La magia dei vicoli e l’Oro di Napoli: l’alta moda di Dolce & Gabbana sfila con la Loren

La magia dei vicoli e l’Oro di Napoli: l’alta moda di Dolce & Gabbana sfila con la Loren

Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, Sophia Loren e i due stilisti Stefano Gabbana e Domenico Dolce alla cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria all’attrice (Ph D&G)

L’avevano preannunciato  e hanno mantenuto la promessa. Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno scelto la capitale dell’Europa mediterranea per presentare l’edizione invernale 2016 delle collezioni di Alte Artigianalità: alta Gioielleria, alta Moda, alta Sartoria.
 
Sedotti dall’indomito fascino della Loren, testimonial di una delle loro ultime creazioni in fatto di brand, i due stilisti dicono di non aver avuto dubbi: dopo aver visto i fotogrammi del film di De Sica, “L’oro di Napoli”, con una sfavillante Sofia, hanno deciso che proprio quei vicoli di Spaccanapoli avrebbero ospitato la sfilata dell’anno. E così è stato. 
 
La kermesse è durata tre giorni ad ha avuto il suo clou nella sfilata di San Gregorio Armeno, la strada dei presepi: una salita che si inerpica per il cuore della bella Partenope, fiera di basoli e bancarelle.
 
Uno sfondo d’élite per una città che ha saputo raccogliere la sfida di un evento fuori dal comune, capace di stupire più di quanto non lo siano, di solito, le follie dell’alta moda. Ne è venuto fuori un mix straordinario: non sono mancate le polemiche per i disagi che la normale routine cittadina ha dovuto subire perché tutto fosse impeccabile, ma il risultato è stato d’eccezione. Una Napoli disabituata a essere protagonista di eventi internazionali, un po’ goffa e intimidita, ha saputo realizzare solo in un secondo momento l’opportunità di cui ha goduto. Nessuna perplessità, invece, hanno mostrato gli abitanti dei vicoli partenopei, che senza alcun imbarazzo hanno accolto modelli da capogiro in abbracci caldi e generosi.
 
 Le foto che già spopolano sui social vedono come testimonial della griffe non solo scultorei mannequins ma anche persone semplici, abbigliate con naturalezza: nonne e mamme che giocano con indossatrici perfette,  dall’espressione rapita e stupita per le magie che hanno saputo restituire i vicoli napoletani nelle mani dell’alta moda, come se in un attimo fossero tornate bambine.
 
Tra i post ci sono Domenico Dolce che addenta una pizza fritta, gli scatti rubati nelle fasi di preparazione del mega party a Villa Pignatelli, il trono della sempre meravigliosa Loren che come una regina ha presenziato allo sfilare dei capi che hanno reso leggenda la sua storia: camicette aderenti e scollatissime, longuettes sofisticate e aderenti sui fianchi. L’oro ricamato su una mitra ispirata al tesoro di San Gennaro, il nome “Sophia” che campeggia accanto al numero 10, il numero dell’eccellenza, il numero di Diego Armando Maradona. E ancora, le maioliche del Chiostro di Santa Chiara trasposte nei tessuti di abiti regali e preziosi, l’eccesso del rosso. 
 
Una sfilata che è stata il trionfo della gioia. La memoria ritrovata dello splendore di un’antica capitale. Un momento di alta moda che ha offerto un dono prezioso alla metropoli mediterranea: una ritrovata bellezza, antica e contemporanea al tempo stesso. 
Forse è solo l’inizio di una nuova e inedita speranza per Napoli, come già racconta un murales spuntato, di notte, nel cuore delle mura greche. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Incontri miracolosi dal disegno alla pittura: Pontormo torna a Firenze grazie al Getty Museum di Los Angeles

Incontri miracolosi dal disegno alla pittura: Pontormo torna a Firenze grazie al Getty Museum di Los Angeles

Fino al 29 luglio è aperta la mostra " Incontri miracolosi: Pontormo dal disegno alla pittura" curata da Bruce Edelstein e ospitata nella Sala delle...
La generosità nel nonno veronese nel dna di Bruno Serato che regala piatti di pasta ai suoi ‘Motel Kids’

La generosità nel nonno veronese nel dna di Bruno Serato che regala piatti di pasta ai suoi ‘Motel Kids’

Tutto ebbe inizio con la visita di mamma Caterina, il 18 aprile del 2005. Quel giorno è rimasto scolpito nel calendario dei sentimenti di Bruno...
Per sogni e per chimere, in una mostra alla Fondazione Ragghianti il rapporto tra Puccini e l'arte

Per sogni e per chimere, in una mostra alla Fondazione Ragghianti il rapporto tra Puccini e l'arte

Una mostra da non perdere, quella aperta fino al 22 settembre a Lucca. "Ricostruire la trama di relazioni tra Puccini e il mondo artistico, che...
A Villa Bardini a Firenze Icons di Steve McCurry

A Villa Bardini a Firenze Icons di Steve McCurry

Dal 14 giugno al 16 settembre gli spazi della Villa Bardini di Firenze ospiteranno un’ampia retrospettiva dedicata al lavoro di Steve McCurry (Darby...
Unfake Connections, la New York anni 60-70 si svela a Montesilvano

Unfake Connections, la New York anni 60-70 si svela a Montesilvano

New York negli anni Sessanta e Settanta è stata l’incubatrice di movimenti e linguaggi artistici d’avanguardia come la Pop Art, la MInimal e la...

Weekly in Italian

Recent Issues