A window on Italy: Cinema Italian Style

The 13rd edition of Cinema Italian Style, held on November 13- 21, is Los Angeles showcase for the best Italian movies of the year

The 13rd edition of Cinema Italian Style, held on November 13- 21, is Los Angeles showcase for the best Italian movies of the year. Ten movies were selected by Artistic Curator Laura Delli Colli, in collaboration with American Cinematheque’s Director of Programming, Gwen Deglise. Their selection was presented as part of the official program of Cinema Italian Style 2017 at the Aero Theatre in Santa Monica, at the presence of directors and actors. The event  was produced by Luce Cinecittà, with the support of the Italian Ministry of Cultural Heritage, Activities and Tourism, in collaboration with the Italian Consulate, the Italian Trade Agency and the Italian Cultural Institute. 

Consul General Antonio Verde, Claudio Santamaria, Valeria Rumorii. Photo: Stefania Rosini

This year’s edition focused on supporting the Italian entry to the Academy Awards 2018 for Best Foreign Language Film, A Ciambra, by Jonas Carpignano. The movie, shot in the south of Calabria, is centered on the life and community of a marginalized Romani boy -played by amateur actor Pio Amato,who stars as himself - as he sets out to prove he’s a grown man.  

In a ten day marathon full of events, Los Angeles’ audience had also the possibility to discover digitally restored masterpieces like Blow Up and Red Desert by Michelangelo Antonioni, to pay him homage  on the tenth anniversary of his death.Both  screenings were part of the official AFI FEST 2017 presented by the Audi program.  

The 13rd edition of Cinema Italian Style, held on November 13- 21, is Los Angeles showcase for the best Italian movies of the year. Photo: Stefania Rosini

“Cinecittà has 80 years of experience and it is an amazing place to produce films and tv series. The best talents enriched it over the years: let us not forget this place has once been home to Federico Fellini, Martin Scorsese, Sergio Leone, Sophia Loren, Marcello Mastroianni” said Roberto Cicutto, President and CEO of Luce Cinecittà.   

Award winning actress Sarah Gadon, star of Netflix’s critically acclaimed Alias Grace, was honored by Luce Cinecittà with the inaugural Cinecittà Key during the black carpet on November 15 at Roosevelt Hotel in Hollywood. Photo: Stefania Rosini

Award winning actress Sarah Gadon, star of Netflix’s critically acclaimed Alias Grace, was honored by Luce Cinecittà with the inaugural Cinecittà Key during the black carpet on November 15 at Roosevelt Hotel in Hollywood.  She is a Canadian and Italian citizen and she played in movies such as Denis Villeneuve’s Enemy, David Cronenberg’s Cosmopolis, A Dangerous Method and Maps To The Stars, Amma Asante’s Bell and James Shamus’ Indignation.   

Consul General Antonio Verde, Sarah Gadon, Camilla Cormanni. Photo: Stefania Rosini

During the opening night event, held on November 16 at the Egyptian Theater in Hollywood, we interviewed actor and voice- actor Ron Perlman: ”I am a fan of Italian movies. I made a movie in Italy, based on a book by Umberto Eco, The Name of the Rose. That was a dream come true and the root of a love and admiration for Italian cinema that has defined my life. My favorite Italian director at the moment is Paolo Sorrentino, he can’t do no wrong. He creates amazing images, even if he makes a  mistake. Some artists’ worst stuff is better than others’ masterpieces. Paolo is like that.”  

Film directors Marco and Antonio Manetti. Photo: Stefania Rosini

Acclaimed actor Claudio Santamaria  told us about his directing debut with The Millionairs, a short film inspired by Thomas Ott’s graphic novel, selected in collaboration with Rome’s Creative Contest Festival. “It’s a completely different thing, you are in charge of the whole creative process and it’s something that I have always missed as an actor, where you’re really more of a pawn. For me directing is way more satisfying. Going on set as a director is like getting ready to sail: everything needs to be ready, because directing, sometimes, is like being on a ship in a stormy weather.” When asked about his relationship with old Italian cinema he told us: “Fellini was my source of inspiration, just like Antonioni, Pasolini, and Bertolucci, with whom I was lucky enough to work  when I was only 23.” 

Film director Francesco Bruni with Raffaella Lebboroni. Photo: Stefania Rosini

Manetti Bros’s movie Love and Bullets, dubbed by some “the Italian LaLaLand,” is set in the beautiful Bay of Naples. It’s not only an action thriller, but also a romantic comedy with music that ranges from Neapolitans songs to rap. “Our movie had a good success when recently screened in Seattle. We understand why it was considered “the Italian LaLaLand” at the Venice Film Festival this year, even though  the two movies have nothing in common.  Love and Bullets is more of a crime musical, where actors not only dance and sing but also fire guns. Our inspirations come from countries like China: we love Hong Kong cinema. Also the States have a huge tradition in musical, but ours is more inspired by India, it is more like a Bollywood kind of musical.” 

