Reliving the Authentic Italian Panino in New York City

Da Alidoro, nel centro di Manhattan, è possibile gustare l'autentico panino italiano. Photo courtesy: www.alidoronyc.com

Da Alidoro, nel centro di Manhattan, è possibile gustare l'autentico panino italiano. Photo courtesy: www.alidoronyc.com

It’s noon in Florence, and you find a spot on the steps of the Duomo. After a bitterly cold winter, you feel your skin gladly soak up the sun shining down on you. You watch passersby marvel at Brunelleschi’s masterpiece. It’s lunchtime and you’re starved. As you bite into the salt-less bread of your panino you feel the flavors of the fresh savory meat and cheese excite your taste buds. You smile to yourself, and think, ‘Is there anything more perfect than this?’ For vacationers and students studying abroad in Italy, the panino at pranzo (lunch) is one of the most memorable parts of Italian culture. 
 
When did the Italian panino become so popular? I spoke with one of the original sources in Florence, and then to the maestro’s who brought the authentic panino to New York City.
 
Located off the beaten path, and nestled under the Arch of St. Peter is Antico Noè, one of the oldest and most famous paninerie (sandwich shops) in Florence. If you’ve studied abroad in the medieval city you have undoubtedly heard of or visited the shop, which at lunchtime is bound to have lines of hungry people spilling out the door. According to co-owner Luca Bruzzi, “There are historical records that indicate that the shop was around as early as 1561.” In those days, it most likely served as a wine shop where people would stop for refreshments. It is mentioned again in records from the 1800’s, but then not until after World War II. It isn’t until after 1945 that the shop started to take on it’s modern role as a panineria.  
 
Historically, the original panino started as a meal for the poor. Filled with lampredotto (the fourth and final stomach of the cow), the meal was especially popular in the 15th century among those who could only afford the leftover cuts of meat. “Then the panino underwent an evolution, and the principal products manufactured in Italy, like prosciutto and salami, went into our panini,” says Bruzzi.
Alidoro's location in Midtown Manhattan. Photo courtesy of AlidoroAlidoro's location in Midtown Manhattan. Photo courtesy of Alidoro
Walter Momentè is the owner of the Alidoro sandwich shop, which has been serving the New York City community for thirty years. Today Momente has three locations in Soho, Noho, and Midtown Manhattan. He shares that in recent years there has been a development in the Italian panino. Until not too long ago, it typically consisted of only a thin slice of mozzarella and one type of meat. Today, paninerie in Italian cities are offering customers a richer pranzo experience. 
 
“Some Italians [in New York] don’t calculate the fact that there has been a growth in Italian cuisine. In Italy, in the small villages, maybe you won’t find shops that make different kinds of panini. You will find the panino with sopressata or mortadella, and that’s it. But if you go to cities like Florence or Rome you will find panini like the ones I make, that have other ingredients too,” he says.
 
Still, there is a notable difference between the authentic Italian panino and the American conception of it. According to Italian standards, less is more. “In Italian culture, one can add different ingredients, but not too many because what is important is to be able to distinguish between the different tastes. American culture puts tons of stuff into the panino, believing that the more you add, the better the panino,” Bruzzi adds.
 
In fact, don’t expect to find ingredients such as ketchup, avocado, mayonnaise, mustard, or tomato sauce at Alidoro. According to Momente, those ingredients don’t belong in the Italian panino and he intends to keep it that way. “In New York it’s okay, because the average New Yorker travels. Therefore, traveling and going to Italy, they see our culture and the kind of panino we make,” he says. Take one look at the line of people waiting out the door for a panino on their lunch break at 1:30pm and one thing is clear: New Yorkers appreciate authenticity. 
 
For many, the panino is not only an important meal, but it also represents the memory of a life-changing experience in Italy. On February 29th, 2016, after 71 years of business, Antico Noè opened it’s second ever location in Midtown Manhattan. Entrepreneurs Michael Grant and Vinny Dautaj met while living in Florence nine years ago. After training at the shop in Florence for two months, the pair was able to bring the authentic Florentine panino to New York City streets. 
 
“Antico Noè is something that has an extreme cult following here in America,” says Grant.
 
Not only are the ingredients in their panini the same as their Florentine counterparts, but they have also replicated Florence’s famously salt-less bread. “Hundreds of years ago there was a salt tap in the region of Umbria. It was too expensive to make bread with salt and so they traditionally, to this day, make the bread with very minimal salt in Florence,” explains Grant.
 
