Artistic Nicknames, Treasures of the Italian Renaissance

Jacopo Tintoretto -Self-portrait, circa 1547

Jacopo Tintoretto -Self-portrait, circa 1547

In most art history classes, names like Giotto, Tintoretto, Donatello, Botticelli, Fra’ Angelico and of course Michelangelo and Leonardo da Vinci are synonymous with the Italian Renaissance.  Yet, in most cases, the Italian masters were not known by their patronym, but by their nickname.  Many of the great masters during this era were identified by a single name that sounded similar to a melodic hymn with two, three, four and sometimes five syllables accompanied by a vowel in the beginning, middle and end.  Even now when these names are mentioned, the sound rolls off the tongue and becomes good practice for beginners learning Italian for it allows students to hear which letters are stressed and properly pronounced.
 
So much can be learned from analyzing an artist’s moniker.  The appellation offers a glimpse about the artist’s life outside his most noted work of art.  
 
The history of Italian Renaissance Art is defined as a time when painters, commissioned by a European aristocracy and a fractured Papacy, created some of the most renowned masterpieces that the world has ever seen.  
 
The Rinascimento (or Renaissance), meaning a rebirth in the classics of Greco-Roman antiquity, was a response to Europe’s stagnation in the fields of science, and the arts during the Dark Ages.  Artists were largely inspired by humanism, which surfaced from rediscovering the Greco-Roman classics.  The themes in many of the paintings depict Biblical icons that include: The Apostles, the Madonna and Christ as well as express pious figures with emotions of stoicism or despair, a style never witnessed before especially in Christ’s birth, crucifixion and resurrection.  
 
Renaissance artists raised the standards to a new dimension of innovation and creativity and used artistic techniques to illustrate depth and proportion with fresco painting.  In some cases their subjects are in the nude, with symbolism of procreation.  Their creative geniuses are aligned with terms like linear perspective and chiaroscuro that encompass some of the many practices that are still used today.  
 
This explosion of creative energy has been well documented and critiqued even though few studies have been conducted in analyzing the nicknames of Italian Renaissance artists.  For example, everyone is conscious of the great works by Giotto.  His artistic genius is forever connected to the fresco paintings in the city of Florence and in the historic town of Assisi, where after seven hundred years an earthquake in 1997 damaged his works only to be miraculously restored years later.  Giotto di Bondone’s (1266?-1337) legacy lives on through his fresco paintings; nonetheless, not many art students or those on the periphery of the Italian Renaissance, are aware that his forename is actually a nickname.  Akin to other eras in European history, the Renaissance was a time when children by proxy were given the name of their father.  His father’s name was Bondone, therefore, his name literarily meant Giotto the son of Bondone.   
Andrea del Sarto (1486–1530) Self-portrait. First half of 16th centuryAndrea del Sarto (1486–1530) Self-portrait. First half of 16th century
The examination, however, of Giotto’s name does not end here.  In Luciano Bellosi’s biography Giotto the author explains, the artist “had been called Angiolo, after his grandfather, and went by the nickname of Angiolotto, or Giotto….” For linguists and language enthusiasts, Giotto’s name is a hypocoristic term taken from Angiolotto, meaning that the actual forename is shortened and the suffix evolves into a nickname.  This is also evident with the perennial master, Donatello.  His family according to Giorgio Vasari in Lives of the Most Excellent Painters, Sculptors, Architects, indicates that Donatello was given a nickname by his family because his first name was Donato.  Other artists were bestowed nicknames by their father’s profession like Andrea Domenico d’Agnolo di Francesco (1486-1531) known as Andrea del Sarto.  Andrea’s father was a tailor hence this artist moniker meant, Andrew the son of the tailor. Or in Jacopo Robusti (1518-1594) who is better known as Tintoretto because his father was a Venetian dyer.  Let’s remember that even in the Italian Renaissance like many civilizations, everyone had similar forenames and their surnames were too long (if they had a surname) or were a mouthful to pronounce or remember, so a nickname was often given.              
        
