An Italian November made of cinema and good food

Cinema Italian Style is only one of the initiatives supporting Italian culture in the US this month. Courtesy: cinemaitalianstyle.com

We’ve just left behind this year’s celebrations - and controversies - of the Italian Heritage Month and only started thinking about our Thanksgiving menu, when Italy takes flamboyantly center stage again. November happens to be the chosen month to bring to the fore two incredibly important realities of Italian culture and creativity, food and cinema, thanks to Cinema Italian Style 2017 and the Settimana della Cucina Italiana nel Mondo. 

Italian cuisine barely needs an introduction. With its fantasy and sense of place, it remains one of the things people of Italy all around the world are most proud of: delicious and wholesome, but also decadent and rich, its variety has made it the symbol of all that’s possible in the kitchen. Italians of all eras found in cooking not only a way to fill their stomachs, but also - and possibly even more importantly - an incredibly versatile manner to express themselves and their bond to the motherland. All regions and, within them, each town and household, developed special recipes, concoctions and ideas that became a real symbol of their heritage and their surroundings; for those Italians who grew up away from the peninsula, food always represented one of the strongest ties with their identity, an essential part of what “being Italian” meant.

The month of november celebrates Italian cuisine, a country excellence, all around the world

This is because food in Italy is much more than, well, food; it is, as said, a straight link to one’s origins, a dive into tradition and, crucially, a way to show and assert emotional bonds and relationships. To Italians, cooking is an act of love: love for Italy and for “il buon vivere,” but especially love for the people they cook for. Every gesture in the kitchen, every flavor in the plate, is a small act of care and kindness for all those sitting around the table. Quintessential is, in this sense, the figure of our grandmothers: thinking about them often grants moments of immense joy, if somehow filled with a swipe of sadness if they happen to no longer be with us, tied to their loving smile, the faint scent of lavender of their skin and, of course, the flavors of their cooking. 
Cooking is also an act of creativity and, thanks to this, Italian cuisine enters often the exclusive world of art. Food becomes art on the plate and in the mouth, but it is so even before coming into being, when it’s conceived and invented, putting together special ingredients, or making the best of the little available in our ancestors’ larders,  in times when having a nutritious meal on the table twice a day wasn’t as obvious an occurrence as it is now. 

Cinema has always had a similar role in the diffusion of Italian culture around the world. It may be because we have Cinecittà, where so many of those amazing 1950s historical movies were made, or thanks to our beautiful iconic actresses, like Sophia Loren or Gina Lollobrigida, and our genial directors like Federico Fellini and Vittorio de Sica, all the way to the comic yet poetic verve of Roberto Benigni and the dream-like imagery of Paolo Sorrentino. Through the Seventh Art, Italy found a way to represent itself in all its beauty and idiosyncrasies, and to portray its often harsh reality without ever forgetting there is always something good to be found in the country. It may be a corner of Rome, the smile of Silvana Mangano or the spirited one liners of Alberto Sordi: you’re always remembered, when watching an Italian movie, that Italy may be difficult, but there isn’t a place quite like it. 

More prosaically, but just as relevantly, we shouldn’t forget the role Italian actors and directors had in the development of cinema around the world; we’re not talking about technologies and big bucks investments, but rather about aesthetics and concepts, that unique mix of poetics and images largely associated to Italian cinematography. 

November wants to celebrate these important realities of Italian culture around the world with two dedicated events: the Cinema Italian Style 2017, organized by Istituto Luce Cinecittà and American Cinematheque, in collaboration with the Italian Trade Agency and the IIC, under the auspices of the Consulate General of Italy in Los Angeles, which will take place in Los Angeles from the 16th to the 21st of November, and the Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, organized around the world with the support of Italian Embassies and Consulates from the 13th to the 19th of November. This year, Cinema Italian Style is dedicated to the creativity and work of Michelangelo Antonioni, great representative of contemporary Italian cinema. Locations of the event, organized by Istituto Luce and American Cinemateque in collaboration with Italian Trade Agency and the Istituto Italiano di Cultura, will be the Egyptian Theater and the Aero Theater in Los Angeles. 

