Castellammare del Golfo – Sicily’s seaside treasure

It’s a scientific fact (as if we needed proof) that fresh salt air, serene blue seas, and sand sifting between our toes is the best stress busting recipe around. But when done Sicilian style, the experience elevates to 5-star gourmet status.  
Situated neatly in a crescent-shaped gulf facing the Tyrrhenian Sea, Castellammare del Golfo lies midway between bustling Palermo and the tranquil salt fields of Trapani. (Dreamstime)
Situated neatly in a crescent-shaped gulf facing the Tyrrhenian Sea, Castellammare del Golfo lies midway between bustling Palermo and the tranquil salt fields of Trapani. This scenic waterfront town has embraced her natural harbor in a motherly hug for over two thousand years, as a succession of cultures have held rule. Aptly named for its original purpose – Sea Fortress of the Gulf – Castellammare del Golfo’s stout medieval fortress has been on watch, holding off ne’re-do-wells for some 1,500 years. The life blood of the town, fishing, remains a hearty industry to this day, providing bounty from the sea. 
Castellammare del Golfo: the charm and appeal of old Sicily seems to remain entrenched in this old town. (Dreamstime)
North-western Sicily’s red-dirt rugged mountains seem to give up the fight as they soften and relax along the coast, easing into the still-steep by gentler paths, streets, and stairways that spill out onto the crescent sand beach of Castellammare del Golfo and her Cala Marina. The stunning sandy break offers a calming transition into the clear azure waters of the Gulf of Castellammare, while an inviting array of waterside restaurants and bars offer a fine place to park oneself and admire it all.  
 
Within a shell’s throw from the sandy shore, six or so rows of perfectly aligned docks provide tie-offs for marine craft of varying sorts: traditional blue and white fishing boats, sailboats, small ferries, guide boats, skiffs, and kayaks. The overhead sun seems to look down like a stern capo (boss) directing the goings-on as the vessels go about their individual purposes, each getting busy early on and returning to harbor in time for the ritual  passeggiata.  
The stunning sandy break offers a calming transition into the clear azure waters of the Gulf of Castellammare. (Dreamstime)
Wrapped belt-like around the harbor, a stone walkway provides the perfect place for the evening promenade of old and young — some on foot, some on bike, some daring not to move at all, preferring chat and cin-cins. Alluring displays sit outside every café, showcasing the day’s catch of fish and sea life in hopes you’ll choose this or that for the evening meal.
 
Mounds of nylon fishing nets sit stacked along the promenade looking like oddly colored haystacks, some harassed by busy fishermen intent on mending while a hopeful cat or two prowls nearby.  At the pinnacle of the walkway where the bulkhead meets the sea, Castellammare’s imposing castello rises. Built upon castle ruins by the Arabs and further expanded when under Norman rule, the fortified structure is less than elegant, yet has done its duty since the 800’s. With no modern worries of hostile takeovers, the castle now serves as a mildly interesting museum offering a peek into the old ways of fishing and early life in the region.  The towering outline of the castello frames the town well... and makes quite an impressive backdrop for young lovers seeking solitude along the seawall. 
The life blood of the town, fishing, remains a hearty industry to this day, providing bounty from the sea. (Dreamstime)
Castellammare is also home to several noteworthy churches worth a visit for their baroque style and artistic works. In general, these are walkable from the harbor and offer a chance to intermingle in local neighborhoods and piazze as you dodge the boys playing street calcio and teenage daredevils on Vespas.   
 
Oh, the amenities! One would think this charming coastal haven was akin to Liguria’s Cinque Terre — overrun with tourists and on the well-beaten path. Surprisingly, it’s not. Sure, Castellammare del Golfo has a healthy share of summer guests seeking the clear blue seas of the northern coast, but the aura here is unique – and somewhat overlooked by the masses.
 
The charm and appeal of old Sicily seems to remain entrenched in this small town; traditional ways and the work-at-hand seem to supersede a need for being on a Top Ten Destination list, however good or bad that might be.  
 
Along with the obvious pleasures of beautiful beaches and a picturesque marina, not to mention amazingly fresh seafood and fine local wines at every turn, a week in Castellammare can also offer an enticing variety of memory-making excursions, all  near-enough-by and accessible by car or public transportation. 
 
A side trip to Segesta, the inland ancient city that most probably established Castellammare as a port, offers an amazing peek at life around 500 BC. The incredibly intact, albeit never completed, Doric-style temple stands gigantic and stoic, impressing its admirers as it’s done for over 2,500 years. And nearby, gracing the crest of Mt. Barbosa, sits the spectacular Greek amphitheater, posed like the diva she is atop grassy fields looking far down upon a sapphire sea. The theatre is used during the summer for plays and events; no need for special sound equipment – the acoustics are stunning!  
 
