Cycling in Ferrara - Emilia Romagna’s city of bicycles

Ferrara is a little known Italian beauty worth exploring... on a bike (Dreamstime)

Ferrara: oh, the tragedy of having overlooked this beauty of an Italian city for so many years! But we’re in the good company of a whole lot of other folks, it seems, with their heads in the Italian sand. Thankfully, this egregious error was corrected on a trip my husband and I shared recently. 

Strategically located on the expansive Po River delta with the Adriatic Sea to the east, Ferrara boasts remarkable historic importance in shaping modern western life; however, her accolades seem to have faded to minor trivia…at least when it comes to the “must see” Italian cities touted by most tourism sites. 

In Ferrara, there are bicycles. Lots and lots of bicycles. Why, the city claims more bikes per capita than any other European city, taking second place only to Copenhagen!

Biciclette (bicycles) are easy to come by: practically every hotel in Ferrara offers a loaner as part of the package, so we readied ourselves, excited about an evening of exploration by bike. The hotel desk clerk assigned our metal steeds and, within minutes, Mario, our Italian friend, arrived announcing himself with the briiiiing-brrrring of a bike bell. 

Andiamo…we were off! 
Rounding a corner, we entered the vast ZTL (Zona Traffico Limitato) that makes up much of Ferrara’s heart. Shops, cafés, bars and restaurants were brimming with lively patrons on this late afternoon, their passionate chatter wafting into the street. An unending battalion of people on bikes zipped and zagged through the foot traffic. 

Renaissance Ferrara
Mario guided us down the opulent Renaissance-era streets that were prudently laid out during the 15th to 17th century reign of the Estes family, a clan whose power was as impressive as that of the  Medici. One of only a few Italian cities not plotted Roman-style, the practical layout of Ferrara earned posthumous UNESCO recognition in 1995. Collectively, the Estes had quite a penchant for music, architecture, urban growth, and land reclamation, which brought the city on level playing field with Florence and other major urban centers of the time.

As we popped out of the covered pathway, the impressive Castello Estense rose like a fortified City of Oz from a field of cobbled street – grand, breathtaking and somewhat imposing as it seemed to take over the low-lit sky above us. Sitting grandiose and encircled by a large moat – even though the palazzo is dead-center in Ferrara – the intended awe-factor remains present to this day.  

Strategically located on the expansive Po River delta with the Adriatic Sea to the east, Ferrara boasts remarkable historic importance in shaping modern western life

Several rounds were made through the various paths in and about the palace, over the moat, and back out onto the main corso. Mario waved us on – there was miles yet to cover. 

Medieval Ferrara
Like a city telling two tales, an entirely different Ferrara was to be found just across, the road. Departing the wide-open Renaissance splendor, we were suddenly bumping and bouncing over much narrower, black-cobbled streets. Low vaults of ancient brickwork spanned like troll-size bridges over our heads, bracing and steadying age-old buildings that silently loomed to our right and left. It was as if we’d veered into an alternate universe, a place caught in the shift of eras.  The late day light lent a mysterious air as we left smooth brick for cobbled paths.   

As we rounded a corner, the shadows dissolved as the light of cafés, bars and shops warmed the age-worn pavement and life seemed to once again be present around us. I was feeling a little hungry and hoping maybe we’d pull alongside one of the open doors where all kinds of delicious smells were calling my name. 

One of only a few Italian cities not plotted Roman-style, the practical layout of Ferrara earned posthumous UNESCO recognition in 199

But on we rode, Mario bringing various points of interest to our attention: we were having an incredible time. There’s something freeing about being on an adventure atop a bike; I think it reignites a childlike joy no matter where you ride. But riding through this incredible Italian town upped the joy factor many-fold! 

And More…
We segued from the medieval neighborhood onto a normal looking urban street. Mario waved us to follow him, reminding us to be mindful of cars, the ZTL now behind us. As suddenly as the era had seemed to change earlier, now the entire sense of place was changing. 

Down one street and onto a dirt path, we merged into a large green space, treed and lined with shrubs and plants. Buildings were quickly replaced with more park-like space as we rode along. It was as if we were suddenly transported to the countryside, far away from any large city.

Biciclette (bicycles) are easy to come by: practically every hotel in Ferrara offers a loaner as part of the package, so we readied ourselves, excited about an evening of exploration by bike

As it turns out, the great wealth of the Renaissance period in Ferrara equated to many palazzi to house the affluent citizenry. And of course, if you live that regally, you’d better have majestic gardens to go with it! How nice that many remain preserved but available for bike and pedestrian pathways. 

We stopped for a brief rest as Mario explained a bit more about our surroundings, then forewarned us of some brief uphill pedaling ahead. Sure enough, we were upon the ancient walls…and uphill it was! The fortified walls of Ferrara are much like those of Lucca – mostly intact with a circumference of about six miles and now a fantastic part of the city’s charm. We rode for a time, enjoying the elevated view until dark was upon us. And now…I was really hungry! 

