Firenze esplora il Rinascimento elettronico di Bill Viola

Firenze esplora il Rinascimento elettronico di Bill Viola
Dal 10 marzo al 23 luglio la Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze presenta al pubblico “Bill Viola. Rinascimento elettronico”, una grande mostra che celebra il maestro indiscusso della videoarte contemporanea, figlio di un italiano originario di Pavia.
 
In un percorso espositivo unitario tra piano nobile e Strozzina, la mostra ripercorre attraverso straordinarie esperienze di immersione tra spazio, immagine e suono, la carriera di questo artista, dalle prime sperimentazioni degli anni Settanta fino alle grandi installazioni successive al Duemila. Le sue opere sono ambienti totali che avvolgono la visione nell’immagine e nel suono impiegando le tecnologie più avanzate. 
 
Esplorando spiritualità, esperienza e percezione Viola indaga l’umanità: persone, corpi, volti sono i protagonisti delle sue opere, caratterizzate da uno stile poetico e fortemente simbolico in cui l’uomo è chiamato a interagire con forze ed energie della natura come l’acqua e il fuoco, la luce e il buio, il ciclo della vita e quello della rinascita.
 
Nella cornice rinascimentale di Palazzo Strozzi si crea soprattutto uno straordinario dialogo tra antico e contemporaneo attraverso un inedito confronto diretto delle opere di Viola con quei capolavori di grandi maestri del passato che sono stati per lui fonte di ispirazione e ne hanno segnato l’evoluzione del linguaggio.
 
Si celebra così la speciale relazione tra Bill Viola e Firenze. È qui che l’artista newyorkese ha iniziato la sua carriera nel campo della videoarte quando, tra il 1974 e il ’76, è stato direttore tecnico di art/tapes/22, centro di produzione e documentazione del video. Il rapporto di Viola con la storia e l’arte viene inoltre esaltato attraverso importanti collaborazioni con musei e istituzioni quali il Grande Museo del Duomo, le Gallerie degli Uffizi e il Museo di Santa Maria Novella a Firenze, ma anche con le città di Empoli e Arezzo.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

A Cittadella, tra aria e terra, c’è di mezzo il fare dell’arte di Bruno Munari

A Cittadella, tra aria e terra, c’è di mezzo il fare dell’arte di Bruno Munari

L’arte di Bruno Munari (Milano, 1907-1998) appare come un eccezionale complesso di pittura, scultura, sperimentazioni nelle tecniche più varie e...
A Montepulciano da non perdere la mostra sui progetti leonardeschi e il Tempio di San Biagio

A Montepulciano da non perdere la mostra sui progetti leonardeschi e il Tempio di San Biagio

A Montepulciano, detta non a caso la " perla del Rinascimento", la Fortezza , il Giardino di Poggiofanti e il Tempio di San Biagio diventano...
Al Museo del Bargello di Firenze le pregiate porcellane Richard Ginori

Al Museo del Bargello di Firenze le pregiate porcellane Richard Ginori

Le più importanti sc­ulture prodotte tra Settecento ed Ottoce­nto dalla Manifattura Richard Ginori, mo­numentali figure di porcellana, eccezion­ali...
L'estasi muta di Giovanni Bellini e la sua svolta pittorica

L'estasi muta di Giovanni Bellini e la sua svolta pittorica

Fino al 18 Giugno 2017 una mostra indaga la pittura veneziana e veneta, attraverso un raffronto tra la figura centrale di Giovanni Bellini e le opere...
A Caserta la Catena della Pace: buone pratiche sociali

A Caserta la Catena della Pace: buone pratiche sociali

La città di Caserta terrà a battesimo, il 20 e 21 aprile 2017, la prima edizione del Premio internazionale d’Arte, Poesia e Prosa “Caserta 2017 - La...

Weekly in Italian

Recent Issues