Further west but doable as a day trip lies the irresistible town of Cefalù. A bit crowded and rowdy, the beach front is postcard worthy as bathers and boats and pastel buildings blend to make a memorable picture. The intermingling of heritages here push and pull to grab your attention through architecture, food, and art. Offering a fine cultural experience, the contrast to smaller, slower paced Castellammare is notable,  making a late night glass of  zibibbo, that aromatic dessert wine beloved in Sicily, sipped on your hotel balcony even sweeter.  
 
And then there’s Erice,  a city so beautiful that even the poet Virgil extolled her virtues in the Aeneid, allowing his fabled hero Aeneas to make a stop here. Bring your hiking shoes and take the climb up the legendary mountain of Eryx for a breathtaking view over the port of Trapani. Don’t forget to take a peek at the ruins of the temple built to honor Diana some 1000 years before Christ. If you’d rather not break a sweat, stroll the cobbled streets while sampling the delights of the locally crafted fruit-shaped marzipan or a frosty granita, maybe with some gelato on top!  
 
Much to do, much to see in north-western Sicily – but the lovely prize at the end of the day remains: the return to Castellammare del Golfo. The soft glow of twinkling lights from docked vessels and harbor lights bounce and dance on the water as they welcome you back, almost seeming to ask why you thought you needed to leave, even for a day. And maybe you didn’t – being in the moment of this inviting, peaceful seaside town is living la dolce vita in the best of Sicilian style.  
 
È un fatto scientifico (se avessimo bisogno di prove) che la fresca aria salmastra, i sereni mari blu e setacciare la sabbia tra le dita dei piedi sia la migliore ricetta contro lo stress. Ma quando si fa in stile siciliano, l'esperienza si eleva allo status di gourmet a 5 stelle.  
 
Collocata ordinatamente in un golfo a forma di mezzaluna di fronte al Mar Tirreno, Castellammare del Golfo si trova a metà strada tra la vivace Palermo e le tranquille saline di Trapani. Questa pittoresca cittadina sul lungomare stringe il suo porto naturale in un abbraccio materno da oltre duemila anni, mentre è stata dominata da una successione di culture.
 
Propriamente chiamata per la sua funzione originaria - Fortezza marina del Golfo - la robusta fortezza medievale di Castellammare del Golfo è stata di guardia, sorvegliando per ben 1.500 anni. La linfa vitale della città, la pesca, rimane un'industria importante fino ad oggi, e fornisce abbondanza dal mare. 
 
Le scoscese montagne di terra rossa della Sicilia nord-occidentale sembrano gettare la spugna mentre si addolciscono e si rilassano lungo la costa, trasformando gradualmente le strade ancora ripide in strade e scalinate più delicate, che si riversano sulla spiaggia sabbiosa a forma di mezzaluna di Castellammare del Golfo e della sua Cala Marina.  
 
La splendida spiaggia sabbiosa offre un tranquillo passaggio nelle limpide acque cristalline del Golfo di Castellammare, mentre un'invitante varietà di bar e ristoranti sul mare offre un bel posto dove fermarsi e ammirare tutto.  
 
A pochi passi dalla spiaggia sabbiosa, sei o più file di banchine perfettamente allineate offrono attracchi per imbarcazioni di vario tipo: tradizionali barche da pesca blu e bianche, barche a vela, piccoli traghetti, pilotine, schifi e kayak. Il sole sopra la testa sembra guardare in basso come un severo capo che dirige le cose mentre i vascelli vanno in giro per i loro singoli scopi, ognuno dandosi da fare velocemente per tornare in porto in tempo per la passeggiata rituale. 
 
Avvolta come una cintura attorno al porto, una passerella di pietra offre il luogo ideale per la passeggiata serale di vecchi e giovani - alcuni a piedi, alcuni in bicicletta, alcuni che non osano affatto spostarsi, preferendo chiacchiere e cin-cin. Espositori seducenti stanno fuori da ogni caffetteria, mostrando il pescato del giorno e la vita marina nella speranza che tu scelga questo o quello per il pasto serale.
 
Montagne di reti da pesca in nylon stanno accatastate lungo la passeggiata e sembrano mucchi di paglia stranamente colorati, alcuni dei quali disturbati da indaffarati pescatori intenti a ripararle mentre un paio di gatti speranzosi si aggirano nelle vicinanze. Alla punta della passerella, dove la paratia incontra il mare, sorge l'imponente castello di Castellammare. Costruito sulle rovine di castelli arabi e ulteriormente ampliato sotto il dominio normanno, la struttura fortificata non è elegante, eppure ha fatto il suo dovere sin dall'800. Senza preoccupazioni moderne di ostili conquistatori, il castello ora funge da museo di interesse moderato che offre una sbirciatina nei vecchi modi di pescare e nei primi anni di vita nella regione. Il profilo imponente del castello incornicia bene la città ... e offre uno scenario impressionante per i giovani amanti che cercano la solitudine lungo l’argine marino. 
 