This year’s films included many outstanding performances. Jasmine Trinca, awarded Best Actress at the Cannes Film Festival for Un Certain Regard, and best Italian actress at the  2017  Nastri d’Argento Awards, presented the movie Fortunata, by director Sergio Castellitto, in which she plays a soon-to-be-single mom struggling to realize her dreams. Andrea De Sica’s, nephew of master Vittorio De Sica and son of composer Manuel, and Roberto De Paolis’ proposed their feature debut,  Children of the Night,  where two friends try to shake the wide-ranging restrictions of their boarding school. In Pure Hearts Roberto De Paoli tells the story of  chaste teen Agnese, who falls hard for Stefano, a young security guard. Silvio Soldini presented Emma,  a movie exploring the feelings between a beautiful blind osteopath, played by Valeria Golino, and a womanizing ad agency man, played by Adriano Giannini.   

Andrea Molaioli’s Slam, based on the successful novel by Nick Hornby, is the story of a California-dreaming skater facing the most exciting, yet frightening, of the experiences for a teenager: growing up.  

Two recent Italian comedies based on the lives of mismatched duos were also shown: Francesco Amato’s Let Yourself Go, where an austere psychoanalyst, played by Toni Servillo - La Grande Bellezza leading actor -tries to lose some weight with the help of an outgoing personal trainer, and  Francesco Bruni’s Friends by Chance, the story of a 22-year-old slacker who’s forced to tend to an 85-year-old poet suffering from Alzheimer’s, played by Italian master Giuliano Montaldo.   

It’s the Law,  a movie by very popular tv duo and comedians Ficarra and Picone, was a box office hit comedy in Italy and tells the story of a small Sicilian village that experiences culture shock when its new mayor says no to corruption. To wrap up the Festival, Gianni Amelio’s Holding Hands, where Renato Carpentieri, best Italian actor 2017 at the Nastri d’Argento Awards, plays a retired lawyer who feels closer to his neighbor’s kids than his own children.

 

 

La tredicesima edizione di Cinema Italian Style, tenutasi dal 13 al 21 novembre, è la vetrina di Los Angeles per i migliori film italiani dell’anno. Dieci film sono stati selezionati dalla curatrice artistica Laura Delli Colli insieme alla direttrice della programmazione dell’ American Cinematheque Gwen Deglise. La loro selezione è stata presentata come parte del programma ufficiale di Cinema Italian Style 2017 all’Aero Theater di Santa Monica, alla presenza di registi e attori. 

L’evento è promosso da Luce Cinecittà, con il supporto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo, in collaborazione con il Consolato Generale d’Italia, l’Agenzia per il commercio italiano e l’Istituto Italiano di Cultura. L’edizione di quest’anno è stata incentrata sul sostegno al film italiano che competerà per l’Italia agli Academy Awards 2018 nella categoria per il miglior film in lingua straniera, A Ciambra, il secondo film di Jonas Carpignano. Girato nel sud della Calabria, il film si immerge nella vita e nella comunità di un ragazzo rom emarginato, interpretato dall’attore non professionista Pio Amato, che dà anche il nome al personaggio, e nel suo tentativo di mostrare a tutti di essere un uomo adulto.

Nel corso di una maratona di dieci giorni ricca di eventi, il pubblico di Los Angeles ha avuto la possibilità di scoprire capolavori restaurati digitalmente come Blow Up e Red Desert di Michelangelo Antonioni. L’obiettivo della proiezione era ricordare i dieci anni dalla sua morte. Entrambe queste proiezioni hanno fatto parte del AFI FEST 2017 sponsorizzato da Audi. “Cinecittà ha 80 anni di esperienza ed è un posto fantastico per produrre film e serie tv.

 L’arte dei migliori talenti ha arricchito questo luogo che un tempo veniva chiamato casa da Federico Fellini, Martin Scorsese, Sergio Leone, Sophia Loren, Marcello Mastroianni “ha dichiarato Roberto Cicutto, Presidente e Ceo di Luce Cinecittà. L’attrice pluri-pluripremiata Sarah Gadon, protagonista dell’acclamata serie Alias Grace di Netflix, è stata premiata da Luce Cinecittà con la chiave di Cinecittà durante il tappeto nero del 15 novembre tenutosi al Roosevelt Hotel di Hollywood. Cittadina sia canadese che italiana, Sarah Gadon ha recitato in film come Enemy di Denis Villeneuve, Cosmopolis, A Dangerous Method e Maps to The Stars di David Cronenberg, Indignation di Amma Asante e Bell di James Shamus. 

