Tradition, and good, old fashioned habits can make you 100: at least in Italy

Italians get older, but quite no one in the world ages as healthily -and happily- as they do

Italy is becoming a country of old men and women. Or is it? True, Il Bel Paese does have the lowest natality rates of the continent, with only 7.8 children born every 1000 people, half of the rates in Ireland, the most prolific of the EU states. Yet, demographics are quite complex when it comes to the age and health of Italian people, because if it’s undoubted we don’t have enough children to support national demographic growth, there isn’t a shred of a doubt we’re aging pretty darn well compared to the rest of the world.  

Possibly in an attempt to make the country feel better about the prospect of having soon to close down uber-trendy nightspots to replace them with pensioner-friendly arts and crafts circles, the media have been stressing this aspect a lot in recent times. Not longer than a week ago, news broke that Italy is, once more, the country with the highest life expectancy in the EU (80.6 years for men and 85 for women) and the second highest in the world, in a tie with Japan.   

Italy is also a country where life is lived with pleasure, especially by people belonging to the oldest generations

Generational turnover may be insufficient, but Italian elderly have been living longer and better than ever. Of course, there are pragmatic problems associated with this picture, first above them all its consequences on the State’s social security system, but let’s focus on the bright side of it, for a change.  
So, why are older Italian so healthy?  

The reasons are many and the overall good state of the Italian public healthcare system is certainly one of them: yes, there are areas of the country where it runs better than in others but, overall, Italian hospitals are good and Italian doctors are, indeed, outstanding professionals. In the end, Italy doesn’t have one of the best public health services in the world for nothing. 

 
But you see, the point here is another. The point is our elderly tend not to need the doctor as much as you may expect, yet they live long -very long - healthy lives anyway. According to the most recent data, there are more than 19000 people in Italy over the age of 100, the eldest among them being 115 years old Giuseppina Proietto, class 1902, of Montelupo Fiorentino, in Tuscany. Before her, there was Piedmontese Emma Morano, who closed her eyes last April at the happy age of 117 and 137 days, the eldest person on the planet. Italians must have good genes, but experts are adamant diet and lifestyle are major factors positively influencing healthy aging in the country.  

Italy, in the end, is home to the Mediterranean diet, itself part of UNESCO’s Intangible Cultural Heritage, so it comes as no surprise we do eat healthy here: fresh produce is still relatively cheap and widely accessible, and Italian culinary culture stresses the importance of keeping things simple and unprocessed, which is very much what your doctors, if they’re anything like mine, have been repeating to you constantly since you’ve turned old enough to understand the meaning of those words.  

Italy is also a country where life is lived with pleasure, especially by people belonging to the oldest generations. Far from perpetrating the trite stereotype  everyone in Italy lives without stress, walks everywhere and owns a casale on the hills of Tuscany, there is a definite truth about the way our elders take life in strand and, well, with a good pinch of salt. There’s, in the older generations, a sense of truly knowing what’s worth getting upset or worry about and also, more prosaically, a certain penchant for preferring country life to the chaotic reality of our cities.

Could these be sufficient reasons to explain the presence of so many supercentenarians in Italy and, even more specifically, to justify the presence of bona fide “pockets” of over-100s in certain geographical areas? Take Montemaggiore Belsito, in Sicily, for instance: 9 of its 3500 residents are, alas, over 100 years old. Italy’s second largest island, Sardinia, has been at the center of numerous studies and plenty of research aimed at understanding why its population ages so much and so well. In fact, Sardinia is Italy’s only Blue Zone, a way of defining specific geographical areas with a notably high density of people over 100. In case you’re interested, we’re talking about the area comprised between Nuoro and Ogliastra, in the south of the island.  

Researchers do highlight how, also in this case, it all comes down to lifestyle and diet: a plate full of fresh vegetables, fish, pulses and, crucially, the company of your family, are likely to make you healthier and older. Yes, your family: studies conducted on Sardinian population of the Blue Zone showed how meaningful social interactions, such as that entertained with family members and close friends, support harmonious aging and keep people mentally and physically healthy.  

