October in L.A: the Italian Heritage Month

From the left: Paul Sorvino, Neal DiLeva, Josephine Accetta, Joe Buscaino, Ann Potenza, Dante Colombatti and Chris Riboli

The Italian-American Heritage Month  started in the best way with a special and touching Council presentation by Councilman Joe Buscaino. The event was held at the L.A. City Hall, on October 12th,  with the purpose of honoring the rich heritage of Americans of Italian descent and celebrating their contributions to American culture and society.

This year’s honorees, with their talent and sense of initiative, well represent the role of the Italian American community in L.A. They are the Riboli family of the San Antonio Winery, Ann Potenza Smith, Neal DiLeva, Jospehine Accetta and Paul Sorvino.

Consul General of Italy, Antonio Verde

Santo Cambianica founded the San Antonio Winery in 1917 on Lamar Street, dedicating it to his patron saint, Saint Anthony.  In 1936, a young Stefano Riboli began apprenticing under his uncle Santo, quickly proving himself invaluable.  San Antonio Winery is the last remaining winery in Downtown Los Angeles, a hidden gem and historical landmark operating in the same community where it was founded 100 years ago.

Ann Potenza Smith got involved in the L.A. community fifteen years ago, first as a volunteer, then as the executive director and event producer for the Feast of San Gennaro in Hollywood. The Feast eventually led Ann to join the Order Sons of Italy Hollywood lodge and also the Federated Italo-Americans, where she currently serves as a third-term President. In her touching speech, she explained her vision of Italian heritage, which has always been based on sharing love with family, being together, helping each other and having an open home to everybody.

Dante Colombatti and Chris Riboli

The third honoree was Neal DiLeva, who has been a member of the Italian Catholic Federation for the past thirty-eight years, serving  as a trustee, first vice-president and, for the last twenty years, as president of the branch. The Italian Catholic Federation branch 115 was established at Mary Star of the Sea under the title “San Giovanni Giuseppe della Croce,”  the  patron saint of the island of Ischia, Italy.

Next up on stage was Josephine Accetta. In the early 1970’s she became heavily involved in the St. Joseph Society, an Italian Catholic association, that was founded in LA by her aunts. Today, St. Joseph Feast is celebrated at Mary Star of the Sea Church as well as other areas of Los Angeles every year on March 19th.  The celebration includes a Mass, a procession and a meal prepared for the entire community.

Councilman Joe Buscaino with Paul Sorvino

Last but not the least Paul Sorvino, a real showman, enchanted and amused the audience with a fresh and captivating speech.The  Brooklyn born actor performed on stage, on television and in movies with over 180 credits to his name. On the big screen, he`s best known for his portrayal of tough guys and authority figures, in such standout performances as Paul Cicero in Martin Scorsese`s 1990 film “Goodfellas” and stressed-out police chief Capt. Edelson in William Friedkin`s 1980 drama “Cruising.”

Many attended councilman Buscaino's presentation at Los Angeles City Hall, on October 12th

The Consul General of Italy, Antonio Verde, called on stage by Councilman Joe Buscaino, concluded the evening with a thoughtful speech about the event and the bond between Italy and America: “We are here tonight not only to celebrate the Italian heritage but also the strong and vibrant Italian- American identity. I am pleased to have the opportunity to congratulate those who have been honored this evening and salute the achievements of Italian-Americans. Their contributions to the economical, socials and scientific progress of this country must always be remembered. Italian-Americans are the results of determination, capacity to face challenges, sacrifice and creativity. October 12th, as you know, is the date commonly associated with the discovery of America and, within this context, we also think of another Italian, Cristoforo Colombo. Of course, we respect all opinions but we continue to see his historical figure as a symbol of what Italians have contributed  to with their brawn and their brain. It is in this framework that we pay tribute to those who carry high the standards of their heritage and are committed to their American identity and their Italian roots. For me, representing the Italian government is also a rich opportunity to reaffirm the deep friendship that exist between our countries and thank the Italian-American community, which is at the center of this bond.”

Few touching moments and questions answered by Joe Buscaino during his speech.

What does  being Italian-American today mean?
“On behalf of my generation and the current,  I want to say thanks to  the generation that raised us up with a lot of  sacrifices. The first generations who came  here to America had to face a lot of difficulties; they started from the bottom so that we, their sons, daughters and grandkids could become respected doctors, lawyers, bankers, businessmen and leaders. They all have showed us that  hard work, love, respect and family are the ingredients of a wonderful life, so now it is our turn to ensure everything they thought us will remain part of our DNA for many generation to come. In modern society, it is very easy to lose our  sense of culture, but now that we no longer have to face the struggle they suffered, we can use the extra energy to ensure the preservation of our culture and  of who we really are.”