The Settimana della Cucina Italiana nel Mondo celebrates its second edition and this year is dedicated to the “extraordinary Italian taste.” Central to the event are the ideas of quality, sustainability, culture, identity, territory and biodiversity, with a special accent placed on pairing good food and wines, as well as bringing recognition to authentic and traditional culinary realities of the Bel Paese, also through the appreciation of culinary itineraries and the Mediterranean diet. A specific interest will also be given to the patrimony of the areas hit by the 2016 earthquake, as well as to the support of the candidatures of the Neapolitan art of pizza making and of the Valdobbiene Valley to the UNESCO World Heritage list. 

Ideally, and visually, bringing it all together is the photography exhibition Cinema e Cibo, held at the Istituto Italiano di Cultura in Los Angeles, in conjunction with Cinema Italian Style 2017 and the Settimana della Cucina Italiana nel Mondo. Here, the social and cultural changes that invested Italy through the 20th century are revisited through the lenses of the cinematic art and on the faces of Italy’s most famous actors and actresses. 

As we should celebrate our heritage all year round, it’s nice to see interest in Italy and its culture is no longer limited to the month of October. There’s plenty to do and see, in this month of November, for all Italians and Italophiles around the US, too. 
 

Abbiamo appena lasciato alle spalle le celebrazioni (e le controversie) di quest'anno del Mese del Patrimonio Italiano e abbiamo appena iniziato a pensare al nostro menù del Ringraziamento, quando teatralmente l'Italia riprende di nuovo il palcoscenico. Novembre è il mese scelto per mettere in luce due realtà incredibilmente importanti della cultura italiana e della creatività, il cibo e il cinema, grazie a Cinema Italian Style 2017 e alla Settimana della Cucina Italiana nel Mondo.

La cucina italiana non ha bisogno di presentazioni. Con la sua fantasia e il senso del luogo, rimane una delle cose di cui la gente d'Italia di tutto il mondo è più fiera: deliziosa e salutare, ma anche opulenta e ricca, la sua varietà l’ha resa simbolo di tutto ciò che è possibile in cucina. Gli italiani di tutti i tempi trovano nella cucina non solo sono un modo per riempire lo stomaco, ma anche - e cosa forse ancora più importante - un modo incredibilmente versatile per esprimere loro stessi e il loro legame con la patria.  

Tutte le regioni e, all'interno di esse, ogni città e famiglia, hanno sviluppato speciali ricette, combinazioni e idee che sono diventate un vero simbolo del loro patrimonio e del loro ambiente circostante; per quegli italiani che si sono allontanati dalla penisola, il cibo ha sempre rappresentato uno dei legami più forti con la propria identità, una parte essenziale di ciò che significa "essere italiani". Questo perché il cibo in Italia è molto di più che semplice cibo; è, come detto, un collegamento diretto con le proprie origini, un’immersione nella tradizione e, fondamentalmente, un modo per mostrare e affermare legami emotivi e relazioni.  

Per gli italiani, cucinare è un atto d'amore: l'amore per l'Italia e per il "buon vivere", ma soprattutto l'amore per le persone che cucinano. Ogni gesto in cucina, ogni sapore del piatto, è un piccolo atto di cura e gentilezza verso tutti coloro che si siedono intorno al tavolo. Essenziale, in questo senso, è la figura delle nostre nonne: pensare a loro spesso concede momenti di gioia immensa, anche se in qualche modo pieni di tristezza, se capita che non siano più tra noi, legati al loro sorriso amoroso, al dolce profumo di lavanda della loro pelle e, naturalmente, ai sapori della loro cucina.

La cucina è anche un atto di creatività e, grazie a questo, la cucina italiana entra spesso nel mondo esclusivo dell'arte. Il cibo diventa arte sul piatto e nella bocca, ma è così prima ancora di esserlo, quando è concepito e inventato, quando mette insieme ingredienti speciali o tira fuori il meglio del poco disponibile nelle dispense dei nostri antenati, nei tempi in cui avere a tavola un pasto nutriente due volte al giorno non era così ovvio come adesso.

Il cinema ha sempre avuto un ruolo simile nella diffusione della cultura italiana in tutto il mondo. Può essere perché abbiamo Cinecittà, dove sono stati fatti molti di quei film storici degli anni Cinquanta o grazie alle nostre bellissime attrici iconiche, come Sophia Loren o Gina Lollobrigida, e ai nostri geniali registi come Federico Fellini e Vittorio de Sica, a tutto il senso comico e poetico di Roberto Benigni e alle immagini da sogno di Paolo Sorrentino. Attraverso la Settima Arte, l'Italia ha trovato un modo per rappresentarsi in tutte le sue bellezze e idiosincrasie e per ritrarre la sua realtà spesso dura, senza mai dimenticare che si può sempre qualcosa di buono nel Paese. Può essere un angolo di Roma, il sorriso di Silvana Mangano o le battute vivaci di Alberto Sordi: ci si ricorda sempre, guardando un film italiano, che l'Italia può essere difficile, ma non c'è un altro posto simile.

