Supporting the UNESCO candidature of the Neapolitan pizza making art

From the left: Pasquale Cozzolino, Paolo Surace, Peppe Miele, Martha de Laurentiis, Consul General Antonio Verde, Vito Iacopelli, Antonio Pace. Photo: Stefania Rosini

The event Tu Vuò fa’ il Napoletano - Facce da Pizza landed in the USA. The first of the three gatherings in support to the candidature of the Neapolitan pizza making art to UNESCO’s Intangible World Heritage, took place in Los Angeles on the 13th of October. Two million signatures were collected for the cause, and the final decision will be made public in Seoul, South Korea, in the next few months. A positive outcome would make of the Neapolitan way to make pizza the seventh Italian intangible treasure recognized by UNESCO, along with the Mediterranean diet, the Sicilian “Pupi” tradition, the Sardinian “Canto a Tenore,” the “vite ad alberello” culture in Pantelleria, Cremona’s violin making craftsmanship and the celebrations of big shoulder-borne processional structures.  

Martha De Laurentiis with Peppe Miele. Photo: Stefania Rosini

The event took place in the spectacular home of Martha De Laurentiis, wife of the late cinema producer Dino De Laurentiis, who passed in 2010. Before becoming a producer, Dino worked for a long time for the promotion of Italian excellences, and those of Campania in particular, in the world. Martha is also an ambassador of Italian cinema and culture in the USA. Her magnificent mansion on the hills of Beverly Hills, once owned by Gloria Swanson, the protagonist of Billy Wilder’s Sunset Boulevard, was perfect to entertain the many guests of the evening.  

Paolo Surace, Sofia Milios, Marco Leone. Photo: Stefania Rosini

The gathering was created to rise awareness in Hollywood about the Neapolitan pizza making art’s UNESCO candidature. Many the celebrities who got caught “hands-in-the-dough,” supervised by expert “pizzaioli:” from John Savage to Blanca Blanco, from Sofia Milos to Francesca Inaudi, from Dawn Lynn Burger - protagonist of Queen Sugar - to Richard and Francesca Harrison. More were present: Diana Alvarez, producer of Ocean Eight, Dina Morrone and her husband Stephen Rivkin, famous for his editing work on Avatar and Pirates of the Caribbean, members of the Academy Gary Shapiro and Jane Goren, actress Laura Bilgeri, pianist Oksana Kolesnikova, who often accompanied Andrea Bocelli in concert, Patricia Riggen, director or La Misma Luna and Miracles from Heaven, actor and director Eugenio Derbez and producers Richard Kahn and Ben Carver. Also present Italy’s General Consul in Los Angeles Antonio Verde, who comes from Naples, the director of the Italian Trade Agency, Florindo Blandolino and the director of the Italian Institute of Culture in LA, Valeria Rumori.  

An exquisite dinner was prepared by Gigi Ferraioli, home chef for the De Laurentiis family. Dino De Laurentiis had taken Gigi with him to California 38 years ago. Along with him in the kitchen, Massimiliano Esposito, president of the Italian Chef Federation in Beijing. This is the menu of the evening: Neapolitan ragout according to the ancient recipe, parmigiana di melanzane, zucchini alla scapece.

Francesca Inaudi with Pasquale Cozzolino. Photo: Stefania Rosini

Endorsing the event was also the Associazione Verace Pizza Napoletana, boasting delegations in 34 countries and 620 pizzerias around the world: USA, Japan, Europe, Singapore, Philippines, Brazil, Argentina, Mexico and Kuwait. The Associazione’s president Antonio Pace came from Naples to attend, along with two “pizzaioli,” Paolo Surace and Marco Leone. Pasquale Cozzolino, chef of one of New York’s most popular pizzerias, Ribalta, and creator of the “pizza diet,” represented the East Coast, while Los Angeles was supported by the Associazione’s Californian delegate, Peppe Miele (who taught how to make pizza to Brad Pitt and his older son) and two other Beverly Hills’ famous Neapolitan “pizzaioli,” Vito and Mario.  