During your speech you talked about a new project coming up, a new “Little Italy” in San Pedro. Can you give us some more details about it?
Yes, we have so many great organizations here today and so many celebrations that we can build from, including this one tonight, and this is why today I`d love to challenge our Italian-American community and engage each other to accomplice a couple of goals that will allow the Italian-American experience to be shared with this entire city of Los Angeles and beyond.

In the past hundreds of years, Italian-American culture was cultivated and protected thanks to the establishment of “Little Italy districts” in American cities. While New York has over 20 Little Italy districts and other cities as Chicago, San Francisco, San Diego, Saint Louis all have Little Italies, Los Angeles doesn't have one and this is why today I am launching an effort to establish a Little Italy district in San Pedro.

We do so because it is home to a large concentration of original Italian Americans, but in order to establish a Little Italy, our community must pursue enough Italian businesses to come to San Pedro and work together to create a desirable destination reflective of our culture. So we are planning to establish a non profit organization to bring Italian businesses together, and there is never been a better time because we are finally beginning to see that, thanks to  redevelopment efforts, San Pedro is starting to boom again just like it did when Italians arrived here  to work in the fishing industry 50 to 100 years ago. It is a great project and I hope all the Italian-American community will embrace  it.

Il mese dell’eredità italo-americana è iniziato nel migliore dei modi con una presentazione speciale e commovente del Consiglio comunale da parte del consigliere Joe Buscaino. L'evento si è tenuto nel municipio di L.A. il 12 ottobre con l'obiettivo di onorare il ricco patrimonio di americani di origine italiana e celebrare i loro contributi alla cultura e alla società americana. I celebrati di quest'anno, con il loro talento e senso d'iniziativa, rappresentano bene il ruolo della comunità italoamericana a L.A. Sono la famiglia Riboli della San Antonio Winery, Ann Potenza Smith, Neal DiLeva, Josephine Accetta e Paul Sorvino.

Santo Cambianica fondò la San Antonio Winery nel 1917 su Lamar Street, dedicandola al suo santo patrono, Sant'Antonio. Nel 1936, un giovane Stefano Riboli cominciò l’apprendistato sotto lo zio Santo, dimostrando rapidamente di essere prezioso. San Antonio Winery è l'ultima cantina rimasta nel centro di Los Angeles, un gioiello nascosto e un punto di riferimento storico che opera nella stessa comunità in cui è stata fondata 100 anni fa.

Ann Potenza Smith ha preso parte alla comunità di L.A. quindici anni fa, prima come volontaria, poi come direttore esecutivo e produttore di eventi per la festa di San Gennaro a Hollywood. La festa ha infine portato Ann a unirsi all’Order Sons of Italy Hollywood e ai Federated Italo-Americans di cui attualmente è presidente per la terza volta. Nel suo commovente discorso, ha spiegato la sua visione del patrimonio italiano, che è sempre stato basato sulla condivisione dell'amore per la famiglia, lo stare insieme, aiutandosi reciprocamente e avendo una casa aperta a tutti.

Il terzo premiato è stato Neal DiLeva, che negli ultimi trentotto anni è stato membro della Federazione Cattolica Italiana, in qualità di membro del consiglio di amministrazione, primo vicepresidente e, negli ultimi vent'anni, di presidente del gruppo. Il ramo 115 della Federazione Cattolica Italiana è stato istituito a Maria Stella del Mare con il titolo "San Giovanni Giuseppe della Croce", santo patrono dell'isola di Ischia, Italia.

La successiva sul palco è stata Josephine Accetta. All'inizio degli anni '70 è stata fortemente coinvolta nella St. Joseph Society, un'associazione cattolica italiana fondata a Los Angeles dalle sue zie. Oggi la festa di San Giuseppe è celebrata ogni anno il 19 marzo nella chiesa di Maria Stella del Mare e in altre aree di Los Angeles. La celebrazione include una Messa, una processione e un pasto preparato per l'intera comunità.

Ultimo ma non meno importante Paul Sorvino, un vero showman, ha incantato e divertito il pubblico con un discorso fresco e accattivante. L'attore nato a Brooklyn ha recitato sul palco, in televisione e nei film e ha oltre 180 partecipazioni a suo nome. Sul grande schermo, è famoso per il suo ritratto di ragazzi duri e figure autoritarie, in interpretazioni di spicco come Paul Cicero nel film Goodfellas del 1990 di Martin Scorsese e come il capitano Edelson, lo stressato capo della polizia nel dramma del 1980 "Cruising" di William Friedkin.