Another example of a popular Renaissance artist whose name was influenced by his father and later it became his nom de guerre in the art world was Domenico di Tommaso di Currado di Doffo Bigordi (1449-1494) known as Ghirlandaio. His father, Tommaso Bigordi was a goldsmith, and he made garland-like headdresses for aristocratic women from Florence, resulting in Ghirlandaio’s moniker that means garland-maker.  Let’s not forget the late fifteenth century artists, the Pollaiuolo brothers, Antonio di Jacopo d’Antonio Benci and Piero di Jacopo d’Antonio Benci.  The two brothers were known by their first name and nickname Pollaiuolo since their father had an extensive chicken coop farm.    
 
As young and talented artists were apprenticed to become more skillful painters/sculptures, many traveled throughout Europe, and were known by their nicknames, not their birth name.  The practice of nicknaming in the art world is no different than most societies that bestow a nickname.  Whether it is a professional athlete, politician or gang member, the practice of nicknaming is similar to artists living during this era.  These nicknames are sometimes assigned because of a father’s profession or in other cases it is related to some type of physical characteristic.  Giorgio Barbarelli (1447?-1510) was known as Il Giorgione or Zorzo in some texts, which means big George, Andrea Solari’s (1460-1524) moniker was Gobbo or hunchback, alike to Geronimo Amelunghi’s sobriquet, Gobbo di Pisa, the hunchback from Pisa.  Furthermore in some cases to distinguish between old or young Jacopo Palma was Il Vecchio and his great-nephew was Jacopo Palma Il Giovane.  Then there is Botticelli (means little keg); some sources indicate he was awarded this nickname because it was his brother’s moniker that eventually was passed on to him.  Sandro Botticelli’s complete name was Alessandro di Mariano di Vanni Filipepi, now you know why he, like so many others, needed a nickname.          
 
Then there is Rafael known as The Prince of Painters even though his complete name was Raffaello Sanzio, and he is usually referred to by his first name just like Michelangelo. Michelangelo di Lodovico Buonarroti Simoni, is one of the select few who are simply known by just his forename.  How many of us can attest to the fact that we are recognized by a single name like singers Cher, Usher, Bono or Madonna?  On the other hand, Leonardo da Vinci, literarily means Leonardo from the town of Vinci, and he is forever connected to his birth town, which was certainly a common practice during the Italian Renaissance.  We marvel about their canvas paintings and sculptures without realizing that these great masters are known by their nicknames.   
Nella maggior parte delle classi di storia di arte, nomi come Giotto, Tintoretto, Donatello, Botticelli, Fra Angelico e ovviamente Michelangelo e Leonardo da Vinci, sono sinonimi del Rinascimento italiano. Nella maggior parte dei casi, però, i maestri italiani non erano conosciuti con il loro patronimo ma con il loro nomignolo. Molti dei grandi maestri durante questa epoca erano identificati con un solo nome che suonava come un inno melodico con due, tre, quattro e qualche volta cinque sillabe accompagnate da una vocale all’inizio, in mezzo e alla fine. Anche ora, quando questi nomi sono menzionati, il suono scivola via sulla lingua e sono una buona pratica per i principianti che imparano l’italiano dal momento che ciò permette agli studenti di sentire quali lettere sono accentate e propriamente pronunciate.
 
Così molto può essere imparato dall'analizzare l'appellativo di un artista. Appellativo che offre uno sguardo sulla vita dell’artista al di là delle sue più conosciute opere d’arte. 
 
La storia dell’arte del Rinascimento italiano è definita come un tempo in cui pittori, su commissione di un'aristocrazia europea e di un Papato scisso, crearono alcuni dei capolavori più rinomati che il mondo mai ha conosciuto. 
 