And you know what? Apparently a good glass of wine every day, a common habit in Sardinia as much as in the rest of Italy, may also help you keep healthy and strong. Cannonau, Sardinia’s own favorite red should be called, then, a long life elixir, but don’t discount other reds, from everywhere in Italy and abroad: their high content of antioxidants guarantees an excellent way to fight against aging.  

And what about genes? Well, researchers did identify a “longevity gene” common to the people of southern Sardinia, likely the result of centuries of genetic isolation, but are very much sure it’s only a marginal contributory factor to the phenomenon.  

Science agrees with common knowledge, then: good healthy food, along with a more relaxed lifestyle brightened by deep, meaningful relationships, are the true secret to live life well and for long. Italy’s beautiful landscapes may be, indeed, an excellent addition to this list. 

L'Italia sta diventando un paese di donne e uomini anziani. Vero?

Sì, vero. Il Bel Paese ha i tassi di natalità più bassi del continente, con appena 7,8 bambini nati ogni 1000 persone, la metà dei tassi dell’Irlanda, il più prolifico degli stati dell'Ue. Tuttavia, le demografie sono abbastanza complesse quando si tratta dell'età e della salute degli italiani, perché se è indubbio che non abbiamo abbastanza bambini per sostenere la crescita demografica nazionale, non c'è il minimo dubbio che stiamo invecchiando bene rispetto al resto del mondo.

Forse nel tentativo di far sentire meglio il Paese rispetto alla prospettiva di chiudere a breve i locali notturni alla moda per sostituirli con circoli d'arti e mestieri per pensionati, i media stanno sottolineando molto questo aspetto negli ultimi tempi. Non più di una settimana fa, è trapelata la notizia che l'Italia, ancora una volta, è il Paese con l'aspettativa di vita più elevata nell'Ue (80,6 anni per gli uomini e 85 per le donne) e la seconda più alta del mondo, dietro al Giappone.

Il ricambio generazionale potrebbe essere insufficiente, ma gli anziani italiani vivono più a lungo e meglio di prima. Naturalmente, ci sono problemi pragmatici associati a questo quadro, innanzitutto le conseguenze sul sistema di assistenza sociale dello Stato, ma concentriamoci sull’aspetto positivo, per un cambiamento.
Quindi, perché i vecchi italiani sono in buona salute?

Le ragioni sono molte e il buono stato generale del sistema sanitario pubblico italiano è sicuramente una di loro: sì, ci sono aree del Paese dove funziona meglio di altre parti, ma in generale gli ospedali italiani sono buoni e i medici italiani sono, davvero, professionisti eccezionali. Alla fine, l'Italia non per niente ha uno dei migliori servizi sanitari pubblici al mondo.

Ma vedete, il punto qui è un altro. Il punto è che i nostri anziani tendono a non avere bisogno del medico tanto quanto ci si può aspettare, perchè vivono vite comunque sane e lunghe, molto lunghe. Secondo i dati più recenti, in Italia esistono più di 19.000 persone di età superiore ai 100 anni, la più anziana tra loro ha 115 anni ed è Giuseppina Proietto, classe 1902, di Montelupo Fiorentino, in Toscana. Prima di lei c'era Emma Morano, piemontese, che ha chiuso gli occhi lo scorso aprile alla felice età di 117 anni e 137 giorni, la persona più vecchia del pianeta. Gli italiani devono avere buoni geni, ma gli esperti ritengono che dieta rigida e stile di vita sono i fattori principali che influenzano positivamente un sano invecchiamento nel Paese.

L'Italia, alla fine, è la patria della dieta mediterranea, che fa parte del patrimonio culturale immateriale dell'Unesco, per cui non sorprende che qui mangiamo sano: i prodotti freschi sono ancora relativamente economici e facilmente accessibili, e la cultura culinaria italiana sottolinea l'importanza di mantenere le cose semplici e non lavorate, che è ciò che i vostri medici, se sono simili al mio, ripetono costantemente da quando si diventa abbastanza vecchi per capire il significato di quelle parole.

