Viaggio multimediale tra le meraviglie della Cappella Sistina: siete pronti per un live show emozionale?

Viaggio multimediale tra le meraviglie della Cappella Sistina: siete pronti per un live show emozionale?
Il 15 marzo 2018 debutterà all’Auditorium della  Conciliazione lo spettacolo “Giudizio Universale. Michelangelo and the Secrets of the Sistine Chapel” concepito da Marco Balich con la consulenza scientifica dei Musei Vaticani.   
 
Si tratta del primo format innovativo che abbina il racconto della nascita di un capolavoro con gli strumenti tecnologici più sofisticati dell’intrattenimento dal vivo. Lo spettacolo è un   progetto della società Artainment Worldwide Shows (investimento di  nove milioni di euro).  
Imperniato sulla contaminazione di diverse forme artistiche, (performance teatrale con attori supervisionati da Gabriele Vacis, effetti speciali, tecnologia avanzata che permetterà proiezioni a 270 gradi con lo spettatore al centro dell’evento, contributi di artisti di altissimo livello come Sting che ha composto il tema musicale  originale), il mega show  racconterà in sessanta minuti  la nascita del capolavoro  di Michelangelo.   
 
Lo spettacolo, in cartellone per almeno un anno, sarà un’occasione unica per tutti gli  appassionati di arte e per i milioni di turisti  ospiti della Capitale: si prevedono 2 proiezioni al giorno con prezzi da sala cinematografica, scontati per studenti e scuole.  
Dal punto di vista narrativo si entra nella creazione degli affreschi della Cappella Sistina che prendono vita sotto gli occhi degli spettatori.  Lo show sul Giudizio Universale sarà diviso in quattro capitoli: Michelangelo e il suo rapporto prima con Giulio II poi con Clemente VII  e Paolo III, la sfida del genio, il racconto più famoso del mondo e lo svelamento della creazione fino a scoprire il capolavoro dell’artista nei segreti e nei riti  del Conclave, Il Giudizio Universale spiritualità e misericordia.
 
L’affascinante percorso  prevede anche live show attraverso  l’ingaggio dei massimi esperti di videogames per ricreare la Roma cinquecentesca.  La spettacolarizzazione dell’arte, del resto, non è  solo  un fenomeno  di oggi. Lo sapeva bene Giulio II quando  nel 1506, volendo  completare la decorazione della Cappella Sistina diede l’incarico a Michelangelo per la decorazione della volta (circa 800 mq.). Il risultato fu stupefacente, una mirabile fusione di elementi architettonici, plastici e pittorici mai vista prima.   
 
Paolo III Farnese  confermò l’incarico all’ormai sessantenne Michelangelo per realizzare il Giudizio Universale sulla parete di fondo della Cappella, un lavoro  ciclopico, realizzato dal Buonarroti  per una superficie immensa che il grande artista completò con la tecnica dell’affresco tra il 1535 e il 1541 e  con 450 giornate di durissimo lavoro.  
 
Si avrà  la possibilità di seguirlo in italiano e in inglese e più avanti in altre lingue. Ma si spera - dicono gli organizzatori - di farne uno spettacolo fisso.  Alla presentazione  ufficiale dell’evento nelle stanze di Raffaello dei Musei Vaticani  monsignor Dario Edoardo Viganò, prefetto della segreteria per la Comunicazione della Santa Sede,  ha tenuto a precisare quanto sia importante l’elemento della tecnologia chiamato a scongiurare l’effetto ibridazione tra arte e intrattenimento, mettendo  il punto su come la pedagogia spirituale passi anche attraverso l’arte e la bellezza. 
Ben vengano quindi iniziative  innovatrici come quella di  Arteinment e il Giudizio Universale Show.  
 
La contaminazione, ha aggiunto  Balich, l’imprenditore veneziano noto in tutto il mondo per la progettazione di cerimonie olimpiche come quelle di Rio e Londra e per la direzione artistica del Padiglione Italia all’Expo di Milano, è alla base del progetto che dovrà animare le opere d’arte. 
Un’operazione delicata che impone grande rigore scientifico “I Musei Vaticani -  ha tenuto a sottolineare la direttrice Barbara Jatta - si sono sempre mossi tra tradizione e innovazione verso nuove forme di comunicazione. Da Leone XIII al portale nuovissimo dei Musei, che accolgono ogni anno 6 milioni di visitatori, senza trascurare ricerca, restauro  e  attività didattica”.  
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Napoli il mistero mai svelato della Cappella San Severo

A Napoli il mistero mai svelato della Cappella San Severo

Nel cuore della città, nel groviglio di vicoli che è Spaccanapoli, all’incrocio dei Decumani, si trova uno dei siti artistici più misteriosi e...
Da Platone a Eschilo, da Pindaro a Senofonte: la storia millenaria di Siracusa che diede i natali ad Archimede

Da Platone a Eschilo, da Pindaro a Senofonte: la storia millenaria di Siracusa che diede i natali ad Archimede

L'Ottiggia in dialetto siracusano, Ortygia in greco antico, è il nome dell’isola che costituisce la parte più antica della città siciliana di...
Milano è mozzafiato se si pranza seguendo la moda del rooftop

Milano è mozzafiato se si pranza seguendo la moda del rooftop

Come si può negare? Negli ultimi anni la moda dei tetti urbani è decisamente esplosa, e i locali che un tempo nascevano come funghi per strada, ora...
Visita a Palazzo Pfanner, una delle residenze storiche più sontuose della Toscana

Visita a Palazzo Pfanner, una delle residenze storiche più sontuose della Toscana

Palazzo Pfanner è una delle residenze storiche più sontuosa ed elegante di tutta la Toscana. Pochi sanno (ed è bene ricordarlo) che, per la...
Tra i giardini e gli affreschi di Villa Olmo a Como dove passeggiò la storia con Napoleone, Foscolo e Garibaldi

Tra i giardini e gli affreschi di Villa Olmo a Como dove passeggiò la storia con Napoleone, Foscolo e Garibaldi

Il poeta inglese William Wordsworth (1770/1850) della città lariana ammirò “gli elevati pendii, e i sentieri coperti di vigne, serpeggianti da casa a...

Weekly in Italian

Recent Issues