The only difference between the two shops is that at the New York location they are unable to prepare the sandwiches directly in front of the customers, due to time constraints. “People in Florence are willing to wait if it takes twenty minutes to make a sandwich. Here in New York it’s a very different mentality and customer. Everyone is in a rush, everyone wants what they want and they want it quickly, and it better be good,” he says. To serve the fast-paced New York lifestyle, they selected the top ten sandwiches from Antico Noè’s menu which they freshly prepare each morning. After picking their panino, customers only wait three and a half minutes for it to be pressed, and they’re out the door. 
 
“People come in and they’re hysterically crying. It’s a strong nostalgic emotion that is brought back to many of these people,” says Grant. 
 
New Yorkers can relive those blissful memories of relishing a panino in the streets of Italy by visiting shops like Alidoro and Antico Noè. Bite into your panino and close your eyes, you may just feel as if you’re back in Italy, if only for a moment. 
È mezzogiorno a Firenze, e trovi un posto sui gradini del Duomo. Dopo un rigido inverno freddo, senti la pelle assorbire con piacere il sole che splende giù su di te. Guardi i passanti meravigliarsi davanti al capolavoro di Brunelleschi. È ora di pranzo e sei morto di fame. Come addenti il pane poco salato del tuo panino senti i sapori della gustosa carne fresca e del formaggio che eccitano le papille gustative. Sorridi e pensi: 'C’è qualcos’altro più perfetto di questo?'. Per i villeggianti e gli studenti stranieri che studiano in Italia, il panino a pranzo è uno degli aspetti più memorabili della cultura italiana. 
 
Quando divennero così popolari i panini italiani? Ho parlato con una delle fonti originali di Firenze, e poi con il maestro che portò il panino autentico a New York City. 
 
Localizzato fuori dal percorso battuto, e nascosto sotto l'Arco di S. Pietro, c’è Antico Noè, una delle più vecchie e più famose paninerie (negozio di panini) di Firenze. Se hai studiato all'estero nella città medievale indubbiamente avrai sentito parlare o avrai visitato il negozio che all’ora di pranzo è noto per avere file di persone affamate che si radunano fuori dalla porta. Secondo il coproprietario Luca Bruzzi, “ci sono dati storici che indicano che il negozio risale al 1561". In quei giorni, molto più probabilmente era un negozio di vino dove le persone si fermavano per rinfrescarsi. È menzionato di nuovo in memorie del 1800, ma poi più niente fino alla II Guerra mondiale. Bisognerà attendere fino a dopo il 1945 perchè il negozio cominci ad assumere il ruolo moderno di panineria. 
 
Storicamente, i panini originali cominciarono come un pasto per i poveri. Riempito con lampredotto (il quarto e ultimo stomaco della vacca), il pasto era popolare specialmente nel 15° secolo fra coloro che potevano permettersi solamente gli avanzi dei tagli della carne. "Poi i panini subirono un'evoluzione, ed i prodotti principali fabbricati in Italia, come prosciutto e salame, finirono nei nostri panini", dice Bruzzi. 
Alidoro's location in Midtown Manhattan. Photo courtesy of AlidoroAlidoro da trent’anni serve la comunità urbana di New York City
Walter Momentè è il proprietario del negozio di panini Alidoro che da trent’anni serve la comunità urbana di New York City. Oggi Momente ha tre locali a Soho, Noho, e Midtown Manhattan. Ci dice che negli anni recenti c’è stato uno sviluppo per il panino italiano. Fino a non troppo tempo fa, consisteva tipicamente di una sola fetta sottile di mozzarella e di una di carne. Oggi, le paninerie nelle città italiane stanno offrendo ai clienti un’esperienza di pranzo più ricca. 
 
Alcuni italiani [a New York] non calcolano il fatto che c'è stata una crescita nella cucina italiana. In Italia, nei piccoli villaggi, magari non si troveranno  negozi che fanno generi diversi di panini. Si troveranno panini con sopressata o mortadella, e quello è esso. Ma se si va in città come Firenze o Roma si troveranno panini come quelli che io faccio, che hanno anche altri ingredienti", ci dice. 
 
