Dalla tradizione pittorica trecentesca al Rinascimento con Giovanni dal Ponte

Dalla tradizione pittorica trecentesca al Rinascimento con Giovanni dal Ponte
Annunciazione tra i santi Eustachio e Antonio abate con Cristo benedicente e angeli del 1410-1415 circa. Oggi al museo di arte sacra di Campi Bisenzio
La mostra  monografica dedicata a Giovanni dal Ponte alla Galleria dell'Accademia costituisce il primo vero momento di vivace confronto tra due realtà: quella consolidatasi nella decennale esperienza di esposizioni temporanee fiorentine e quella che scaturisce dai dettami propugnati dalla recente riforma ministeriale di cui, quella della Galleria dell’Accademia di Firenze rappresenta uno dei primi esempi. 
 
Come è ormai consolidata tradizione di questo museo, la mostra muove dalla sempre viva esigenza di valorizzare le collezioni della Galleria, in questo caso la bellissima Incoronazione della Vergine di Giovanni dal Ponte che per l’occasione è stata restaurata. Su questa consuetudine, Cecilie Hollberg direttore della Galleria dell’Accademia ha voluto apportare significative innovazioni nella concezione dell’allestimento di grande impatto scenografico, che sottolinea ed enfatizza il percorso artistico del pittore fiorentino. 
 
La Galleria dell'Accademia di Firenze ospita 50 opere del pittore Giovanni dal Ponte (1385-1437/8) - a cura di Angelo Tartuferi e Lorenzo Sbaraglio - che viene a colmare una carenza di studi e conoscenza avvertita da tempo nell’ambito degli studi storico artistici. Finalità principali della mostra sono quelle di favorire una classificazione critica più adeguata di questa forte personalità artistica del primo Quattrocento, che occupò un ruolo non marginale negli sviluppi della pittura fiorentina del primo Rinascimento e di presentarlo al vasto pubblico affinché ne scopra e apprezzi il linguaggio assai individuale ed al tempo stesso estroso, nonché aggiornato sull’attività dei maggiori artisti operanti nel capoluogo toscano nel primo trentennio del XV secolo: da Gherardo Starnina a Lorenzo Monaco e Lorenzo Ghiberti fino a Masaccio, Masolino e Beato Angelico.
 
 La formazione artistica del pittore si svolse probabilmente in una bottega di tradizione trecentesca,  anche se un'influenza fondamentale la esercitò ben presto Gherardo Starnina, che - al suo ritorno dalla Spagna nei primissimi anni del Quattrocento - introdusse a Firenze un’interpretazione esuberante e profana della pittura tardogotica, risultata decisiva per Giovanni e per la formazione del suo stile. 
 
Giovanni di Marco, ricordato come Giovanni dal Ponte nelle Vite del Vasari per il fatto di essere abitante e aver avuto bottega a Firenze nella parrocchia di Santo Stefano al Ponte, si rivelò subito partecipe del panorama culturale fiorentino agli albori del Quattrocento, caratterizzato, com’è noto, da una straordinaria vitalità creativa.
L’opera più importante della sua fase più antica giunta fino a noi è il trittico del Museo di San Donnino a Campi Bisenzio, in origine nella chiesa di Sant’Andrea a Brozzi. Il dipinto è stato per lungo tempo riferito a un ipotetico “Maestro dell’Annunciazione di Brozzi”, ma ai giorni nostri si ritiene che esso documenti gli esordi di Giovanni dal Ponte intorno al 1410, con riflessi assai spiccati dell’attività di Gherardo Starnina.
 
Nel corso del terzo decennio del Quattrocento Giovanni di Marco dimostra una crescente attenzione nell’interpretare gli spunti della nascente cultura rinascimentale, in pittura di fonte soprattutto masaccesca, come si può notare nel polittico che aveva al centro la Madonna col Bambino in trono (Fitzwilliam Museum, Cambridge) e ai lati i santi Giovanni Battista e Pietro a sinistra, e a destra i santi Paolo e Francesco d’Assisi (Museo Bandini, Fiesole) e con la predella raffigurante la Liberazione di San Pietro dal carcere; San Pietro in cattedra e i santi Ludovico e Prospero; Martirio di San Pietro; San Tommaso e San Giacomo maggiore, Luca e Giacomo minore, Andrea e Giovanni evangelista, Matteo e Filippo (Uffizi, Firenze).
 
Dal 1427 circa Giovanni dal Ponte fu in società con il pittore Smeraldo di Giovanni, insieme al quale si specializzò nella fornitura di cassoni dipinti, un genere che incontrava un grandissimo successo nella Firenze di quegli anni. Tra gli esemplari più belli di questa produzione si annovera il fronte di cassone del Museo Civico “Amedeo Lia” di La Spezia. Il grande trittico con l’Incoronazione della Vergine e quattro santi della Galleria dell’Accademia ha beneficiato di un restauro appositamente eseguito per la mostra, recuperando splendidamente i suoi valori disegnativi e pittorici. 
 