Più prosaicamente, ma altrettanto pertinente, non dobbiamo dimenticare il ruolo che gli attori e i registi italiani hanno avuto nello sviluppo del cinema in tutto il mondo; non stiamo parlando di tecnologie e di grandi investimenti in dollari, ma piuttosto dell’estetica e dei concetti, di quel mix unico di poetica e immagini largamente associato alla cinematografia italiana.  
Novembre vuole celebrare queste importanti realtà della cultura italiana in tutto il mondo con due eventi dedicati: Cinema Italian Style 2017, organizzato da Istituto Luce Cinecittà e American Cinematheque, in collaborazione con Italian Trade Agency e IIC, sotto gli auspici del Consolato Generale d’Italia in Los Angelesche si svolgerà a Los Angeles dal 16 al 21 novembre, e la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo organizzata nel mondo con il sostegno delle ambasciate e consolati italiani dal 13 al 19 novembre. Quest'anno Cinema Italian Style è dedicato alla creatività e al lavoro di Michelangelo Antonioni, grande rappresentante del cinema italiano contemporaneo. Le sedi dell'evento, organizzate dall'Istituto Luce e dall'American Cinemateque in collaborazione con l'Agenzia di Commercio Italiana e l'Istituto Italiano di Cultura, saranno il Teatro Egizio e il Teatro Aero di Los Angeles.

La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo celebra la sua seconda edizione e quest'anno è dedicata al "gusto italiano straordinario". Al centro della manifestazione ci sono le idee di qualità, sostenibilità, cultura, identità, territorio e biodiversità, con un accento particolare sull’abbinamento tra buon cibo e vino, come anche sul riconoscere le realtà culinarie autentiche e tradizionali del Bel Paese, anche attraverso l'apprezzamento degli itinerari culinari e della dieta mediterranea.  

Un rilievo particolare sarà dato anche al patrimonio delle aree colpite dal terremoto del 2016, nonché al sostegno delle candidature dell'arte napoletana della pizza e della Valle Valdobbiene alla lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Idealmente e visivamente, a mettere tutto insieme, è la mostra fotografica Cinema e Cibo, che si tiene all'Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles, in collaborazione con il Cinema Italian Style 2017 e la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo.  

Qui i cambiamenti sociali e culturali che hanno investito l'Italia nel XX secolo sono rivisti attraverso le lenti dell'arte cinematografica e i volti degli attori e delle attrici più famosi d'Italia. Dal momento che dovremmo celebrare il nostro patrimonio durante tutto l'anno, è bello vedere che l'interesse per l'Italia e la sua cultura non è più limitato al solo mese di ottobre. C'è molto da fare e da vedere, in questo mese di novembre, per tutti gli italiani e gli italofili anche in giro per gli Stati Uniti.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Cycling in Ferrara - Emilia Romagna’s city of bicycles

Ferrara: oh, the tragedy of having overlooked this beauty of an Italian city for so many years! But we’re in the good company of a whole lot of other...

Nicoletta Machiavelli: from Italian movie star to Seattle language teacher

The camera loved Nicoletta Machiavelli, a sultry, dark-haired Italian beauty best known for her roles in the spaghetti westerns of the 1960s. She co-...

Bologna, capital of rediscovered flavors and “Made in Italy” culinary culture

For the longest time, Bologna has been happily known as “The Learned,” “The Fat,” or “The Red.” Until a few months ago, however, the city seemed to...

Italian fashion helps victims of Northern California fires

On Saturday, October 14, 2017, San Francisco’s Museo Italo Americano hosted a fundraising event organized by Isabella Weiss di Valbranca and...

Supporting the UNESCO candidature of the Neapolitan pizza making art

The event Tu Vuò fa’ il Napoletano - Facce da Pizza landed in the USA. The first of the three gatherings in support to the candidature of the...

Weekly in Italian

Recent Issues