Durante la serata di apertura, tenutasi il 16 novembre presso l’Egyptian Theatre di Hollywood, abbiamo intervistato l’attore e doppiatore Ron Perlman: “Sono un fan dei film italiani. Ho fatto un film girato in Italia, basato su un libro di Umberto Eco, Il nome della rosa. È stato un sogno che si è avverato e che mi ha portato ad ammirare e ad amare il cinema definendo poi la mia vita. Il mio regista italiano preferito al momento è Paolo Sorrentino, non ne sbaglia una. Fa immagini incredibili anche per sbaglio. Ci sono alcuni artisti le cui cose peggiori sono comunque migliori delle cose migliori di qualcun altro. Paolo è così.” 

ll famosissimo attore Claudio Santamaria ci ha raccontato del suo debutto alla regia con The Millionairs, cortometraggio ispirato alla graphic novel di Thomas Ott e selezionato in collaborazione con il Festival del Concorso Creativo di Roma. “È un altro mondo, hai sottomano tutto il processo creativo che è una cosa che da attore mi è sempre mancata. Da attore infatti dai il tuo apporto creativo ma sei una pedina. Per come sono fatto io è molto più appagante fare il regista. Andare sul set è come prepararsi per andare a fare un viaggio in nave, fai si che ci sia tutto, le provviste, le vele ecc. Il set è una nave in tempesta. Fellini è stata la mia fonte di ispirazione. Come Antonioni, Pasolini e Bertolucci con il quale ho avuto la fortuna di lavorare a soli 23 anni”.

Ammore e Malavita, film dei Manetti Bros, è stato definito il “LaLaLand italiano”. Ambientato nella splendida baia di Napoli, il film non è solo un thriller d’azione ma anche una commedia romantica con musica che spazia dalle canzoni napoletane fino al rap. “Il nostro film ha avuto buon successo a Seattle. Il film non ha nulla di simile a LaLaLand ma al Festival del Cinema di Venezia è stato definito così. Noi lo definiremmo un musical crime, un musical dove non solo si balla e si canta ma mentre lo si fa si spara anche. L’ispirazione viene molto dal cinema cinese, da quello di Hong Kong e da quello indiano che ha una tradizione per il musical come l’America, ma se il nostro film si ispira più ai musical di Bollywood.”  

I film di quest’anno hanno avuto molte interpretazioni d’eccezione. Jasmine Trinca, premiata come miglior attrice al Festival di Cannes “Un Certain Regard” e miglior attrice italiana 2017 ai Nastri d’Argento, ha presentato il film Fortunata del regista Sergio Castellitto, in cui interpreta una mamma che sta per diventare single e che lotta per realizzare i suoi sogni. È di Andrea De Sica, nipote del Maestro Vittorio De Sica e figlio del compositore Manuel, e di Roberto De Paolis, I Figli Della Notte, film in cui due amici iniziano ad architettare fughe notturne dalla scuola-prigione in cui si trovano. Cuori Puri di Roberto De Paolis racconta la storia di una casta adolescente, Agnese, che si innamora di Stefano, una giovane guardia di sicurezza, anche se il loro rapporto diventa fin da subito complicato. Emma di Silvio Soldini esplora i sentimenti tra un osteopata bella ma cieca, interpretata da Valeria Golino, e un donnaiolo di un’agenzia pubblicitaria, interpretato da Adriano Giannini. 

Slam di Andrea Molaioli, basato sul romanzo di successo di Nick Hornby, è la storia di uno skater che sogna la California, mentre affronta la più eccitante e allo stesso tempo spaventosa esperienze per un adolescente: diventare grande. 

Si parla di amori non corrisposti in altre due commedie italiane. In Lasciati Andare di Francesco Amato, in cui un austero psicoanalista, interpretato da Toni Servillo, attore principale ne La Grande Bellezza, cerca di perdere peso con l’aiuto di un personal trainer più estroverso. Tutto Quello Che Vuoi del regista Francesco Bruni, racconta la storia di un fannullone ventiduenne costretto a curare un meraviglioso poeta di 85 anni, malato di Alzheimer, interpretato dal Maestro italiano Giuliano Montaldo. 

L’Ora Legale è invece un film del famosissimo duo di comici televisive Ficarra e Picone, che è stato un successo al botteghino in Italia e racconta la storia di un piccolo villaggio siciliano che subisce una sorta di shock in seguito al risultato inaspettato delle elezioni comunali per il nuovo sindaco. A chiudere il Festival, La Tenerezza di Gianni Amelio in cui Renato Carpentieri, premiato come miglior attore italiano ai Nastri d’Argento, interpreta un avvocato in pensione che si sente più vicino ai figli della sua vicina di casa che ai propri.  

 

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

From Milan with love: Starbucks launches partnership with Italian baker Rocco Princi

Walk into the Starbucks Reserve Roastery in Seattle these days and the first thing that grabs your attention is the aroma. No, not of coffee roasting...

A different Italy at the Oscars: Carpignano’s A Ciambra

During the opening night of the 13th edition of Cinema Italian Style on November 16th, Italo-Americano interviewed Jonas Carpignano, director of A...

A tribute to Italian cuisine: Los Angeles celebrates the Second Annual Week of Italian Cuisine

T he Second Annual World Week of Italian Cuisine, held in Los Angeles on November 13-19, is an initiative of the Italian Government to support the...

Cycling in Ferrara - Emilia Romagna’s city of bicycles

Ferrara: oh, the tragedy of having overlooked this beauty of an Italian city for so many years! But we’re in the good company of a whole lot of other...

Nicoletta Machiavelli: from Italian movie star to Seattle language teacher

The camera loved Nicoletta Machiavelli, a sultry, dark-haired Italian beauty best known for her roles in the spaghetti westerns of the 1960s. She co-...

Weekly in Italian

Recent Issues