The Reward 
Being a consummate host and friend, Mario had just the place picked out for our Ferrarese-style dinner – one of the oldest trattorias serving local favorites. His wife Alda joined us, and the feast began. 

One of the pure joys of dining in Italy is the focus on courses, savoring and enjoying each one, without any rush. We started this joyful experience with a huge platter of local  affettati misti, cured meats. Appetites successfully whetted, we moved on to a primo of mouthwatering pumpkin-filled tortelli called Cappellacci di Zucca Ferraresi. Oh santo cielo…it was heavenly! Shaped like Renaissance-era peasant hats, tradition calls for a sauce bath of butter and sage or a ragù style meat sauce over these divine morsels. We chose the latter: no regrets! The meal was rounded out with the famous, if not very pretty, Salama da Sugo – Ferrara’s heavily spiced ground meat product that takes about 367 days to be plate-ready. Accompanied by another Ferranese speciality known as Coppia Farnese, a curious looking X-shaped bread, we feasted until we could hold no more. 

One More Ride 
The ride back to our hotel was another twenty minutes or so of glorious pedaling through neighborhoods, business districts, and the historic center.  How special to be a part of this unique moment under the starry Emilia-Romagna sky –- all senses satiated, sharing contented conversation and laughter, and pedaling along in the company of fine Ferrarese friends. 
 

Ferrara: oh, che tragedia aver trascurato la bellezza di questa città italiana per tanti anni! Ma siamo in buona compagnia di un sacco di altre persone, pare, con la testa nella sabbia italiana. Fortunatamente, questo errore vergognoso è stato corretto in un viaggio che mio marito ed io abbiamo fatto di recente.  

Strategicamente ubicata sull’ampio delta del fiume Po, con il Mare Adriatico ad est, Ferrara vanta una notevole importanza storica nella formazione della vita occidentale moderna; però, i suoi riconoscimenti sembrano ridotti a quisquiglie… almeno quando si viene alle città che si “devono” visitare, pubblicizzate da molti siti di turismo.  

A Ferrara, ci sono biciclette. Tante, tante biciclette. Perché, la città ha il maggior numero di biciclette procapite di ogni altra città europea, seconda solamente a Copenaghen!

Le biciclette sono facili da trovare: praticamente ogni hotel di Ferrara le offre in affitto come parte del pacchetto, quindi ci siamo preparati, eccitati da una serata di esplorazione in bicicletta. L'addetto alla reception dell'hotel ci ha assegnato i nostri destrieri di metallo e, in pochi minuti, Mario, il nostro amico italiano, è arrivato annunciandosi con il drinn-driiiiinnnn del campanello.

Andiamo ... siamo usciti!  
Girando un angolo, siamo entrati nella vasta ZTL (Zona a Traffico Limitato) che costituisce gran parte del cuore di Ferrara. Negozi, caffetterie, bar e ristoranti erano pieni di vivaci clienti in quel tardo pomeriggio, il loro appassionato chiacchierio finiva in strada. Un battaglione ininterrotto di persone sulle biciclette frecciava e zigzagava attraverso il traffico pedonale.

Ferrara rinascimentale
Mario ci ha guidato lungo le opulente strade dell'epoca rinascimentale, che furono saggiamente disegnate durante il regno della famiglia Este dal 15° al 17° secolo, una famiglia il cui potere era enorme come quello dei Medici. Una delle poche città italiane non pianificata in stile romano, la pratica struttura di Ferrara ha ottenuto il riconoscimento postumo dell'UNESCO nel 1995.

Gli Este avevano propensione per la musica, l'architettura, la crescita urbana e il recupero delle terre, cose che hanno portato la città allo stesso livello di Firenze e di altri grandi centri urbani del tempo.  

Mentre uscivamo dal percorso coperto, l'impressionante Castello Estense si è alzato come una città fortificata di Oz da un pezzo di strada pavimentata a ciottoli, grande, mozzafiato e in un certo senso imponente, visto che sembrava coprire il cielo sopra di noi. Grandioso e circondato da un grande fossato - anche se il palazzo è esattamente al centro di Ferrara - il previsto fattore di soggezione rimane ancora oggi. Abbiamo fatto diversi percorsi dentro e intorno al palazzo, oltre il fossato, e di nuovo sul corso principale. Mario ci ha fatto un gesto - c'erano ancora chilometri da fare.

Ferrara Medievale
Come una città che racconta due storie, stavamo per trovare una Ferrara completamente diversa proprio dall’altra parte della strada. Partendo dallo splendore rinascimentale all’aperto, abbiamo improvvisamente iniziato a sobbalzare e rimbalzare su strade più strette e coperte di ciottoli neri. Basse volte di mattoni antichi si piegavano come ponti per troll sopra le nostre teste, sostenendo e fissando vecchi edifici che silenziosamente si allontanavano a destra e a sinistra. Era come se stessimo girando in un universo alternativo, un posto catturato nel passaggio delle epoche.  

