Gatta Cenerentola-Cinderella the Cat: an “animated” and artistic view of Naples

Maria Carolina Terzi, producer, Mauro Luchetti, producer, with Consul General Antonio Verde. Photo: Denni Christopherson

The Italian animated feature film Gatta Cenerentola - Cinderella the Cat was screened at the TLC Chinese Theatre in Hollywood on November 27th. The movie was chosen by the Academy for the category of Best Animated Feature (a first, for Italy, notwithstanding her long and successful tradition in the production of animated movies) and, therefore, it could be selected for  the shortlist and run for an Oscar. The shortlist will be announced on January 23rd 2018. 

Gatta Cenerentola - Cinderella the Cat is a post-modern and noir version of a famous fairytale from Lo Cunto de li Cunti written by Giambattista Basile, later performed on stage by Roberto De Simone in 1976, and now brought to the big screen by directors Alessandro Rak (director of The Art of Happiness), Ivan Cappiello, Marino Guarnieri and Dario Sansone in a new retro-futuristic version..

“Cinema is an extremely important tool to spread the values of the “Italian Style” commented Italian Consul Antonio Verde during the movie’s first screening in the United States, which was actively promoted by the Consulate General and took place in Hollywood. At the same event L’Italo-Americano interviewed Maria Carolina Terzi, producer of the movie, and Luca Riemma, Neapolitan actor living  in Los Angeles for the past five years, who organized the screenings in Los Angeles along with Pascal Vicedomi. 

Gatta Cenerentola - Cinderella the Cat was screened at the Italian Institute of Culture on December 2nd and will be at the Laemmle Theater in Beverly Hills on December 9-16 (12.10pm, 4.50pm and 9.55pm). 

[caption] Maria Carolina Terzi, producer. Photo: Denni Christopherson[/caption]

Maria Carolina, why did you decide to produce Cinderella the Cat

Maria Carolina Terzi: When I was working for Istituto Luce, I had the chance to work on Luciano Stella and Alessandro Rak’s first movie, The Art of Happiness. When I left that job I decided to keep working with them as I truly believed in their projects. 

What appealed you the most in their work?

Maria Carolina Terzi: I think Rak and the other directors of the movie have the skill to speak right to the heart of people. We really do get emotional when we work on our project, we put our hearts and our souls into them.   

[caption]Luca Riemma, attore, con Florindo Blandolino, direttore dell' Italian Trade Agency. Photo: Denni Christopherson[/caption]

Tell us something about the production company, Mad Entertainment.

Maria Carolina Terzi: It was founded by Luciano Stella as a studio-factory in Naples.  It’s just twenty employees,  Luciano, Mauro Luchetti and I, the producers, and the animators. Reading the credits at the end of a movie makes me smile,  it’s a only a few names, over and over again! I think that those who will watch Cinderella the Cat  will understand that making such a work in three years and with a 1.2 million budget is a bit of a miracle. 

How did you come up with the idea of turning a story that was handed down orally into an animated feature film?

Maria Carolina Terzi: Luciano Stella’s always been an advocate of animation. Initially, we opted to make a documentary on The Art of Happiness, an exhibition on philosophy, Buddhism spiritual investigation that Luciano has been organizing in Naples for 15 years. 

When Persepolis and Waltz with Bashir were released, he decided to make an animated movie out of the idea and started looking for people to hire for the project. He eventually met Alessandro Rak. Naples turned out to be a place full of talented artists. 

[caption]Luca Riemma. Photo: Denni Christopherson[/caption]

Cinderella the Cat will screen in Los Angeles and has been chosen by the Academy. What does it mean for you?

Maria Carolina Terzi: It means that our production company opened the way for those who want to work in the animated cinema sector in Italy. We are here in LA, trying to get a nomination also because the “Sistema Italia” wants it. All of our partners like Cartoon Italia fought very hard for the movie to be screened in the States. 

What’s the movie’s path in the States at the moment? 

