Il fascino dei tranquilli mercati rionali che a Milano possono diventare ritrovi da blogger

Il fascino dei tranquilli mercati rionali che a Milano possono diventare ritrovi da blogger

Per tutti gli appassionati di antiquariato, appuntamento ogni ultima domenica del mese nel mercato sul Naviglio grande (Ph. L.Rossi)

Che Milano sia una città per lo shopping non c’è dubbio. C’è da aggiungere che è una città per lo shopping a tutte le tasche. Oltre alle sfavillanti vetrine dei sontuosi negozi di alta moda, oltre ai flagship store che vendono abiti a prezzi abbordabili per tutte le tasche e dettano le regole della moda pret à porter, oltre alle botteghe che mantengono ancora la qualità dell’artigianato, ci sono dei luoghi magici: i mercati.
 
Ogni rione ha un suo mercato settimanale dove le signore si recano a comprare frutta e verdura, dove si sente l’odore del pollo arrosto e i bambini temporeggiano con le nonne alla bancarelle dei giocattoli. In questi mercati i prodotti in prevalenza sono cibo fra cui il pesce e la rosticceria, frutta e verdura, scarpe e abbigliamento, dischi e libri. Troverete anche qualche bancarella con piante e fiori  e biancheria per la casa. Praticamente il necessario per  la quotidianità. I prezzi possono essere decisamente interessanti. I mercati di quartiere hanno luogo di solito un giorno fisso alla settimana.
Oltre a questi luoghi di appuntamento settimanale esistono dei mercati famosi e molto frequentati. Qui si può scoprire la vera vita della città, quella di tutti i giorni fatta di tranquille routine, di incontri, di chiacchiere spensierate, di passeggiate all’aria aperta, di defatigamento settimanale. 
 
I più gettonati a Milano? Uno dei più conosciuti è sicuramente quello di viale Papignano, fermata metropolitana linea verde Sant’Agostino. La sua fama, nonostante si trovi un po’ di tutto, è legata soprattutto all’abbigliamento:  si svolge il martedì e il sabato. Essendo vicino ai Navigli, raggiungibili con una passeggiata di circa un quarto d’ora, si può pensare anche ad una piacevole colazione in questa area della movida che sonnecchiosamente si sveglia la mattina dopo una notte di baldoria.
 
 Un altro appuntamento assolutamente da non perdere è il mercato di via Fuché in zona Monumentale. Appuntamento anche in questo caso il martedì e il sabato: i prodotti che troverete sono in particolare abiti e vintage. Non mancherete di incontrare qualche fashion blogger intenta a trovare dei pezzi unici.
 
Passiamo ad un posto unico, un mercato dedicato tutto al vintage. Questo mercato è decisamente meno storico del precedente,  ma ogni volta che apre le sue porte i milanesi si precipitano a Lambrate (raggiungibile con la metropolitane linea verde) per non mancare. Gli appuntamenti non sono fissi ma calendarizzati come dei veri e propri eventi e pubblicizzati su Facebook.  L’ispirazione è  chiaramente londinese. Le tematiche variano dal vintage al food.
 
Altro mercato appena nato nella città meneghina è sicuramente quello del Duomo. Lo stile è decisamente glam e patinato. Se siete stati in piazza del Duomo a Milano (linea rossa) sicuramente non lo avrete visto. Infatti si trova al coperto: un’ottima idea per le giornate uggiose! Questo mercato è un ampio locale di 500 metri  su più livelli dove si trovano solo prodotti enogastronomici e comunque legati al food di marche decisamente note.
 
In questo spazio potrete anche  fermarvi a mangiare uno spuntino goloso ai bistrot. E poi è un luogo dove trovare il regalo giusto e fare la differenza!
Per tutti gli appassionati di antiquariato, appuntamento l’ultima domenica del mese tornando sui Navigli. I prezzi non sono sicuramente fra i più abbordabili ma si possono trovare pezzi unici (attenzione sempre a valutare che l’oggetto valga quello che viene richiesto). Sicuramente è la location che rende il tutto speciale: nel contesto dei Navigli questi oggetti di antiquariato creano un’atmosfera unica. L’appuntamento è per ogni ultima domenica del mese dalle 9 alle 19 sul Naviglio Grande (fermata metropolitana Porta Genova – linea metropolitana verde). 
 
Infine gli amanti dei prodotti a chilometro zero non mancano mai all’appuntamento del mercato alla Cascina della Cuccagna (via Cuccagna, 2 Milano) dove ogni martedì e venerdì pomeriggio le cascine dei dintorni vendono i loro prodotti. Alta qualità e genuinità che sicuramente soddisfa i palati più esigenti. 
 
Insomma mercati per tutti i gusti e tutte le tasche, luoghi pieni di colori, persone, suoni, profumi. Ecco dove respirare un po’ di quotidianità in questa città dai mille aspetti e scoprirne un aspetto più genuino.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Normanni, Svevi e Angioini. La Basilicata dei castelli ha il sapore del Medioevo

Normanni, Svevi e Angioini. La Basilicata dei castelli ha il sapore del Medioevo

La Basilicata può offrire un tour dal sapore medievale se si sceglie di scoprire i castelli di cui è punteggiata. Melfi ha senz'altro il castello più...
Abruzzo, regione verde d’Europa che strega gli ornitologi

Abruzzo, regione verde d’Europa che strega gli ornitologi

L’Abruzzo, regione verde d’Europa con oltre un terzo del territorio protetto – tre Parchi Nazionali (il Parco Nazionale d’Abruzzo, il più antico,...
Non solo terme, c'è una Salsomaggiore che non ti aspetti

Non solo terme, c'è una Salsomaggiore che non ti aspetti

Circondata da dolci e verdeggianti colline, la città di Salsomaggiore Terme, tra le province di Parma e Piacenza è la meta ideale per coloro che...
Maschera e boccaglio per trovare il tesoro sommerso in Adriatico

Maschera e boccaglio per trovare il tesoro sommerso in Adriatico

Con l’acqua appena al ginocchio o a pochi metri di profondità, dotati di maschera e boccaglio, si possono fare meravigliose scoperte in questo lembo...
vMosaici e convivenza tra culture, religioni e civiltà: l’incanto della Cappella Palatina di Palermo

Mosaici e convivenza tra culture, religioni e civiltà: l’incanto della Cappella Palatina di Palermo

Il 29 giugno 1143, l'arcivescovo di Taormina, Filagato da Cerami, nel corso della cerimonia di inaugurazione della Cappella Palatina, pronunciò una...

Weekly in Italian

Recent Issues