La tarda luce del giorno dava un'aria misteriosa mentre lasciavamo i mattoni lisci per percorsi acciottolati. Quando abbiamo girato un angolo, le ombre si sono dissolte mentre la luce dei caffè, dei bar e dei negozi ha riscaldato la strada consumata dal tempo e la vita ancora una volta tornava attorno a noi. Mi sentivo un po’ affamata e speravo che magari avremmo accostato a una delle porte aperte dove tutti i tipi di odori deliziosi pronunciavano il mio nome.

Ma mentre pedalavamo, Mario ci indicava vari punti di interesse per la nostra attenzione: stavamo trascorrendo un tempo incredibile. C'è qualcosa che fa sentire liberi nell’essere in un'avventura in bicicletta. Penso che restituisca una gioia infantile, non importa dove si va in bici. Ma pedalare in questa incredibile città italiana ha aumentato il fattore di gioia molte volte!

E ancora ... Siamo passati dal quartiere medievale ad una strada urbana di tipo normale. Mario ci ha fatto cenno di seguirlo, ricordandoci di stare attenti alle auto, la ZTL ora era dietro di noi. Quando improvvisamente sembrava che l'epoca fosse già cambiata in precedenza, ora l'intero senso del luogo stava cambiando.  

Giù dalla strada su un sentiero sterrato, siamo finiti in un grande spazio verde, con alberi, arbusti e piante. Gli edifici sono stati rapidamente sostituiti con lo spazio di un parco mentre pedalavamo lungo esso. Era come se fossimo improvvisamente trasportati in campagna, lontani da qualsiasi grande città.  

Come risulta, la grande ricchezza del periodo rinascimentale di Ferrara ha messo sullo stesso piano molti palazzi per ospitare la ricca cittadinanza. E naturalmente, se vivi in questo modo regale, è meglio avere giardini maestosi! Quanto è bello che molti siano stati conservati ma resi disponibili per percorsi ciclabili e pedonali.  

Ci siamo fermati per un breve riposo mentre Mario spiegava un po' di più di quel che ci circondava, poi ci ha avvertito di qualche breve salita pedalando in avanti. Certamente, eravamo sulle antiche mura ... e erano in salita! Le mura fortificate di Ferrara sono molto simili a quelle di Lucca - perlopiù intatte, con una circonferenza di circa sei miglia e oggi una zona fantastica del fascino della città. Abbiamo pedalato per un po 'di tempo, godendoci la vista dall’alto fino a quando il buio fu su di noi. Ma adesso ... avevo davvero fame!

La ricompensa  
Essendo un ospite e un amico perfetto, Mario aveva appena scelto il posto per la nostra cena in stile Ferrara - una delle più antiche trattorie che servivano piatti locali. Sua moglie Alda ci ha raggiunto e la festa ha avuto inizio. Una delle gioie pure di mangiare in Italia è l'attenzione alle portate, ognuna da assaporare e godere senza alcuna fretta. Abbiamo iniziato questa esperienza gioiosa con un grande piatto di affettati misti locali, salumi. Appetiti stimolati con successo, siamo passati ad un primo di tortelli ripieni di zucca, chiamato Cappellacci di Zucca Ferraresi. Oh santo cielo ... erano celestiali! Con la forma dei cappelli dei contadini dell'epoca rinascimentale, la tradizione richiede una salsa di burro e salvia o una salsa al ragù di carne su questi bocconi divini. Abbiamo scelto quest'ultimo: nessun rimpianto!  

Il pasto è stato completato con il famoso, se non molto bello, Salama da Sugo, un prodotto di carne macinata molto speziato di Ferrara, che richiede circa 367 giorni per essere pronto. Accompagnato da un'altra specialità ferrarese conosciuta come Coppia Farnese, un curioso pane a forma di X, abbiamo festeggiato fino a quando non abbiamo potuto mangiare di più.

Un altro giro
La pedalata di ritorno verso il nostro hotel era di altri venti minuti circa di gloriosa pedalata attraverso quartieri, distretti commerciali e il centro storico. Quanto è speciale essere parte di questo momento unico sotto il cielo stellato dell’Emilia-Romagna - tutti i sensi saziati, condividendo conversazioni e risate soddisfacenti, e pedalando in compagnia di buoni amici ferraresi.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Bagna Cauda Day, where everything is allowed

This is a day when you are not ashamed to smell like garlic: you’re, in fact, almost proud of it. This is the day when you are allowed to go to work...

A different Italy at the Oscars: Carpignano’s A Ciambra

During the opening night of the 13th edition of Cinema Italian Style on November 16th, Italo-Americano interviewed Jonas Carpignano, director of A...

If only a lifestyle could become World Heritage

Writing for a living is at once a curse and a blessing: a curse because, believe me, writer’s block is real and hits when you least expect it. A...

The 16th century pharmacy of the Pope

Every city has them, the so-called “hidden gems.” The places rarely visited by tourists, and the ones often forgotten about by locals. Living in a...

“Tutte le strade portano a Roma” and some have very quirky names

Indeed, at the times of the Empire, all roads led to Rome, especially when you think the Romans are behind the creation of the first Italian and...

Weekly in Italian

Recent Issues