Raphael enchants Los Angeles

Raffaello Sanzio was a controversial artist: his fate seemed to be written in his controversial roots

“Raphael - Prince of the Arts,” the 3D film produced by SkyItaly in collaboration with the Vatican Museums and Magnitudo Film, made its American West Coast debut with a preview at the Italian Cultural Institute in Los Angeles. Here, spectators filled the room, gripped since the very beginning by the emotions and little known details about Raffaello, the wonderful artist depicted in the film.

Few  managed to reflect emotions as intensely and richly as Raffaello Sanzio. He died at the young age of 37, yet he  was able to leave an indelible mark in the history of art. Mind and heart, emulation and invention, composure  and confusion, vice and virtue, these are the facets of his personality: Raffaello's fate seems to be written in his controversial roots.

"Raphael -Prince of the Arts" made its West Coast debut at the Italian Cultural Institute in Los Angeles

In an unprecedented and innovative dialogue between the world of art and the world of cinema, the life of the great artist intersects with moments of accurate artistic digression, informed by the passionate work of prestigious experts like Antonio Paolucci (director of the Vatican Museums up to 2016), Vincenzo Farinella (associate professor of Modern Art History at the Scuola Normale di Pisa) and Antonio Natali (director of the Uffizi Gallery in Florence from 2006 to 2016).  An art course that runs in 20 sites, including 15 museums, and analyzes over 70 art works,  including  more than forty of Raffaello’s best known and representative paintings.

One of the peculiarities of the movie is the historical reconstruction of the sets, inspired by paintings of the eighteenth century, picturing Raffaello’s times: fragments of his life, delicate and evocative moments able to emotionally engage spectators by introducing them to chapters of artistic digression.

A scene from the film “Raphael - Prince of the Arts”

Scenographies were created by the joint effort of Italian masters of the field, including  the famous Bottega Tifernate, which works regularly for many museums and has faithfully reproduced paintings in the scenes - including Leonardo Da Vinci masterpiece’s “La Gioconda” and Raffaello’s  “Transfigura-tion,” rendered in a majestic 157 x 118 inch format. The costume department used more than 40 outfits, all tailor-made for the actors, including the rich and sensual "Velata" lady's dress, with a faithful reproduction of colors, fabrics and materials. An accurate historical study is also applied to scenographies, where hundreds of objects have been used to meticulously represent settings such as Raffaello's studios.

The movie has been introduced by Davide Gasparotto, curator  at the Getty Museum, Los Angeles. In his speech he said: “I will try to provide the framework to let you understand the importance of the work done by Raphael for art and culture. Raphael’s works are incredibly realistic. They are a celebration of painting, drawing, light, modeling and expression. He shows us people and objects exactly as he saw them and  only he knew how to reproduce them in such details. It’s unbelievable how realistic his paintings are. The "Transfiguration," Raphael's last and definitive work, is a kind of spiritual testament, divine revelation and human action at once, where calm and confusion are dramatically brought together.”

A scene from the film “Raphael - Prince of the Arts”

Cosetta Lagani, Creative Director of Sky 3D, talks about this amazing cultural project: “We believe  this project is, above all,  a symbol of Italian excellence, that exalts the cultural heritage of the Bel Paese. But it’s also a cutting-edge product because it has been shot with the latest 3D and 4K technologies, the Ultra HD.  The script of the story is captivating, exciting but at the same time authoritative.

We are pleased with the success our art movies have been gathering around the world and we are proud to have reached the United States, with Raphael and other films realized before,  like “The Vatican Museums,” “Florence and Uffizi Gallery,” “St. Peter and the Papal Basilicas of Rome.”  With all of them,  we reached more then 2,000 cinemas in 60 countries. We are proud to announce that we already started  the production of two new movies, “Caravaggio” and “Michelangelo,” sure that they will get the same great success.”

“SkyEurope and the  Vatican Museums chose  to invest in art and culture to tell the unique heritage of  Italy in a very innovative way. Creators and producers are convinced these movies can attract the interest of an increasingly wide-ranging and heterogeneous audience. Ours is a free and independent,  cultural and business choice, that enters a market made of quality and originality, and contributes to the visibility of our cultural heritage, even in competitive markets such as the American. This evening’s movie is the first ever made about Raffaello Sanzio, one of the most famous and best loved artist in the world. The film tells the story of the artist and his immortal works, starting its journey from the small town of Urbino (Raffaello’s birthplace), moving on to Florence and finally landing in Rome and the Vatican, where he concludes his short but brilliant existence.”

