A Hollywood è Cinema Italian Style

A Hollywood è Cinema Italian Style

Giunto alla 12° edizione, Cinema Italian Style ha offerto una rassegna di cinema contemporaneo all’Aero di Santa Monica e all’Egyptian Theatre di Hollywood

L’Istituto culturale d’Italia con Luce Cinecittà - American Cinematheque e l’Italian Trade Agency, sotto gli auspici del Consolato Generale d’Italia di  Los Angeles e il sostengo della Italian Heritage Culture Foundation, ha proposto una rassegna cinematografica sui grandi schermi dello storico Egyptian Theatre di Hollywood e dell’Aero di Santa Monica.
 
Una galleria di set che compongono l’immaginario cinematografico italiano contemporaneo, con lungometraggi, documentari e corti che mostrano l’Italia di ieri (indimenticabile il Sorpasso di Risi scelto per la locandina) e di oggi, a cominciare da “Fuocoammare” di Rosi che ambisce al Miglior film straniero e che è stato presentato ufficialmente a Hollywood. La sua proiezione all’Egyptian è stata seguita da una conversazione tra il regista e Alberto Barbera, direttore della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. 
 
All’Aero sono stati proiettati: “Un bacio” di Ivan Cotroneo (che ha presentato il lavoro), “Suburra” di Stefano Sollima e il corto “Manhunt” di Brando Bartoleschi. Poi “Perfetti Sconosciuti” di Paolo Genovese, “Indivisibili” di Edoardo De Angelis (che ha presentato il film con l’attrice Kasia Smutniak) e il corto “How to save your darling” di Leopoldo Caggiano. E ancora: “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti, “Fiore” di Claudio Giovannesi e il corto “Ningyo” di Gabriele Mainetti. “L’estate addosso” di Gabriele Muccino che lo ha presentato, “Gli ultimi saranno i primi” di Massimiliano Bruno. Infine “La pazza gioia” di Paolo Virzì e “Veloce come il vento” di Matteo Rovere. Ultime proiezioni all’Iic di Los Angeles che con “Quando l’Italia mangiava in bianco e nero” di Andrea Gropplero di Troppenburg, “Harry’s Bar” di Carlotta Cerquetti e “Food for Thought” di Davide Gentile, ha riannodato il cinema con la Settimana della Cucina. 
 
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Successo annunciato per Eleonora Abbagnato e il suo Balletto dell’Opera di Roma

Successo annunciato per Eleonora Abbagnato e il suo Balletto dell’Opera di Roma

"Voglio riportare il Balletto dell’Opera di Roma al livello di quello della Scala di Milano e forse superarlo anche". Volitiva e iperattiva, si era...
Oltre 45 milioni di dischi venduti nel mondo. Suzi Quatro porta nel cognome il nonno emigrato dall’Abruzzo

Oltre 45 milioni di dischi venduti nel mondo. Suzi Quatro porta nel cognome il nonno emigrato dall’Abruzzo

Quando emigrò, nel 1908, Michele Quattrocchi non avrebbe immaginato che sua nipote sarebbe diventata una star del firmamento rock. Invece, settanta...

A Ciambra, l’italoamericano Carpignano da Gioia Tauro a Hollywood sognando il 12°Oscar italiano

“A Ciambra è un film bello e commovente. Entra così intimamente nel mondo dei suoi personaggi che hai la sensazione di vivere con loro”, parola di...
Canzoniere Grecanico Salentino, dalla Puglia al RoundGlass Music Award di N.Y.

Canzoniere Grecanico Salentino, dalla Puglia al RoundGlass Music Award di N.Y.

“Le stelle della Puglia sono una bomba”, ha affermato Neil Spencer del Guardian. “Un grande album. Ritmi del Sud in equilibrio sul tempo”, ha...
Opera verdiana, Devid Cecconi è Rigoletto: il canto è felicità, dedizione, vita

Opera verdiana, Devid Cecconi è Rigoletto: il canto è felicità, dedizione, vita

Rigoletto si inserisce nel periodo centrale della produzione operistica verdiana e con Il Trovatore e La Traviata costituisce la trilogia popolare. L...

Weekly in Italian

Recent Issues