L'Italia è anche un Paese dove la vita è vissuta con piacere, in particolare da parte delle persone appartenenti alle generazioni più anziane. Lungi dal perpetrare lo stereotipo triste che tutti in Italia vivono senza stress, camminano sempre e possiedono un casale sulle colline toscane, c'è una certa verità sul modo in cui i nostri anziani prendono la vita e, bene, con un buon pizzico di sale. C'è nelle generazioni più vecchie il senso di sapere veramente ciò per cui vale la pena turbarsi o preoccuparsi e, più prosaicamente, una certa propensione a preferire la vita di paese alla realtà caotica delle nostre città.

Potrebbero essere sufficienti questi motivi per spiegare la presenza di tanti supercentenari in Italia e, ancor più, giustificare bona fide la presenza di "sacche" di centenari in determinate aree geografiche? Prendiamo ad esempio Montemaggiore Belsito, in Sicilia: 9 dei suoi 3500 residenti sono, ahimè, ultracentenari. La seconda isola più grande d'Italia, la Sardegna, è stata al centro di numerosi studi e di molte ricerche mirate a capire perché la sua popolazione invecchia così tanto e così bene. Infatti, la Sardegna è l'unica Zona Blu d'Italia, un modo per definire aree geografiche specifiche con una notevole densità di persone oltre i 100 anni. Se siete interessati, si parla dell'area compresa tra Nuoro e Ogliastra, nel sud dell'isola.

I ricercatori sottolineano come, anche in questo caso, tutto dipende dallo stile di vita e dalla dieta: un piatto pieno di verdure fresche, pesce, legumi e, in primo luogo, la compagnia della propria famiglia, probabilmente renderanno più sani e più anziani. Sì, la propria famiglia: gli studi condotti sulla popolazione sarda della Zona Blu hanno mostrato come le interazioni sociali significative, come quelle che si intrattengono con i membri della famiglia e gli amici stretti, sostengono l'invecchiamento armonico e mantengono la salute mentale e fisica.

E sapete una cosa? A quanto pare, un buon bicchiere di vino ogni giorno, un'abitudine comune in Sardegna tanto quanto nel resto d'Italia, può anche contribuire a mantenersi sani e forti. Il Cannonau, il rosso preferito della Sardegna, dovrebbe essere chiamato elisir di lunga vita, ma non date per scontati altri rossi, da ovunque arrivino in Italia e all’estero: il loro alto contenuto di antiossidanti garantisce un ottimo modo per combattere l'invecchiamento.  

E a proposito dei geni? Ebbene, i ricercatori hanno identificato un "gene della longevità" comune al popolo della Sardegna meridionale, probabilmente il risultato di secoli di isolamento genetico, ma sono molto sicuri che sia solo un fattore marginale che contribuisce al fenomeno.

La scienza concorda con la sapienza comune, quindi: buon cibo sano, insieme ad uno stile di vita più rilassato, illuminato da relazioni profonde e significative, sono il vero segreto per vivere bene e per lungo tempo. I bellissimi paesaggi dell'Italia possono essere, in effetti, un'eccellente aggiunta a questa lista.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Bagna Cauda Day, where everything is allowed

This is a day when you are not ashamed to smell like garlic: you’re, in fact, almost proud of it. This is the day when you are allowed to go to work...

A different Italy at the Oscars: Carpignano’s A Ciambra

During the opening night of the 13th edition of Cinema Italian Style on November 16th, Italo-Americano interviewed Jonas Carpignano, director of A...

If only a lifestyle could become World Heritage

Writing for a living is at once a curse and a blessing: a curse because, believe me, writer’s block is real and hits when you least expect it. A...

The 16th century pharmacy of the Pope

Every city has them, the so-called “hidden gems.” The places rarely visited by tourists, and the ones often forgotten about by locals. Living in a...

“Tutte le strade portano a Roma” and some have very quirky names

Indeed, at the times of the Empire, all roads led to Rome, especially when you think the Romans are behind the creation of the first Italian and...

Weekly in Italian

Recent Issues