Maria Carolina Terzi:  Academy members will vote to choose five movies out of the 26 that have been nominated.  These five movies will go to the Oscars. We’d love to be in the shortlist. We organized the promotion campaign in only twenty days with the support of Cartoon Italia, our distributor Raicom and the Italian Ministry. The movie wrapped up on August 5th, on September 5th it was at the Venice Film Festival, on September 15th it was in theaters in Italy and it got nominated for the Oscars on November 1st.  A beautiful but tiring ride: we were definitely not ready for an Oscar campaign. I guess we need Saint Januarius’ help to make this dream come true! 

[caption] Maria Carolina Terzi, producer, Mauro Luchetti, producer, with Consul General Antonio Verde. Photo: Denni Christopherson[/caption]

Can you tell us something about the four directors? 

Maria Carolina Terzi: Alessandro Rak is an animation director and animator. Dario Sansone is an animator and musician, frontman of well known Neapolitan band Froya. He wrote the soundtrack for The Art of Happiness as well. Marino Guarneri is drawing artist and an animator, and Ivan Cappiello is a 3D specialist and a Blender specialist,  an open source program for animators. 

Why did you decide to picture Naples in such an unusual way, rainy in The Art of Happiness and dark and impoverished in Cinderella the Cat

Maria Carolina Terzi: In the first movie, Naples was rainy because we didn’t have the budget to have a sunny scenario in which it’s necessary to draw shadows, details which means more work. This technical limitation eventually turned out to be an ingenious idea because it showed a gloomier, sad side of  Naples, a city under the rain, depressed, that no one had ever seen before. Sergio, the main character, became a taxi driver for the same reason: to have him walk was going to be way more expensive.In both cases, these ideas paid back.  In Cinderella The Cat we decided to have just one location, the ship, in order to let the animators focus only on a small amount of backgrounds. 

What are you working on at the moment? 

Maria Carolina Terzi:  On a wonderful project, a movie called Deaddy, like a dead-daddy, it will be a Tim Burton kind of story. But I won’t say anything more because I don’t want to jinx it! 

Luca, why was it important to bring this movie here in Los Angeles? 

Luca Riemma: Before accepting to organize this screening I asked to watch the movie and when I did I literally fell in love with it. It shows an authentic Naples,  a city often only associated with stereotypes like pizza or criminality. This movie, on the other hand, shows the city’s  passion and genius, as well as its negative aspects like criminality, but in a balanced fashion, without over-emphasizing them. It’s a fairytale that conveys  Neapolitan emotions, I felt home when I watched it. 

What did you like the most about it?

Luca Riemma: What got me really emotional was knowing that the producers are not from Naples, but yet they love the city very deeply. And the fact that behind the movie there’s art, youth, passion… talents that blend together in the colors and in the soundtrack. The movie is profoundly deep.

It’s a different Naples compared to what we are used to, isn’t it?

Luca Riemma: It’s a futuristic Naples,  with an old fashioned spirit in its language. The dialogues sound like they are from the ’30, a bit liberty-ish and a bit baroque. There’s a mix between modern and old in the music score as well. 

A quote from the movie says: “You have to be worthy to be Neapolitan.” What does it mean for you? 

Luca Riemma: People from Naples have a responsibility, as everything we do spread all over the world, so we need to be doing things respectfully and ethically. Being folkloristic, passionate, loud, doesn’t mean we are rude or arrogant: bad manners are everywhere, in every city in the world. We have to bet on future generations and this movie can teach Neapolitan youth to experience and recount the city not only through criminality but also as a form of art.

È stato proiettato il 27 novembre al TLC Chinese Theater di Hollywood il film d’animazione italiano Gatta Cenerentola - Cinderella the Cat. Il film è stato scelto dall’Academy per la categoria Miglior film d’animazione (la prima volta per l’Italia, nonostante la sua lunga tradizione di successo nella produzione dei film d’animazione), e quindi potrebbe essere selezionato nella shortlist finale e correre per un Oscar. La shortlist verrà annunciata il 23 gennaio 2018. 

Gatta Cenerentola - Cinderella the Cat è una rilettura post moderna e noir della celebre fiaba contenuta ne Lo Cunto de li Cunti di Giambattista Basile, portata successivamente a teatro da Roberto De Simone nel 1976, e ora sul grande schermo dai registi Alessandro Rak (già regista de L’arte della felicità), Ivan Cappiello, Marino Guarnieri a Dario Sansone in una nuova versione retro-futuristica.  