Il Console Generale d'Italia, Antonio Verde, chiamato sul palco dal consigliere Joe Buscaino, ha concluso la serata con un discorso meditativo sull'evento e sul legame tra l'Italia e l'America: "Siamo qui stasera non solo per celebrare il patrimonio italiano ma anche per la forte e attiva identità italo-americana. Sono lieto di avere l'opportunità di congratularmi con coloro che sono stati onorati questa sera e di celebrare i risultati degli italo-americani. Devono essere sempre ricordati i loro contributi al progresso economico, sociale e scientifico di questo paese. Gli italo-americani sono il risultato della determinazione, della capacità di affrontare sfide, sacrifici e creatività. Il 12 ottobre, come sapete, è la data comunemente associata alla scoperta dell'America e, in questo contesto, pensiamo anche ad un altro italiano, Cristoforo Colombo.

Naturalmente, rispettiamo tutte le opinioni, ma continuiamo a vedere la sua figura storica come simbolo di ciò che gli italiani hanno contribuito a fare con i loro muscoli e il loro cervello. È in questo contesto che rendiamo omaggio a coloro che portano alti gli standard del proprio patrimonio e si impegnano per la loro identità americana e le loro radici italiane. Per me, rappresentare il governo italiano è anche una ricca opportunità per riaffermare la profonda amicizia esistente tra i nostri paesi e ringraziare la comunità italo-americana, che è al centro di questo legame".

Alcuni momenti toccanti e domande a cui Joe Buscaino ha risposto durante il suo discorso.

Cosa significa oggi italo-americano?
"A nome della mia generazione e della attuale, voglio dire grazie alla generazione che ci ha cresciuti con molti sacrifici. Le prime generazioni che sono venute qui in America hanno dovuto affrontare molte difficoltà; partirono dal basso in modo che noi, i loro figli, le loro figlie e i nipoti potessimo diventare rispettati medici, avvocati, banchieri, uomini d'affari e leader. Tutti loro ci hanno mostrato che il lavoro duro, l'amore, il rispetto e la famiglia sono gli ingredienti di una vita meravigliosa, quindi ora è il nostro turno per assicurare che tutto ciò che ci hanno insegnato possa restare parte del nostro DNA per molte generazioni a venire. Nella società moderna è molto facile perdere il senso della nostra cultura, ma ora che non dobbiamo più affrontare la lotta che hanno sofferto loro, possiamo usare energia aggiuntive per garantire la conservazione della nostra cultura e di chi siamo veramente".

Durante il suo discorso ha parlato di un nuovo progetto che inizia, una nuova "Little Italy" a San Pedro. Puoi darci qualche dettaglio?
Sì, oggi abbiamo qui così tante grandi organizzazioni e così tante celebrazioni da cui possiamo partire, compresa questa di stasera, ed è per questo che oggi mi piacerebbe sfidare la nostra comunità italo-americana e impegnarci a raggiungere un paio di obiettivi che permettano all'esperienza italo-americana di essere condivisa con tutta la città di Los Angeles e oltre. Negli ultimi cent'anni, la cultura italo-americana è stata coltivata e protetta grazie all'insediamento dei "quartieri delle Little Italy" nelle città americane. Mentre New York ha oltre 20 distretti di Little Italy e altre città come Chicago, San Francisco, San Diego, Saint Louis hanno Little Italies, Los Angeles non ne ha una e per questo oggi sto lanciando l’impegno di stabilire una Little Italy a San Pedro.

Lo facciamo perché è sede di una grande concentrazione di italo-americani originali, ma per stabilire una Little Italy, la nostra comunità deve spingere abbastanza aziende italiane a venire a San Pedro e lavorare insieme per creare una destinazione desiderabile che rifletta la nostra cultura. Pertanto, stiamo progettando di istituire un'organizzazione senza scopo di lucro per mettere insieme le imprese italiane e non c'è mai stato un momento migliore perché stiamo cominciando a vedere che, grazie agli sforzi di riqualificazione, San Pedro comincia a crescere ancora, proprio come quando gli italiani sono arrivati qui tra 50 e 100 anni fa per lavorare nel settore della pesca. È un grande progetto e spero che tutta la comunità italo-americana lo abbracci.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Cycling in Ferrara - Emilia Romagna’s city of bicycles

Ferrara: oh, the tragedy of having overlooked this beauty of an Italian city for so many years! But we’re in the good company of a whole lot of other...

Nicoletta Machiavelli: from Italian movie star to Seattle language teacher

The camera loved Nicoletta Machiavelli, a sultry, dark-haired Italian beauty best known for her roles in the spaghetti westerns of the 1960s. She co-...

Bologna, capital of rediscovered flavors and “Made in Italy” culinary culture

For the longest time, Bologna has been happily known as “The Learned,” “The Fat,” or “The Red.” Until a few months ago, however, the city seemed to...

Italian fashion helps victims of Northern California fires

On Saturday, October 14, 2017, San Francisco’s Museo Italo Americano hosted a fundraising event organized by Isabella Weiss di Valbranca and...

An Italian November made of cinema and good food

We’ve just left behind this year’s celebrations - and controversies - of the Italian Heritage Month and only started thinking about our Thanksgiving...

Weekly in Italian

Recent Issues