Startup e imprese innovative dell'Emilia-Romagna a lezione in Silicon Valley

Startup e imprese innovative dell'Emilia-Romagna a lezione in Silicon Valley

Andare in Silicon Valley per fare esperienza sul campo, lì dove si concentrano il maggior numero di opportunità e conoscenze nei settori più avanzati e innovativi, dall’Ict ai servizi web, tornare in Emilia-Romagna per crescere, sviluppando la propria idea d’impresa. A due anni dall’avvio dei progetti negli incubatori tecnologici dell’area californiana, la Regione Emilia-Romagna rilancia la sua presenza alle porte di San Francisco con tre nuovi bandi per startup e imprese innovative in collaborazione con Aster.

L’obiettivo – spiega la regione – è offrire strumenti avanzati per internazionalizzarsi e riportare i frutti in Emilia-Romagna. Un modello che funziona, visto che fra le aziende coinvolte dal 2015 nei progetti regionali si registra chi ha trovato finanziatori e chi ha chiuso contratti, con la grande maggioranza che dice di aver modificato il proprio modello di business dopo il periodo in Silicon Valley.

“In questa fase storica di sfide globali abbiamo fortemente voluto che le giovani imprese appena nate o con idee in via di sviluppo guardassero oltre i propri confini e si aprissero al mondo-afferma l’assessore alle Attività produttive, Palma Costi, che ha presentato i bandi. “Da qui l’idea nata qualche anno fa della Regione Emilia-Romagna di avviare una serie di attività realizzate in Silicon Valley con un presidio stabile a San Francisco gestito da Aster. Lo scorso anno lo abbiamo allargato anche alle Pmi e nel 2018 offriamo l’opportunità a quattro imprese di una permanenza di tre mesi. La Silicon Valley è il centro nevralgico dell’ecosistema mondiale di startup e innovazione dove si concentrano risorse per investimenti, ricerca, partner strategici e contatti commerciali globali, ambiente nel quale le nostre startup possono rafforzarsi e crescere, per sviluppare poi in Emilia-Romagna con ancora maggiori prospettive le loro idee d’impresa".

Due i programmi a disposizione delle imprese: il Mindset per 9 startup innovative e l’International Accelerator destinato a 4 realtà di impresa, che potranno partecipare a un percorso di accelerazione presso Plug and Play, uno dei più importanti incubatori della Silicon Valley. Un altro bando offre invece la possibilità di usufruire di una postazione gratuita per un mese all’interno di due incubatori della Silicon Valley.

Dal 2015 sono state 51 le aziende emiliano-romagnole che hanno preso parte ai progetti formativi e di sviluppo del business con un impegno finanziario della Regione di 270 mila euro per il biennio 2015-2017, cui si aggiungono i 140 mila euro per i bandi 2018.

La presenza dell’Emilia-Romagna in Silicon Valley ha dato vita inoltre a due importanti iniziative: il Mentor Board, un network di imprenditori delle aziende regionali più attive nel campo dell’Open Innovation (come Barilla, Lamborghini, Carpigiani) per supportare la crescita degli startup innovative attraverso consulenze gratuite.

Dalla volontà degli imprenditori beneficiari del programma in Silicon Valley è stata invece creata l’associazione MindsettER per diffondere nel territorio regionale prassi e mentalità imprenditoriali della Silicon Valley e sostenere le start up nell'approccio al mercato.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Al via l’Anno del cibo italiano nel mondo

Al via l’Anno del cibo italiano nel mondo

Al via l’ Anno del cibo italiano nel mondo con ben 5.047 specialità alimentari tradizionali censite sul territorio nazionale in Italia che detiene...
In una app la Guida ai migliori cocktail bar d’Italia

In una app la Guida ai migliori cocktail bar d’Italia

Nasce la nuova app gratuita "Guida ai migliori cocktail bar d’Italia”. L'app non ha scopo di lucro, è gratuita e priva di sponsor, a garanzia della...
Alleanza italo-statunitense per la produzione di radiofarmaci

Alleanza italo-statunitense per la produzione di radiofarmaci

Alleanza italo-statunitense nel settore della medicina nucleare per la produzione di radiofarmaci, in grado di minimizzare gli effetti collaterali e...
I Millenials americani preferiscono il prosecco

I Millenials americani preferiscono il prosecco

Negli Usa, il vino italiano rappresenta solo l’1% dell’offerta complessiva ma la tipologia di vino italiano più apprezzata è il Prosecco...
Il Made in Italy continua a crescere negli Usa: export a +9,6%

Il Made in Italy continua a crescere negli Usa: export a +9,6%

Gli scambi commerciali italiani con l’Unione Europea hanno evidenziato un andamento incessantemente migliorativo all’interno dell’UE, con risultati...

Weekly in Italian

Recent Issues