The event was organized by the Dress and Dream, run by Elisabetta Cantone and Francesca Sivestri, an Italian non-for-profit organization that aims at promoting the Italian lifestyle - from cinema to fashion, from arts to food - around the world. Well known sponsors of the candidature are Cirio, Le Cinque Stagioni, Pasta Paone, Ati Sassi Experience, Ati Irpinia Excellence, Ferrarelle, Angelo e Franco Mozzarella and Parmigiano Reggiano.  

Form the left: Mario Vollera, Paolo Surace, Martha De Laurentiis, Antonio Pace, Pasquale Cozzolino. Photo: Stefania Rosini

The lively two days of Californian events was also introduced by a pizza making masterclass for American journalists, who were invited to become “pizzaioli” for one afternoon at the VPN America’s California headquarters in Inglewood. Here, we had the occasion to interview Peppe Miele, the Associazione Verace Pizza Napoletana’s delegate for California.  

Journalists today had the opportunity to learn how to make pizza. What are the basic rules to make a real Neapolitan pizza?

Rules are simple and faithfully reported in our Official Regulations. There aren’t any exceptions or variations, neither in the method nor in the ingredients. While we respect all those who strive to propose healthy, genuine products, we remain the only association protecting the originality and uniqueness of a product that has remained unaltered for more than 300 years.  

What would becoming part of UNESCO Intangible World Heritage mean?

It would mean Neapolitan pizza will be known for generations to come and that its essential historical and cultural role will be recognized internationally.  

Do you think the perception of Neapolitan pizza in America, a country used to a much different type of pizza, has changed throughout the decades, and how?

It’s been a hard, yet fulfilling and always improving work. At the beginning, I am talking about 20 years ago or so, Neapolitan pizza was considered a relatively humble dish, with little in common with the so called American pizza. Thanks to the work of AVPN and of Italian producers, who believed in the American market, we’ve witnessed a rise in interest in pizza Napoletana within a relatively small amount of years. This is the reason behind the ongoing growth of the amount of people choosing this simple and genuine product on an everyday basis. 

In your Academy, you taught Brad Pitt how to make pizza: how was having him as a student and what does he think of pizza Napoletana?

The fact a star like him took part to our course made us very proud. For a day, he took off his “celebrity jacket” to put on t-shirt and apron and lock himself up in our school. He was very open to learn our art, with that humbleness and that friendliness so typical of him.  

What type of feedback have you been getting from wannabe “pizzaioli” who take part to your courses?

We organize courses each week, with about 100 students each time. I’d say that at least 80% of those enrolling in our professional courses (we also have courses for amateur “pizzaioli,” too) have successfully opened a Neapolitan pizzeria. Our Yelp 5 Stars make us extremely proud and set us apart from other schools around, because we manage to transmit, in a way only we can achieve, the essential 5th ingredient of pizza Napoletana: passion.  

Tu Vuò fa il Napoletano . Facce da Pizza’s next stops are San Francisco and New York. 

 

L’evento “Tu vuò fa’ il Napoletano – Facce da Pizza” è sbarcato negli Stati Uniti. Venerdì 13 ottobre si è tenuto a Los Angeles il primo dei tre incontri organizzati per sostenere la candidatura dell’Arte dei Pizzaioli napoletani a patrimonio immateriale dell’UNESCO. Ben due milioni di firme sono state raccolte per la causa e la decisione verrà annunciata a Seoul in Corea nei prossimi mesi. Un responso favorevole significherebbe che l’arte del fare la pizza secondo la procedura della città partenopea diventerebbe il settimo tesoro italiano tutelato dall’UNESCO, come la Dieta Mediterranea, l’Opera dei Pupi, il Canto a Tenore, la Vite ad Alberello di Pantelleria, l’Arte del Violino a Cremona e le Macchine a spalla per la Processione. 