“Il cinema è uno strumento importante per diffondere i valori dell’Italian Style” ha commentato il Console Generale d’Italia a Los Angeles Antonio Verde durante la premiere statunitense che è stata attivamente promossa dal Consolato Generale e che si è tenuta a Hollywood. 

In questa occasione L’Italo-Americano ha intervistato Maria Carolina Terzi, produttrice del film, e Luca Riemma, attore napoletano da 5 anni a Los Angeles, che ha organizzato le proiezioni insieme a Pascal Vicedomini.     

Gatta Cenerentola - Cinderella the Cat è stato proiettato il 2 dicembre all’Istituto Italiano di Cultura, e al Laemmle Theater di Beverly Hills dal 9 dicembre al 16 (12.10pm, 4.50pm e 9.55pm).   

Maria Carolina, come si è avvicinata alla promozione di Gatta Cenerentola? 

Maria Carolina Terzi: Anni fa, quando lavoravo all’Istituto Luce, avevo sviluppato il primo film di Luciano Stella e Alessandro Rak, L’arte della felicità. Quando poi sono andava via di lì, ho deciso di continuare a lavorare con loro su un secondo film perché credevo moltissimo in quello che facevano.

Cosa l’ha colpito del loro lavoro?

Maria Carolina Terzi: Credo che Rak e i registi abbiano la capacità di parlare al cuore della gente. Siamo un gruppo di persone che lavora commuovendosi molto rispetto a quello che fa, ci mettiamo il cuore. 

Puoi darmi qualche numero sulla Mad Entertainment? 

Maria Carolina Terzi: Il papà, il fondatore, è Luciano Stella che ha creato un vero e proprio studio-factory a Napoli. Siamo uno studio composto da 20 persone: Luciano, io e Mauro Luchetti che siamo i produttori e poi gli animatori. Se si vedono i titoli di coda, alla fine del film, fa sorridere vedere sempre gli stessi nomi. Penso che chi lo vedrà forse capirà che è un piccolo miracolo aver fatto un film in tre anni di lavoro e con un milione e due di budget. 

Come è nata l’idea di fare un film di animazione su una storia tramandata oralmente a Napoli? 

Maria Carolina Terzi: Luciano Stella è sempre stato un fanatico dell’animazione. All’inizio dovevamo fare un documentario su L’arte della felicità che è una rassegna filosofica, buddhista, di indagine sullo spirito, che Luciano organizza a Napoli da 15 anni. Quando uscì Valzer con Bashir e Persepolis, Luciano iniziò a pensare di farlo in animazione, così ha iniziato a cercare gente a Napoli e ha incontrato Alessandro Rak. Napoli si è rivelata una fucina di disegnatori di grande talento.  

Cosa significa per voi che Gatta Cenerentola sia stato proiettato al famoso Chinese Theater di Hollywood e che sia stato scelto dall’Academy? 

Maria Carolina Terzi: Significa che la nostra casa di produzione è diventata un’apripista per quelli che vogliono fare animazione in Italia. Siamo qui a Los Angeles a tentare la nomination perché lo vuole fortemente anche il Sistema Italia. Cartoon Italia, quando ha visto il film, ha fatto di tutto affinché arrivasse a L.A. 

Quale sarà il percorso del film negli States adesso? 

Maria Carolina Terzi: Adesso i volontari dell’Academy voteranno per scegliere i 5 nominati tra i 26 film. Questi 5 film andranno all’Oscar. Noi cerchiamo anche solo di arrivare nella short list. Abbiamo organizzato tutto questo con Cartoon Italia, con il nostro distributore Raicom e il Ministero in appena venti giorni. Il film è stato terminato il 20 agosto, il 5 settembre eravamo a Venezia al Festival, il 15 settembre in sala, il 1 novembre iscritti all’Oscar. Una corsa bellissima ma stancante, e non siamo molto preparati a una campagna per l’Oscar… ci vorrebbe San Gennaro per far avverare questo sogno! 

Cosa ci può dire dei quattro registi? 

