Il piacere vitale e sano della dieta mediterranea fatto di pasta, olio, frutta, verdura e buon vino

Il piacere vitale e sano della dieta mediterranea fatto di pasta, olio, frutta, verdura e buon vino
Già dai primi mesi dell’anno si fanno buoni propositi per rendere migliore la nostra vita. Uno dei più diffusi è sicuramente legato ad un’alimentazione sana e controllata. Che essa sia mirata ad una dieta dimagrante o di aumento peso, che serva a specifiche esigenze di salute o sia semplicemente un desiderio di avere un’alimentazione migliore, il fatto è comune: cosa mangeremo per stare in forma con l’anno nuovo? I suggerimenti di grandi medici ci aiutano a capire cosa scegliere e come poter trarre vantaggio da un’alimentazione corretta.
 
Fra le varie scelte sicuramente la dieta mediterranea è una opzione salutare e decisamente gustosa. La bontà e la validità di questa dieta non è riconosciuta solo dagli italiani, ma anche dall’Unesco che l’ha inserita nella lista dei patrimoni culturali immateriali dell'umanità. 
 
Per essere precisi questa dieta si ispira a vari costumi alimentari del bacino mediterraneo che, oggi giorno, con i frequenti scambi interculturali, ha introdotto cibi tipici di paesi limitrofi nella dieta italiana. Un esempio? Fino a qualche anno fa il cous cous non era così diffuso in Italia. Oggi, soprattutto a Milano e negli happy hour, un’insalata a base di cous cous è sempre presente sui banconi dei bar. Chi pensava cinquanta anni fa che il cous cous sarebbe diventato comune anche in Italia? 
 
In ogni caso, a parte la “contaminazione” delle varie culture dei paesi che si affacciano sul mar Mediterraneo, la dieta omonima è fonte di alimenti sani e gustosi. La sua varietà poi è incredibile: la dieta mediterranea su territorio italiano prende mille sfaccettature nella cucina regionale, che rispecchia le tradizioni delle varie aree geografiche italiane dove, se ci si fa caso, spesso prevalgono quelle che furono le ricette popolari e che sono state rielaborate in chiave moderna e sono diventate delle vere e proprie specialità.
Ci sono, al di là delle varietà di ricette, dei cibi che ricorrono come denominatori comuni anche se si cambia regione o luogo.
 
L’olio ne è un esempio ed è un grande protagonista: quello ottemperato dalla dieta mediterranea è extravergine di oliva. Può essere originario dei begli olivi della Puglia, con il suo sapore intenso perché le olive maturano sotto il sole cocente del sud, o può essere quello corposo della Toscana. Arriviamo fino a quello dal gusto delicato della località più a nord dell’Italia: le dolci colline alle spalle di Bardolino, sul lago di Garda, sono l’origine di questo olio da assaggiare. 
 
In ogni dieta che si rispetti ci deve essere una presenza di grassi: non è la quantità ad aver la predominanza ma la qualità e l’olio d’oliva assicura ciò. I grassi provenienti dall’olio d’oliva infatti, hanno proprietà benefiche soprattutto sull’apparto cardiovascolare, apportano calcio e sono facilmente digeribili. 
L’olio, grazie alla sua origine vegetale, è un prodotto sano. La dieta mediterranea ha un’altra presenza obbligatoria oltre alle  proteine vegetali ed infatti la frutta e la verdura non mancano mai. Quante benefiche proprietà apportano questi alimenti! 
 
Inoltre sono una fonte di  fibre e hanno meno calorie rispetto ad altri cibi: la natura sa regalarci dei prodotti incredibili. Uno dei caposaldi della dieta mediterranea targata made in Italy è poi l’indiscussa protagonista di ogni tavola italiana: la pasta. La produzione in Italia è  di circa 3 tonnellate. Una grossa fetta di questa produzione viene esportata e destinata ai mercati esteri la cui richiesta è sempre elevata. Ammettiamolo: un bel piato di pasta è decisamente soddisfacente. 
Siccome questo alimento tende ad alzare il picco glicemico, l’ideale è consumarlo con le verdure e un goccio di olio di oliva che riequilibrano le sostanze nutritive apportate al nostro organismo. Cosa manca nella nostra dieta Mediterranea? 
 
Tra i vari alimenti compresi, il cui elenco è ancora lungo, è da citare sicuramente una delle bevande storiche del bacino mediterraneo: il vino. Il clima mite e il sole caldo aiuta la vite a generare prodotti di eccellenza: numerose le varietà di vino che vanno dal bianco al rosso, passando per il rosato con caratteristiche organolettiche differenti di area in area.
 
Risulta sempre piacevole poter brindare con un buon bicchiere di vino a tavola con familiari e amici. Inoltre, se consumato con parsimonia, il vino ha proprietà benefiche. Già Ippocrate nel IV secolo a.C affermava che il vino ha effetti benefici sul corpo. Studi odierni avallano questa tesi. 
 
Insomma se gli esperti del settore affermano che sedersi a  tavola e gustare della buona pasta, colorate verdure, succosi frutti o deliziosa frutta secca e bere un buon bicchiere di vino, faccia bene alla salute, perché mai rinunciare alla dieta mediterranea che è uno dei piaceri della vita?
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Naples and its surrounding territory are a land of contradictions where the thirst for wonder and magic, the unknown and the curious blend with the seductive sun-religion of the pagans. Photo from "One Day in Naples" Exhibit by Flavia Loreto

Rites, magic and mysteries of Naples: the miracle of its millennial charm

Magic, mystery, a thirst for wonders and for the unknown, and a pagan sun-religion. Naples metabolizes three thousand years of culture and...
The stunning works of Villa Romana del Casale also include the famed "Bikini Girls", a depiction of a group of young women wearing bandeau tops, bikini bottoms and even anklets that would look perfectly at home on beaches of Southern California today.

The Bikini girls, archeological gems of Piazza Armerina

When modern bikini hit the shelves in Paris in the summer of 1946, Mediterranean women quickly snatched up it. One year later the world’s smallest...

Beyond the Basement: Cultures Survive through Stories

When Niccolo Machiavelli penned his masterpiece, The Prince, Italy was a land divided and besieged by many foreign forces. In his last chapter, “An...

The Italian American Intellectual

Why is it that Italian America is better known for its wise-guys then for its wise men and women? In 1927, after the United States had severely...
It is in Fabriano, in the central Italian province of Ancona, that the history of paper in Europe begins, in the late 13th century.  Photo by FranzGustincich

The secular history of Fabriano’s precious paper

The first memories I have of Fabriano paper are of the A5 notebooks we used in elementary school: each page was heavier and thicker than average,...

Weekly in Italian

Recent Issues