La serata si è tenuta nella spettacolare casa di Martha De Laurentiis, moglie del produttore cinematografico Dino De Laurentiis, scomparso nel 2010. Dino, prima di essere produttore cinematografico, si è occupato a lungo della promozione delle eccellenze italiane e in modo particolare di quelle campane. Martha è inoltre Ambasciatrice del Cinema e delle eccellenze italiane negli USA. La sua splendida villa sulle colline di Beverly Hills, un tempo di proprietà di Gloria Swanson, interprete di Viale del Tramonto di Billy Wilder, è stata la cornice perfetta per ospitare gli ospiti dell’evento.

L’evento nella città degli angeli ha avuto lo scopo di far partire un appello in favore della candidatura anche dal mondo di Hollywood. Diverse infatti le celebrities che si sono fatte immortalare con le mani in pasta sotto la supervisione di esperti pizzaioli: da John Savage a Blanca Blanco, da Sofia Milos a Francesca Inaudi, da Dawn Lynn Burger, protagonista di Queen Sugar, a Richard e Francesca Harrison. Presenti anche Diana Alvarez, produttrice di Ocean 8, Dina Morrone e il marito Stephen Rivkin, montatore famoso per il suo lavoro per Avatar e I Pirati dei Caraibi, i membri dell’Academy Gary Shapiro e Jane Goren, l’attrice Laura Bilgeri, la pianista Oksana Kolesnikova che ha accompagnato diverse volte Andrea Bocelli in concerto, Patricia Riggen, regista di La misma luna e Miracles from Heaven, Eugenio Derbez, attore/regista e i producer Richard Kahn e Ben Carver.

Presente anche il Console Generale d’Italia a Los Angeles Antonio Verde, originario proprio di Napoli, il Direttore di Italian Trade Agency Florindo Blandolino e la direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles Valeria Rumori.

Una ricca cena è stata preparata da Gigi Ferraioli, chef di casa De Laurentiis. Dino De Laurentiis lo aveva portato con se in California 38 anni fa. Insieme a lui in cucina anche Massimiliano Esposito, presidente della Federazione Chef Italiani a Pechino. Questo il menu della serata: ragout napoletano secondo l’antica ricetta, parmigiana di melanzane, zucchine alla scapece.

A sostenere l’evento anche l’Associazione Verace Pizza Napoletana che vanta delegazioni in 34 paesi del mondo e 620 pizzerie: Stati Uniti, Giappone, Europa, Singapore, Filippine, Brasile, Argentina, Messico e Kuwait. Da Napoli è arrivato il presidente dell’Associazione, Antonio Pace e due pizzaioli, Paolo Surace e Marco Leone. Dalla East Coast è arrivato Pasquale Cozzolino, chef di una delle più famose pizzerie di New York, Ribalta, nonchè inventore della pizza diet; mentre a rappresentare Los Angeles c’erano il delegato della California Peppe Miele (che ha insegnato a fare la pizza anche a Brad Pitt e al figlio maggiore) e altri famosi pizzaioli napoletani che lavorano a Beverly Hills: Vito e Mario.

Ad avere reso possibile l’evento la Dress in Dreams di Elisabetta Cantone e Francesca Silvestri, agenzia italiana senza fini di lucro che ha come obiettivo la promozione dell’Italian Life Style, dal cinema, alla moda, al costume, l’arte e il cibo. Inoltre la candidatura della pizza napoletana ha avuto il supporto di sponsor come Cirio, Le 5 Stagioni, Pasta Paone, Ati Sassi Experience, Ati Irpinia Excellence, Ferrarelle, Angelo e Franco Mozzarella e Parmigiano Reggiano.

Ad aprire la due giorni di eventi in California anche una masterclass per giornalisti americani, invitati a diventare pizzaioli per un pomeriggio presso la sede della VPNAmericas a Inglewood in California. In questa occasione abbiamo avuto modo di intervistare Peppe Miele, delegato della California.

