Differenze di significato da ‘tenere ben a mente’ nei modi di dire

Differenze di significato da ‘tenere ben a mente’ nei modi di dire
Le espressioni napoletane: “Tieni mente” e “tieni a mmente” sembrano identiche; eppure il loro significato è completamente diverso. Rese in italiano corrisponderebbero – più o meno – a: “poni mente” (guarda con attenzione) e “conservalo nella mente” (tienilo a mente, ricordati).
 
Esse sono due perifrasi, giro di parole, due o più parole al posto di un unico vocabolo, come tante volte decidiamo di utilizzare. Nel primo caso: “Guarda!”. Nel secondo: “Ricorda!”. 
La perifrasi, una volta consolidatasi con l’uso, diviene poi una espressione idiomatica (modo di dire caratteristico di una data lingua).  Dicono che la lingua francese sia ricca di espressioni idiomatiche: adesso possiamo dire che anche il napoletano non è da meno. 
 
Confrontando le due perifrasi, quella napoletana e quella italiana, dobbiamo constatare – noi bilingui che conosciamo bene entrambe le lingue – che le due espressioni idiomatiche napoletane, pur equivalendosi alle corrispondenti della lingua italiana, hanno tuttavia una leggera differenza di significato che ne evidenzia la peculiarietà. Perché, se dico: “Tieni mente!” (napoletano), inequivocabilmente io voglio dire, “Guarda!”. Ma se dico: “Poni mente” (italiano) forse voglio dire: “Presta attenzione!” Più simile, invece sono: “Tieni a mmente” (napoletano) e “Conservalo nella mente” (italiano). Ben altra cosa, però, intendo dire, se ripeto due volte l’espressione “Tiene mente”. 
 
E qui ci vorrebbe il grande Eduardo (De Filippo), a spiegarcelo, come sa fare mirabilmente nel finale del III atto della sua commedia “Uomo e galantuomo”, quando, lisciandosi i baffi, conclude:  “Una cosa che solo noi napoletani sappiamo quello che significa, quando uno dice: “Tieni mente, … tieni mente!”. 
E ribadisce, quasi a mo’ di risposta ad una domanda sottintesa. “Significa: Tieni mente! … tieni mente!” 
Lo spieghiamo per chi napoletano non è. È come se uno dicesse: “Ma tu guarda un po’ che mi doveva capitare di incontrare …” o giù di lì.
 
E concludo. Le espressioni idiomatiche sono dei modi di dire, vere creazioni originali, pure invenzioni poetiche, giocate sulla metafora e l’analogia, i cui stilemi si standardizzano mediante il loro uso fino e diventano familiari come formule fisse. Esse sono prezioso patrimonio di frammenti linguistici, e tracciano la storia della sensibilità del popolo e della sua originalità. 
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

A Caserta la Catena della Pace: buone pratiche sociali

A Caserta la Catena della Pace: buone pratiche sociali

La città di Caserta terrà a battesimo, il 20 e 21 aprile 2017, la prima edizione del Premio internazionale d’Arte, Poesia e Prosa “Caserta 2017 - La...
Cesare Beccaria, dalla pena di morte al manifesto etico dell’Illuminismo

Cesare Beccaria, dalla pena di morte al manifesto etico dell’Illuminismo

Nel mondo antico Le leggi di Dracone erano note per la durezza e la pesantezza delle pene: quasi a tutti veniva comminata la pena di morte; per...
A Roma un fumetto omaggia la resistenza partigiana

A Roma un fumetto omaggia la resistenza partigiana

Un fumetto inedito racconta le gesta di Giordano Sangalli, partigiano romano di Tor Pignattara, ucciso a 17 anni dai nazisti sul Monte Tancia nella...
Torquato Tasso alla Library of Congress

Torquato Tasso alla Library of Congress

Si è svolto alla Library of Congress di Washington, la biblioteca del Parlamento degli Stati Uniti, un incontro teso a esplorare i legami tra la...
Firenze esplora il Rinascimento elettronico di Bill Viola

Firenze esplora il Rinascimento elettronico di Bill Viola

Dal 10 marzo al 23 luglio la Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze presenta al pubblico “Bill Viola. Rinascimento elettronico”, una grande mostra che...

Weekly in Italian

Recent Issues