per chi, come me, viene da una fattoria, senza collegamenti familiari nel mondo del cinema.  
 
Così, cominciai a lavorare come artista di make up per film italiani dai budget  molto bassi, fino al giorno in cui ho incontrato, quasi per caso, il mio collega disegnatore di make up Alessandro Bertolazzi, e la mia carriera è cambiata. 
 
Cominciando con il film di guerra Fury, ha avviato una collaborazione come artista di make up ‘chiave’ con David Ayer. L’anno scorso, ha lavorato di nuovo con lui come artista del make up ‘capo reparto’ per Suicide Squad. Come sono cambiati i suoi compiti dal primo al secondo incarico? Cosa le piace del lavoro con Ayer? 
L’unico aspetto che realmente è cambiato è che ho ottenuto di essere rappresentata da un agente, Mandi Martin, che lavora per l’agenzia internazionale Milton. 
 
Il fatto è che Bertolazzi ha sempre avuto fiducia in me, così il mio titolo di lavoro è solo una classificazione secondo le regole locali. ‘Chiave’ o ‘Capo, sono sempre il suo “braccio destro”, la seconda in carica dopo di lui, e nulla è realmente cambiato nei miei doveri. 
 
Cominciando dalle preparazioni necessarie per predisporre il lavoro o dalle prove di trucco, dividiamo i doveri ed io mi assicuro che ognuno nel reparto seguirà le sue indicazioni e il suo stile.  
 
Lavorare con Ayer è assolutamente grande! Lui non è solo un regista di talento, è un artista ed uno che lavora duro! Si prende cura di ogni singolo dettaglio del film. Sa molto bene quello che vuole, così tanto che spesso se lo fa da solo più velocemente. Dal fracassare un muro con un grande martello allo schizzare il sangue sulla faccia di un attore. E fa tutto con tale abilità che da lui ho imparato alcuni bei trucchi!  
 
L’ultimo a prendere il treno per la celebrità è stato l’acconciatore, Giorgio Gregorini. 
 
Cosa l’ha portata alle acconciature e come ha imparato il mestiere? 
E’ tutto cominciato per caso. Sono nato e cresciuto nel quartiere romano di Trastevere. Quando ho lasciato la scuola, la mamma di uno dei miei amici che aveva un salone ci offrì di aiutarla a fare gli shampoo alle sue clienti in estate.  
 
Il lavoretto mi piacque al punto che, di notte, mi misi a frequentare una scuola di hairstyling professionale per i due anni seguenti, mentre ancora lavoravo nel suo salone di parrucchiera.  
 
Dopo avere aperto il mio salone, una delle miei clienti, una signora che lavorava nell’industria dei film, mi invitò a darle una dimostrazione.  
 
Una mattina sono andato sul set di una pièce storica, ambientata nel 1942, e sono rimasto scioccato nel vedere una sala piena di specchi con molte signore che pettinavano parrucche. Mi sono sentito come un pesce fuor d’acqua. 
 
Attraverso l’aiuto di molte persone di talento, ho ricominciato da principio una nuova carriera caratterizzata da abilità completamente differenti. 
 
Quali sono state alcune delle sfide affrontate e alcuni dei momenti gratificanti mentre ha lavorato per Suicide Squad? 
All’inizio, non era previsto che ci lavorassi. Bertolazzi ed il regista avevano ricevuto alti riconoscimenti da tutti gli acconciatori che avevano cercato. Mi richiesero un consulto sulla parrucca del personaggio dell’Incantatrice. 
 
Senza alcuna preparazione sull’universo del libro comico da ricreare nel film, arrivai a una soluzione soprannominata ironicamente “Mocio Vileda” come le scope tedesche che portano lo stesso nome (conosciuto negli Stati Uniti sotto la marca di O-Cedar).  
Ho avuto l’opportunità meravigliosa di lavorare accanto al regista David Ayer che gioca una parte attiva in ogni aspetto del film ma che, allo stesso tempo, ti coinvolge nell’intero processo.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Giuseppe Tassone: Opening the door to the dynamic world of Italian business

Communicating effectively with clients, suppliers or colleagues in Italy is indispensable for anyone interested in relationship building or financial...
Start-ups Incubator Clhub's leadership team - Riccardo Sanna, Giovanni Sanna and Andrew Apodaca. Photo Courtesy of Chiara Porru

Sardinia Goes Global – Innovative Start-ups unveiled in L.A.

W e often hear about the constant efforts by Italy’s regulatory bodies to safeguard our authentic “Made in Italy” merchandise mark. A lot of times,...

Antonella Ricco, chef ambassador for healthy nutrition and Mediterranean flavors

Healthy ingredients at the table? The quality of raw materials, the sustainability of the products and the simplicity of traditional recipes. All...

Dante Ferretti: Greatest Film Directors’ Right-Hand

D ante Ferretti - three-time Academy-awarded and seven times nominated for Art Direction (including a nomination for Costume Design) - is no doubt...

The mesmerising spider dance of Galatina

Her foot taps, slowly at first but then more insistently. The beat quickens and her legs begin to twitch. And as the rhythm builds to a frenzied...

Weekly in Italian

Recent Issues