Valeria Rumori, the Director of the Italian Institute of Culture in Los Angeles, talks about the movie and all the initiatives comings this month, October, also known as the Italian American Heritage Month: “ This movie’s premiere comes in a very busy week where we celebrate the Italian Language in the world, so I am very happy to be part of this amazing celebration of Italy’s heritage. I really enjoyed the movie, it was beautiful and very well done. Someone during the projection told me, with all the respect for Sorrentino, this is also the -True Beauty of Italy-! And I agreed. We are a country full of art, history and brilliant minds. In this contemporaneity that often tends to forget the past and its cultural roots, a movie like Raphael - The Prince of the Arts - help us reflect, through the union between culture and entertainment, about past and present.”

The film will be released in the movie theater of the United States on October 20, distributed through Trafalgar Releasing and rotating for 4 weeks, reaching 100 rooms.

“Raffaello - Principe delle Arti", il film 3D prodotto da SkyItaly in collaborazione con i Musei Vaticani e Magnitudo Film, ha fatto il suo debutto nella West Coast americana con un'anteprima all'Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles. Qui gli spettatori hanno riempito la stanza e sono stati catturati fin dall'inizio dalle emozioni e dai dettagli poco noti di Raffaello, l'artista meraviglioso raffigurato nel film.

Pochi sono riusciti a tradurre le emozioni altrettanto intensamente e riccamente come ha fatto Raffaello Sanzio. Morì alla giovane età di 37 anni, ma fu in grado di lasciare un segno indelebile nella storia dell'arte. Mente e cuore, emulazione e invenzione, compostezza e confusione, vizio e virtù, sono le facce della sua personalità: il destino di Raffaello sembra essere scritto nelle sue radici controverse.

In un dialogo innovativo e senza precedenti tra il mondo dell'arte e il mondo del cinema, la vita del grande artista si interseca con momenti di accurata digressione artistica, illustrati dall'attività appassionata di prestigiosi esperti come Antonio Paolucci (direttore dei Musei Vaticani fino al 2016), Vincenzo Farinella (professore associato di Storia dell'Arte Moderna alla Scuola Normale di Pisa) e Antonio Natali (direttore della Galleria degli Uffizi a Firenze dal 2006 al 2016). Un corso d'arte in 20 siti, tra cui 15 musei, e analisi su oltre 70 opere d'arte, tra cui più di quaranta delle più note e rappresentative di Raffaello.

Una delle peculiarità del film è la ricostruzione storica dei set, ispirata dai dipinti del XVIII secolo, raffiguranti i tempi di Raffaello: frammenti della sua vita, momenti delicati e suggestivi in grado di coinvolgere emotivamente gli spettatori introducendoli a capitoli di digressione artistica.

Le scenografie sono state create dallo sforzo congiunto di maestri italiani del settore, tra cui il famoso Bottega Tifernate, che lavora regolarmente per molti musei e ha fedelmente riprodotto i dipinti nelle scene - tra cui “La Gioconda”, il capolavoro di Leonardo da Vinci, e la “Trasfigurazione” di Raffaello, resa in un formato maestoso di 157 x 118 pollici.

Il reparto costumi ha utilizzato più di 40 abiti, tutti fatti su misura per gli attori, tra cui il vestito ricco e sensuale della "Velata", con una fedele riproduzione di colori, tessuti e materiali. Uno studio storico accurato è applicato anche alle scenografie, in cui centinaia di oggetti sono stati utilizzati meticolosamente per raffigurare luohi come gli studi di Raffaello.

Il film è stato introdotto da Davide Gasparotto, curatore del Museo Getty di Los Angeles. Nel suo intervento ha detto: "Cercherò di fornire il quadro per far capire l'importanza del lavoro svolto da Raffaello nell'arte e nella cultura. Le opere di Raffaello sono incredibilmente realistiche. Sono una celebrazione della pittura, del disegno, della luce, del lavoro con i modelli e dell'espressione. Ci mostra persone e oggetti esattamente come li ha visti e solo lui sapeva come riprodurli in tali dettagli. È incredibile quanto siano realistici i suoi dipinti. La "Trasfigurazione", l'ultima e definitiva opera di Raffaello, è una sorta di testamento spirituale, rivelazione divina e azione umana in una sola volta, dove la calma e la confusione sono drammaticamente riunite".