Il bellissimo tappeto su cui poggiano i sacri personaggi, che era di un colore scuro, è stato rivelato dalla pulitura di un verde assai brillante, su cui campeggiano i ricchi racemi dorati. Anche il gradino di base era stato nei secoli ricoperto dalla sporcizia e dalle ripassature pittoriche: grande è stata pertanto la sorpresa di constatare che l’artista aveva dipinto accuratamente anche questa parte, utilizzandola, anzi, per offrire dei brani bellissimi di naturalismo pittorico.
 
In occasione dell’esposizione entrerà definitivamente nelle collezioni del museo un'altra opera di Giovanni dal Ponte, la tenera e luminosa Madonna col Bambino in trono, proveniente dalla chiesa di Badia nel cuore di Firenze, ma conservata per moltissimi anni presso la Certosa del Galluzzo, recuperata anch’essa da un ottimo intervento di restauro. Nella tavola l'artista giunge ad interpretare in maniera assai originale i modi di Masolino, celebre compagno di lavoro di Masaccio.
 
L’ultima fase dell'attività del pittore è documentata in mostra da una serie di opere datate che testimoniano il raggiungimento di un linguaggio molto personale, caratterizzato da forme ampie e solenni, che sembrano coniugare la grande tradizione trecentesca fiorentina con le forme e i moduli rinascimentali ormai pienamente affermati. Si possono ricordare qui il luminoso e ‘neo-trecentesco’ trittico della Badia di Rosano (Firenze) con l’Annunciazione e quattro santi, commissionatogli dalla badessa Caterina da Castiglionchio nel 1434; la grandiosa pala della chiesa di San Salvatore al Monte di Firenze (post 1434) raffigurante la Madonna col Bambino, sei santi e una donatrice. 
 
Giovanni dal Ponte fu attivo anche come frescante: riflettono  in parte il suo stile i frammenti recuperati nella Cappella del Giudizio nel Duomo di Pistoia, mentre intorno al 1430 egli dipinse certamente gli affreschi per la Cappella di San Pietro nella chiesa di Santa Trinita a Firenze, andati in buona parte perduti, e tra il settembre 1434 e l’ottobre dell’anno seguente affrescò le Storie di san Bartolomeonella Cappella Scali della stessa chiesa. Il 19 novembre 1437 Giovanni di Marco dettò il suo testamento, da cui emerge una notevole agiatezza economica, e dovette morire poco tempo dopo. 
 
Tra le prestigiose istituzioni museali che hanno offerto la loro collaborazione alla mostra prestando opere di grande rilievo figurano: National Gallery di Londra, Museo Nacional del Prado di Madrid, Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam, Wadsworth Atheneum Museum of Art di Hartford (Connecticut), Minneapolis Institute of Arts, Musees Royaux des Beaux-Arts de Belgique di Bruxelles, Museo di Baltimora (Maryland), Fogg Art Museum di Cambridge (Massachusetts), Philadelphia Museum of Art a Filadelfia (Pennsylvania), Musee Jacquemart-André dell’Institut de France di Parigi, Musee des Beaux-Arts a Digione. 
 
L’allestimento progettato da Piero Guicciardini, si caratterizza per la sapiente evocazione scenica delle architetture della Firenze di Giovanni dal Ponte e per la cura delle luci sui fondi oro, che insieme creano effetti di grande suggestione. 
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

La vita prende altre vie ma ‘Io questa maglia sognavo da bambino’: omaggio al Grande Torino

La vita prende altre vie ma ‘Io questa maglia sognavo da bambino’: omaggio al Grande Torino

Inizia il 4 maggio 1949 il racconto autobiografico di Valerio Liboni, con l’arrivo in Paradiso della squadra del Grande Torino, il giorno stesso...
Dino Sarti, l’ultimo cantore di Bologna che col dialetto seppe raccontare l’anima della sua gente

Dino Sarti, l’ultimo cantore di Bologna che col dialetto seppe raccontare l’anima della sua gente

Dino Sarti, nato 80 anni fa e scomparso nel 2007, è stato chansonnier e showman, artista di night-club e di cabaret, autore di canzoni, attore e...
Fausto Pirandello: spaesamento esistenziale e ricerca del sè, all’ombra del padre

Fausto Pirandello: spaesamento esistenziale e ricerca del sè, all’ombra del padre

“Cominciai a desiderare di poter dipingere vedendo dipingere mio padre. Se mio padre dipingeva, dipingeva anche mio fratello e questa petulanza...
Progetto pop-dance di In-Grid per Natale dopo tre brani da record anche per Billboard

Progetto pop-dance di In-Grid per Natale dopo tre brani da record anche per Billboard

Le canzoni di Ingrid Alberini, nome d’arte In-Grid, hanno raggiunto i vertici delle classifiche di vendita mondiali: Stati Uniti, Francia, Russia,...
Dai leggendari Capitol Studios di Los Angeles, il calore swing di Laura Pausini versione Xmas

Dai leggendari Capitol Studios di Los Angeles, il calore swing di Laura Pausini versione Xmas

Il 2016 è stato un anno pieno di soddisfazioni per Laura Pausini, culminato con la partecipazione al Latin Grammy Award, il festival che assegna...

Weekly in Italian

Recent Issues