Il Rinascimento, che significa una rinascita dei classici dell'antichità greco-romana, fu una risposta alla stagnazione europea nel campo della scienza e delle arti durante i secoli bui. Gli artisti furono largamente ispirati dall’umanesimo che affiorò con la riscoperta dei classici greco-romano. I temi in molti dei dipinti ritraggono icone bibliche che includono: gli Apostoli, la Madonna e Cristo così come esprimono figure pie con espressioni di stoicismo o disperazione, un stile mai testimoniato prima specialmente nella raffigurazione della nascita, crocifissione e risurrezione di Cristo. 
 
Gli artisti del Rinascimento innalzarono gli standard verso una dimensione nuova dell'innovazione e della creatività e usarono nuove tecniche artistiche per dare profondità e proporzioni con gli affreschi. In alcuni casi i loro soggetti sono nudi, con simbolismo di procreazione. I loro geni creativi sono legati a termini come la prospettiva lineare o il chiaroscuro, e includono alcuni delle molte pratiche che ancora si usano oggi. 
 
Questa esplosione di energia creativa è stata ben documentata e criticata anche se pochi studi sono stati condotti per analizzare i nomignoli degli artisti del Rinascimento italiano. Per esempio, chiunque conosce i grandi lavori di Giotto. Il suo genio artistico è legato agli affreschi nella città di Firenze e nella città storica di Assisi, dove dopo settecento anni un terremoto, nel 1997, ha danneggiato i suoi lavori, poi ripristinati miracolosamente anni dopo. Il lascito di Giotto di Bondone (1266?-1337) vive attraverso i suoi affreschi; nondimeno, non molti studenti di arte o quelli lontani dal Rinascimento italiano, sanno che il suo nome di battesimo è in realtà un nomignolo. Similmente ad altre ere nella storia europea, il Rinascimento fu un tempo in cui bambini ricevevano il nome dei loro padri. Il nome del padre di Giotto era Bondone, perciò il suo nome era Giotto inteso il figlio di Bondone. 
 
L'esame, comunque del nome di Giotto non finisce qui. Nella biografia di Giotto Luciano Bellosi l'autore spiega, che l'artista era "stato chiamato Angiolo, dopo suo nonno e da lì era arrivato al nomignolo di Angiolotto, o Giotto. Per linguisti ed appassionati di lingua, il nome di Giotto è un termine ipocoristico derivato da Angiolotto, cioè il nome di battesimo attuale è accorciato ed il suffisso si è evoluto in un nomignolo. 
Andrea del Sarto (1486–1530) Self-portrait. First half of 16th centuryAndrea del Sarto (1486–1530) Self-portrait. First half of 16th century
Questo è anche evidente con il maestro Donatello. La sua famiglia, secondo Giorgio Vasari nelle Vite dei più Eccellenti, Pittori Scultori, Architetti, dice che a Donatello fu dato un nomignolo dalla sua famiglia perché il suo primo nome era Donato. Ad altri artisti furono dati nomignoli dalla professione dei loro padre come Andrea Domenico d'Agnolo Francesco (1486 -1531), che era noto come Andrea del Sarto. Il padre di Andrea era un sarto e questo appellativo dell’artista voleva significare che Andrea era appunto il figlio del sarto. O Jacopo Robusti (1518 -1594),che è più noto come Tintoretto perché suo padre era un tintore veneziano. Ricordiamo anche che nel Rinascimento italiano, come in molte altre epoche, ognuno aveva nomi di battesimo simili e i cognomi erano troppo lunghi (se avevano un cognome) o erano difficili da pronunciare o ricordare, così spesso si preferiva dare un nomignolo. 
 