Castellammare è anche sede di numerose chiese degne di nota che meritano una visita per il loro stile barocco e le loro opere artistiche. In generale, queste sono raggiungibili dal porto e offrono la possibilità di mescolarsi nei quartieri e nelle piazze locali mentre schivate ragazzi che giocano a calcio in strada e temerari adolescenti sulla Vespa.  
 
Oh, che bello! Si potrebbe pensare che questo incantevole paradiso costiero sia simile alle Cinque Terre della Liguria - invaso dai turisti e sul sentiero battuto. Sorprendentemente, non lo è. Certo, Castellammare del Golfo ha una buona fetta di ospiti estivi che cercano i limpidi mari blu della costa settentrionale, ma qui l'aura è unica - e in un certo modo trascurata dalle masse. Il fascino e l'appeal della vecchia Sicilia sembrano rimanere radicati in questa piccola città; la tradizione e il lavoro fatto a mano sembrano soppiantare la necessità di trovarsi nella Top Ten della lista delle destinazioni, per quanto buona o cattiva possa essere. 
 
Insieme agli ovvi piaceri delle belle spiagge e di un pittoresco porticciolo, per non parlare del pesce incredibilmente fresco e dei vini locali ottimi in ogni occasione, una settimana a Castellammare può anche offrire una seducente varietà di escursioni che restano nella memoria, tutte abbastanza vicine e accessibili in auto o con i mezzi pubblici.  
 
Una gita a Segesta, l'antica città dell'entroterra che con tutta probabilità costruì Castellammare come porto, offre un sorprendente sguardo sulla vita intorno al 500 A.C. Il tempio incredibilmente intatto, anche se mai completato, in stile dorico si erge gigantesco e stoico, impressionando i suoi ammiratori come ha fatto per oltre 2.500 anni. E vicino, adornando la cresta del Monte Barbosa, si trova lo spettacolare anfiteatro greco, posato come una diva sopra campi erbosi che si affacciano su un mare di zaffiri. Il teatro viene utilizzato durante l'estate per spettacoli ed eventi; non c'è bisogno di speciali attrezzature audio: l'acustica è incredibile! 
 
Più a ovest, ma si può fare come gita di un giorno, si trova l'irresistibile città di Cefalù. Un po' affollato e turbolento, il fronte spiaggia è una degna cartolina con bagnanti e barche ed edifici color pastello che si fondono per dare un quadro memorabile. La mescolanza di patrimoni qui spinge e tira per attirare la vostra attenzione attraverso l'architettura, il cibo e l'arte.
 
Caratterizzato da una raffinata esperienza culturale, il contrasto con Castellammare, più piccola e lenta, è notevole, rendendo ancora più dolce il bicchiere di zibibbo a tarda notte, l'aromatico vino da dessert amato in Sicilia, sorseggiato sul balcone dell'hotel.  
 
E poi c'è Erice, una città così bella che persino il poeta Virgilio ha esaltato le sue virtù nell'Eneide, permettendo al suo leggendario eroe Enea di fermarsi qui. Portate le vostre scarpe da trekking e salite sulla leggendaria montagna di Erice per una vista mozzafiato sul porto di Trapani. Non dimenticare di dare un'occhiata alle rovine del tempio costruito per onorare Diana circa 1000 anni prima di Cristo. Se preferite non sudare, passeggiate per le strade acciottolate mentre assaporate le delizie di marzapane a forma di frutta fatte qui, o di una granita gelata, magari con del gelato sopra!  
 
Molto da fare, molto da vedere nella Sicilia nord-occidentale - ma il bel premio alla fine della giornata rimane: il ritorno a Castellammare del Golfo. Il morbido bagliore delle luci scintillanti delle navi attraccate e delle luci del porto rimbalzano e danzano sull'acqua mentre vi danno il bentornato, mentre sembrano chiedere perché pensavate di aver bisogno di andarvene, anche solo per un giorno. E se non l’avete fatto, godetevi questa invitante, tranquilla cittadina di mare vivendo la dolce vita nel migliore stile siciliano. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The 16th century pharmacy of the Pope

Every city has them, the so-called “hidden gems.” The places rarely visited by tourists, and the ones often forgotten about by locals. Living in a...

“Tutte le strade portano a Roma” and some have very quirky names

Indeed, at the times of the Empire, all roads led to Rome, especially when you think the Romans are behind the creation of the first Italian and...

The secret waters of Liscia

Water carries life within: nothing could be and exist without it. Water is also frightful, because of its power, which destroys and obliterates. A...

Cycling in Ferrara - Emilia Romagna’s city of bicycles

Ferrara: oh, the tragedy of having overlooked this beauty of an Italian city for so many years! But we’re in the good company of a whole lot of other...

Venice’s mouths of truth

Venice at the height of its power conjures images of merchant traders, carnival masks and debauchery. But for all its decadence Venetian life was...

Weekly in Italian

Recent Issues