Inoltre c’è una differenza notevole tra il panino italiano autentico e la sua concezione americana. Secondo gli standard italiani, meno è meglio. "Nella cultura italiana, uno può aggiungere ingredienti diversi, ma non troppi perché quello che è importante è essere capaci di distinguere tra i diversi gusti. La cultura americana mette tonnellate di roba nel panino, credendo che più si aggiunge, migliore è il panino", aggiunge Bruzzi. 
 
Infatti, non aspettatevi di trovare ingredienti come ketchup, avocado, maionese, mostarda, o salsa di pomodoro ad Alidoro. Secondo Momente, quegli ingredienti non fanno parte del panino italiano e lui intende tenerlo così. "A New York è corretto, perché il newyorkese medio viaggia. Perciò, viaggiando ed andando in Italia, vede la nostra cultura e il genere di panini che noi facciamo", dice. Date uno sguardo alla fila di persone che aspettano fuori dalla porta un panino per la loro pausa pranzo alle 1:30 pm ed una cosa è chiara: i newyorkesi apprezzano l'autenticità. 
 
Per molti, il panino non solo è un importante pasto, ma rappresenta anche la memoria di un'esperienza che ha cambiato la loro vita in Italia. 
 
Il 29 febbraio 2016, dopo 71 anni di affari, Antico Noè ha aperto il suo secondo negozio a Midtown Manhattan. Gli imprenditori Michael Grant e Vinny Dautaj si incontrarono nove anni fa mentre stavano vivendo a Firenze. Dopo essersi addestrati nel negozio di Firenze per due mesi, la coppia è stata in grado di portare il panino fiorentino autentico nelle strade di New York.  
 
"Antico Noè è qualche cosa che ha un culto estremo che segue qui in America", dice Grant. 
 
Non solo gli ingredienti nei panini sono gli stessi che si trovano nei panini fiorentini, ma hanno replicato anche il famoso pane poco salato di Firenze. "Centinaia di anni fa c’era una salina nella regione dell'Umbria. Era troppo costoso fare pane con il sale e così tradizionalmente, e sino ad oggi, a Firenze si è fatto il pane con una quantità davvero minima di sale", spiega Grant. 
 
L'unica differenza tra i due negozi è che in quell'ubicazione di New York non si possono preparare i panini direttamente di fronte ai clienti, a causa dei limiti di tempo. "A Firenze le persone sono disposte ad aspettare anche se ci vogliono venti minuti per fare un panino. Qui a New York ci sono una mentalità e una clientela molto diversa. Tutti sono di corsa, ognuno vuole quello che vuole e lo vuole rapidamente, ed è meglio se è buono", dice.  
 
Per assecondare il modo rapido di vivere di New York, hanno selezionato i dieci migliori panini del menù di Antico Noè che preparano freschi ogni mattina. Dopo avere scelto il proprio panino, i clienti aspettano solamente tre minuti e mezzo perché sia chiuso, e sono già usciti dalla porta.  
 
Le "persone entrano e urlano istericamente. È una forte emozione nostalgica che torna in mente a molte di queste persone", dice Grant.  
 
I newyorkesi possono rivivere quei ricordi felici e assaporarsi un panino nelle strade d'Italia visitando negozi come Alidoro e Antico Noè.  
 
Mordi il tuo panino e chiudi gli occhi, puoi sentire come se fossi ritornato in Italia, anche se solamente per un momento” dice Grant.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

“Dream it. Discover it. Experience it. Italy.”

This is Vitalia Tours and Celebrations ’ invitation to each of its guests. Anyone that joins the Vitalia adventure signs on for an “experiential tour...

The Small World of Salento

Whether you choose to drive through the heel of Italy, from Lecce to Otranto, or from the Ionian to the Adriatic coast, the breathtaking town of...

Looking into Italy’s soul: the many reasons the world loves Italian food

2018 will be a special year for Italy. 2018 will be the year of Italian food, as announced by Dario Franceschini, minister of Culture and Tourism,...

Be my Cicerone, guide me through Arpino

In so many ways, the Romans are ingrained in our ways of thinking. Many of our fundamental thoughts about life have been shaped and tested by the...
Pesto with arugula

Pesto with Arugula, healthy recipe

This pesto is unique due to the arugula, which gives it a peppery bite balanced with the sweetness of almonds and a touch of tasty cheese. Use as a...

Weekly in Italian

Recent Issues