Cosetta Lagani, direttore creativo di Sky 3D, racconta di questo straordinario progetto culturale: "Crediamo che questo progetto sia soprattutto un simbolo dell'eccellenza italiana, che esalta il patrimonio culturale del Bel Paese. Ma è anche un prodotto all'avanguardia perché è stato girato con le ultime tecnologie 3D e 4K, l'Ultra HD. Lo script della storia è accattivante, emozionante ma al tempo stesso autorevole. Siamo lieti del successo che i nostri film d'arte stanno raccogliendo in tutto il mondo e siamo orgogliosi di aver raggiunto gli Stati Uniti, con Raffaello e altri film realizzati prima, come "I Musei Vaticani", "Firenze e la Galleria degli Uffizi", "San Pietro e le basiliche papali di Roma". Con tutti abbiamo raggiunto più di 2.000 cinema in 60 paesi. Siamo orgogliosi di annunciare che abbiamo già iniziato la produzione di due nuovi film, "Caravaggio" e "Michelangelo", sicuri che avranno lo stesso grande successo ".

"SkyEurope e i Musei Vaticani hanno scelto di investire nell'arte e nella cultura per raccontare l'eredità unica dell'Italia in modo molto innovativo. Creatori e produttori sono convinti che questi film possano attirare l'interesse di un pubblico sempre più ampio e eterogeneo. La nostra è una scelta libera e indipendente, culturale e commerciale, che entra in un mercato di qualità e originalità e contribuisce alla visibilità del nostro patrimonio culturale, anche su mercati competitivi come quello americano. Il film di questa sera è il primo fatto su Raffaello Sanzio, uno degli artisti più famosi e più amati del mondo. Il film racconta la storia dell'artista e delle sue opere immortali, che ha iniziato il suo viaggio dalla cittadina di Urbino (luogo di nascita di Raffaello), si è trasferito a Firenze e finalmente è arrivato a Roma e in Vaticano, dove ha concluso la sua breve ma brillante esistenza".

Valeria Rumori, direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles, racconta il film e tutte le iniziative in arrivo questo mese, Ottobre, anche noto come Italian American Heritage Month: "La premiere di questo film arriva in una settimana molto impegnativa in cui festeggiamo la lingua italiana nel mondo, quindi sono molto felice di essere parte di questa incredibile celebrazione del patrimonio italiano. Mi è piaciuto molto il film, è bello e molto ben fatto. Qualcuno, durante la proiezione, mi ha detto, con tutto il rispetto per Sorrentino - questa è la “Vera Bellezza d'Italia!” - e sono d'accordo. Siamo un Paese pieno di arte, storia e menti brillanti. In questa contemporaneità che spesso tende a dimenticare il passato e le sue radici culturali, un film come “Raffaello - Il Principe delle Arti” ci aiuta a riflettere, attraverso l'unione tra cultura e divertimento, sul passato e sul presente".

Il film sarà proiettato nelle sale cinematografiche degli Stati Uniti il 20 ottobre distribuito tramite Trafalgar Releasing e girerà per 4 settimane, raggiungendo 100 schermi.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Little “Eataly” in Los Angeles: Italy's most notorious food hall lands on the West Coast

Eataly has officially opened the doors of its first West Coast location in Los Angeles, inside the Westfield Century City Mall, near Beverly Hills...

D.I.V.E.: An evening with Principe Emanuele di Savoia

For those of us born long after WWII ended, the House of Savoy was a name to be found in history books, an important detail that went hand in hand...

An Italian November made of cinema and good food

We’ve just left behind this year’s celebrations - and controversies - of the Italian Heritage Month and only started thinking about our Thanksgiving...

Supporting the UNESCO candidature of the Neapolitan pizza making art

The event Tu Vuò fa’ il Napoletano - Facce da Pizza landed in the USA. The first of the three gatherings in support to the candidature of the...

October in L.A: the Italian Heritage Month

The Italian-American Heritage Month started in the best way with a special and touching Council presentation by Councilman Joe Buscaino. The event...

Weekly in Italian

Recent Issues