Un altro esempio di un popolare artista del Rinascimento il cui nome fu influenzato dal padre e che più tardi divenne il suo nome di battaglia nel mondo dell’arte è Domenico di Tommaso di Currado Doffo Bigordi (1449 -1494) noto come Ghirlandaio. Suo padre, Tommaso Bigordi era un orefice e faceva copricapi come ghirlande per le dame aristocratiche di Firenze. Da qui l'appellativo di Ghirlandaio che vuole dire creatore di ghirlande. Non dimentichiamo poi gli artisti di fine quindicesimo secolo, i fratelli Pollaiuolo, Antonio di Jacopo d’Antonio Benci e Piero di Jacopo d’Antonio Benci. I due fratelli erano conosciuti con il loro primo nome e con il nomignolo Pollaiuolo, perché il loro padre aveva un grosso allevamento di polli. 
 
Tanti giovani e talentuosi artisti furono messi a fare apprendistato per divenire pittori e scultori più abili, molti viaggiarono in tutta l'Europa, e furono conosciuti con i loro nomignoli, non con il loro nome di nascita. 
 
La pratica di soprannominare nel mondo dell’arte non è diverso dall’uso che se ne fa in molte altre società con un atleta professionista, un politico o il membro di una banda. La pratica di soprannominare è simile a quella degli artisti che vissero durante questa era. I nomignoli vengono assegnati talvolta a causa della professione di un padre talvolta per via di qualche caratteristica fisica. 
 
Giorgio Barbarelli (1447?-1510) era noto come Il Giorgione, o Zorzo in alcuni testi. Vogliono dire Giorgio il grande. L’appellativo di Andrea Solari (1460 -1524) era Gobbo o con la gobba, similmente al nomignolo di Geronimo Amelunghi, il Gobbo di Pisa o il gobbo da Pisa. Inoltre, in alcuni casi, serviva per distinguere tra vecchio e giovane: Jacopo Palma era il vecchio e suo nipote era Jacopo Palma Il Giovane. C'è poi Botticelli (vuole dire il piccolo barilotto); alcune fonti indicano che a lui fu dato questo nomignolo perché era l'appellativo di suo fratello che sarebbe poi passato a lui. Il nome completo di Sandro Botticelli Alessandro di Mariano di Vanni Filipepi, ma ora sapete perché lui, come tanti altri, ebbe bisogno di un nomignolo. 
 
C'è poi Raffaello noto come Il Principe di Pittori, anche se il suo nome completo era Raffaello Sanzio, ma a lui di solito è assegnato solo il primo nome, come a Michelangelo. Michelangelo di Lodovico Buonarroti Simoni, è uno dei pochi che è conosciuto semplicemente con il suo nome di battesimo. Quanti di noi possono dire di essere riconosciuti solo con il nome, come lo sono oggi i cantanti Cher, Usher, Bono o Madonna? D'altra parte c’è Leonardo da Vinci, che letterariamente vuole dire Leonardo dalla città di Vinci: lui è per sempre collegato alla città di nascita, una pratica certamente comune durante il Rinascimento italiano. 
 
Noi spesso restiamo meravigliati ammirando i loro dipinti su tela e le loro sculture senza comprendere che questi grandi maestri sono conosciuti con i loro nomignoli.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Italy and mass tourism: more is not always better

Tourism is one of the main motors of Italian economy, but something has been going awry in the past few years. Senseless mass tourism hasn’t really...

Italy’s artistic patronage at its best in the U.S.

How often have you met couples that are far from being harmonious? That is, with the partner telling the other: “You do your thing, I’ll do mine!”...

Volcanic lakes, tufa badlands and ancient baths: the Roman Tuscia

Ancient and of immense interest is the history of Roman Tuscia, also know as Alto Lazio. Its natural characteristics make of it a very peculiar...

Emilia in the Time of the Terramare: A Glimpse of Prehistoric Italy

There was a time when the Italian Peninsula had yet to become the “Cradle of Western Civilization,” a distant era in which Roman and even Etruscan...

Inventions of Italy: finding Italian creativity where you may not expect it

Scientific innovation or inventions may not be the first thing coming to mind in relation to the Bel Paese. No offense to the many Italian scientists...

Weekly in Italian

Recent Issues