Nel primo incontro i giornalisti hanno partecipato a una masterclass di pizza. Quali sono le regole base per fare un’ottima pizza secondo la tradizione partenopea?

Le regole sono semplici e sono fedelmente riportate nel nostro Disciplinare. Non ci sono eccezioni o variazioni nel metodo e negli ingredienti. Pur rispettando chiunque si dia da fare per promuovere prodotti fatti con ingredienti genuini e salutari, rimaniamo la sola Associazione che difende l’originalità e l’unicità di un prodotto inalterato da più di 300 anni di storia.

Cosa comporterebbe per l’arte della pizza napoletana ottenere il titolo di patrimonio innaturale dell’Unesco?

La conferma che la pizza Napoletana avrà un seguito per generazioni a venire riconoscendole il ruolo di unicità che le compete a livello storico e culturale.

Come è cambiata negli anni la visione della pizza napoletana da parte degli americani, abituati a una pizza decisamente diversa? 

È stato un cammino in salita ma in continua crescita. Agli inizi, e parlo di almeno 20 anni fa, la pizza Napoletana era vista e considerata come un prodotto semplice e povero che poco aveva in comune con la cosiddetta pizza americana. Grazie alla spinta della AVPN e di tutti i produttori italiani di ingredienti che hanno creduto al mercato americano, si è assistito nel giro di pochi anni ad un aumento di interesse verso la pizza napoletana generando un continuo e crescente movimento di persone che hanno adottato questa prodotto semplice e genuino come loro abitudine culinaria.

Alla tua accademia avete insegnato a fare la pizza anche a Brad Pitt, come è stato averlo qui al corso di pizza? Cosa pensava della pizza napoletana?

Ovviamente il fatto che una star come Brad Pitt si sia interessato a partecipare ad un nostro corso, ci ha riempito di orgoglio. Per un giorno ha potuto svestire i panni di “celebrity” e si è letteralmente chiuso dentro la nostra scuola e, vestito di maglietta e grembiule, si è totalmente reso disponibile ad apprendere l’arte di fare la pizza con la semplicità e la simpatia che lo contraddistingue. 

In generale, che tipo di feedback avete da parte degli aspiranti pizzaioli americani e non che si iscrivono ai vostri corsi?

Abbiamo una media di 100 studenti all’anno che partecipano ai diversi corsi che organizziamo settimanalmente. Direi che almeno l’80% dei partecipanti ai corsi professionali (facciamo anche dei corsi di una durata limitata per i semplici amanti della pizza napoletana) hanno adempito al loro scopo di aprire con successo una pizzeria Napoletana. Le “5 stelle” che manteniamo su Yelp, ci rendono enormemente   orgogliosi e ci contraddistinguono dalle numerose altre scuole presenti sul territorio per sapere trasmettere, come solo noi sappiamo fare, il quinto ingrediente fondamentale per fare la pizza napoletana, la passione.

Le prossime tappe dell’’evento “Tu vuò fa’ il Napoletano – Facce da Pizza” saranno San Francisco e New York. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

“Tutte le strade portano a Roma” and some have very quirky names

Indeed, at the times of the Empire, all roads led to Rome, especially when you think the Romans are behind the creation of the first Italian and...

Venice’s mouths of truth

Venice at the height of its power conjures images of merchant traders, carnival masks and debauchery. But for all its decadence Venetian life was...

Searching for the origins of La Bella Lingua (Part III): Boccaccio and Certaldo

After our visits to Dante Alighieri’s native Florence and Francesco Petrarca’s hometown of Arezzo, the journey to discover the origins of la bella...

One, two, three steps to heaven

Rome’s Spanish Steps are famous around the globe. As too are Venice’s stepped bridges crossing her countless canals. And the Vatican Museum’s...

La XVII edizione della Settimana della Lingua italiana nel Mondo

La XVII edizione della Settimana della Lingua italiana nel Mondo, che quest’anno si terrà dal 16 al 21 ottobre, è una manifestazione che promuove la...

Weekly in Italian

Recent Issues