Maria Carolina Terzi: Rak è un regista d’animazione e un animatore. Dario Sansone è anche lui un disegnatore e un musicista, il frontman dei Froya, una band molto seguita a Napoli. Ha fatto le musiche anche per L’arte della Felicità. Marino Guarnieri è disegnatore e animatore, e Ivan Cappiello è specializzato nel 3D, nel Blender, un programma di animazione open source.

Come è nata la decisione di creare questa Napoli così insolita, ne L’arte della felicità c’era questa pioggia continua e in Gatta Cenerentola è così dark e decadente? 

Maria Carolina Terzi: Nel primo film, la Napoli piovosa era dovuta al fatto che non avevamo i soldi per fare il sole, perché la pioggia garantiva di non dover avere delle ombre, di non doversi concentrare sui dettagli. Un’idea dettata dal bisogno tecnico ma che si è rivelata geniale perché ha mostrato una Napoli triste, una Napoli sotto la pioggia, depressa, che nessuno aveva mai visto prima. Stesso motivo per Sergio, il protagonista, diventato un tassista perché farlo camminare sarebbe costato di più. Sono state scelte geniali in entrambi i casi. Per Gatta Cenerentola la scelta dell’unicità della location, una nave, ha garantito il potersi concentrare su poche scenografie. 

Su cosa state lavorando adesso? 

Maria Carolina Terzi: Siamo già lavorando su un progetto meraviglioso. Un film che si chiamerà Deaddy, ovvero papà-morto, sarà una storia Tim-Burtiana. Ma non dico altro per superstizione!

Luca, come mai era importante portare questo film a Los Angeles?

Luca Riemma: Prima di accettare ho chiesto di vedere il film e mi sono letteralmente innamorato. Ho visto che c’è una verità su Napoli, su cui a volte ci sono degli stereotipi (o si va sulla pizza e mandolino o sulla criminalità). Questo film invece abbraccia invece la passione, la genialità del napoletano, e anche i suoi lati negativi, come la criminalità. In questo caso però, non vengono esagerati ma rappresentati in modo equilibrato. E’ una fiaba che ti trasmette le emozioni di Napoli, e io mi sono sentito a casa. 

Cosa l’ha appassionata di più del film?

Luca Riemma: La cosa che mi ha emozionato è che i produttori non sono napoletani ma provano un grande amore per la città. E poi nel film ci sono arte, gioventù, passione… talenti che si mescolano nei colori e nella colonna sonora. Ho visto molta profondità nel film. 

Una Napoli diversa rispetto a quella che si aspettava di vedere?

Luca Riemma: Una Napoli futuristica ma con uno spirito antico nel linguaggio, un linguaggio anni ’30, un po’ stile liberty e a tratti barocco, un mix tra l’antico e il moderno anche nelle musiche. 

Una frase del film è: “Dovete essere all’altezza di essere napoletani”. Cosa significa per lei? 

Luca Riemma: Il napoletano ha una responsabilità perché tutto quello che fa viene raccontato nel mondo, per cui bisogna avere la responsabilità di fare le cose con etica e rispetto. L’essere folcloristici, pieni di passioni, vivi, non significa essere maleducati o arroganti. La maleducazione, peraltro, è ovunque, in tutte le città del mondo. Resta a noi puntare sulle nuove generazioni. Questo può essere un film che ai giovani napoletani insegnerà come raccontare e vivere Napoli non solo attraverso la criminalità ma come forma d’arte.

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Taste of Italy: teaching Italian culture, cuisine and wine to a new generation of chefs

How a perfect night looks like when you are an Italian food lover? The answer could come from people who attended the Taste Of Italy event, organized...

The Italian Riviera, heart of the Grand Tour

Come to the beach where the sea is blue, and little white waves come running at you. A wave comes splashing, over your toes; you just stand still,...

The art of making soap with almond ashes

Some decades have passed, but the memory of almond trees fields is still very much alive in my mind. Fields that filled our land with many, old trees...

Sicily through the lenses of a maestro

Sicilian photographer Giuseppe Leone has earned the distinguished title of maestro after six decades of documenting the culture, traditions and...

Does Italy really need Starbucks?

The news arrived just a handful of days ago, but it was barely noticed in Italy. Perhaps it’s because we are busy trying to understand who is going...

Weekly in Italian

Recent Issues