L’Italia del Cenone della Vigilia al Sud e dei Pranzi di Natale al Nord: viaggio tra le tavole imbandite

L’Italia del Cenone della Vigilia al Sud e dei Pranzi di Natale al Nord: viaggio tra le tavole imbandite

Al Nord le famiglie festeggiano le festività natalizie ritrovandosi per il pranzo del 25 Dicembre, quando si predilige un menù a base di carne

C’è un’Italia particolare che vive nei giorni di Natale. E’ l’Italia dei campanili e delle cento città, tutte con le loro tradizioni e le loro storie gastronomiche legate al territorio. Un’Italia culinariamente “divisa” dal Natale: un’Italia del Centrosud e un’Italia del Nord. 
 
Nella prima  si predilige il “Cenone della vigilia”, nella seconda si festeggia il “Pranzo” del 25 dicembre. Nella prima prevale solitamente il pesce, nella seconda tutti i tipi di carne.
La “carbonade” (carne di manzo cotta nel vino rosso) non deve mancare sul tavolo di Natale della Val d’Aosta, cui si aggiungono i crostini al miele da condire con salumi di capra o pecora essiccati e aromatizzati. 
 
In Piemonte il 25 dicembre non possono mancare gli “agnolotti” e il “bollito misto”. Ravioli e cappone magro bandiscono le tavole della Liguria mentre in Friuli si serve il “Brovada e Muset”, una zuppa di rape e cotechino, insieme alla polenta, seguita dalla trippa con sugo e formaggio. In Trentino Alto Adige la famiglia festante il 25 dicembre aspetterà con tripudio i piatti di “canederli”, il capriolo o il capretto al forno, per chiudere il pranzo con lo strudel e lo zelten (dolce a base di frutta secca e canditi). Il pesce inizia a entrare sui piatti natalizi a partire dalla Lombarda, dove una delle portate tradizionali è l’anguilla cotta al cartoccio mentre in Veneto si degusta la polenta con il baccalà e il lesso con le salse.
 
Scendendo lungo lo Stivale si entra nella terra dei tortellini e dei passatelli da cucinare rigorosamente in bordo, delle lasagne e delle tagliatelle, dei tortelli di zucca, del prosciutto e del culatello dell’Emilia Romagna, patria della buona cucina italiana. Il menu ancora una volta è soprattutto a base di carne anche se a Modena si predilige il pesce: spaghetti con tonno, sgombro, acciughe e pomodoro, ma anche il baccalà in umido o fritto.
 
Spostandosi a Ovest ci si imbatte nei crostini di fegatini e nell’arrosto di faraona o di anatra, nei fegatelli e nel cappone ripieno, tipici della cucina natalizia toscana che prevede anche il bardiccio, una salsiccia di maiale speziata al finocchio. 
 
Sul lato orientale dello stivale, nelle Marche, si assaggeranno i tradizionali maccheroni di Campofilone e i cappelletti in brodo mentre in Umbria gli stessi cappelletti talvolta sono ripieni di cappone e piccione.
 
Il baccalà diventa spesso protagonista nelle tavole del centro sud, soprattutto in quelle del Lazio per la cena della Vigilia. Minestra di pesce, pasta e broccoli in brodo, spaghetti con le alici, anguilla fritta e insalata di puntarelle, torrone e pampepato anticipano il pranzo natalizio che prevede l’abbacchio al forno con le patate e i cappelletti in brodo. In Molise e in Abruzzo è d’uopo mangiare la vigilia di Natale il brodetto alla termolese a base di pesce, e il “baccalà arracanato” fatto con mollica di pane, aglio, alloro, origano, uvetta, pinoli e noci, o quello al forno con verza, prezzemolo, mollica, uva passa e noci. Il giorno di Natale il protagonista della tavola abruzzese e molisana è però l’agnello arrosto, cui fa da contraltare il bollito di manzo. Ravioli, dolci fritti ripieni di mandorle e “caggionetti”, completano il ricco menù.
 
La tavola già riccamente imbandita, in Campania diventa opulenta e si presenta la vigilia con il capitone, la femmina dell’anguilla. Il capitone simboleggerebbe la vittoria degli uomini su Satana, che assunse proprio la forma di un serpente per tentare Eva. A Natale si festeggia con il brodo di cappone, spaghetti alle vongole, friselle, cappone imbottito con insalata di rinforzo e poi struffoli, roccoccò e frutta secca. 
 
Pesce, carne e verdure non mancano nemmeno in Basilicata, Calabria e Puglia. In Basilicata è abitudine mangiare per  le feste   la minestra di scarole, verze e cardi in brodo di tacchino, e poi baccalà lesso e pane con le mandorle. Come dolce si preparano le scarpedde, sfoglie di pasta fritte e condite con il miele. 
La Calabria caratterizza il pranzo di Natale con i salumi, dalla pancetta al capicollo, dalla soppressata alla salsiccia, ma non mancano spaghetti con mollica di pane e alici e capretto o pesce stocco accompagnati con broccoli calabresi saltati. 
 
In Puglia si degustano invece le cime di rapa e le pettole (frittelle di pasta lievitata che si farciscono con pomodori, capperi, origano e alici, ma anche gamberi sgusciati, cime di rapa e ricotta).   L’anguilla arrostita e il baccalà fritto, l’agnello al forno con lampascioni, anticipano i dolci: turdilli o cannaricoli e la “pitta ‘mpigliata”.
Chi festeggerà in Sardegna mangerà i culurgiones de casu (ravioli ripieni con sugo di pomodoro,) e  i malloreddus (gnocchetti di semola al sugo di salsiccia). 
 
Il tour gastronomico natalizio finisce in Sicilia dove imperano l’insalata di arance, aringa e cipolla, cardi in pastella, gallina in brodo, la pasta con le sarde e il beccafico. Per il ricco Natale si prepara anche lo sfincione, una pizza tipica a base di cipolla, che si abbina ai cardi in pastella e alla gallina in brodo e si finisce con tanti dolci, dai buccellati alle cassate e ai cannoli. 
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

A Cittadella, tra aria e terra, c’è di mezzo il fare dell’arte di Bruno Munari

A Cittadella, tra aria e terra, c’è di mezzo il fare dell’arte di Bruno Munari

L’arte di Bruno Munari (Milano, 1907-1998) appare come un eccezionale complesso di pittura, scultura, sperimentazioni nelle tecniche più varie e...
A Montepulciano da non perdere la mostra sui progetti leonardeschi e il Tempio di San Biagio

A Montepulciano da non perdere la mostra sui progetti leonardeschi e il Tempio di San Biagio

A Montepulciano, detta non a caso la " perla del Rinascimento", la Fortezza , il Giardino di Poggiofanti e il Tempio di San Biagio diventano...
Al Museo del Bargello di Firenze le pregiate porcellane Richard Ginori

Al Museo del Bargello di Firenze le pregiate porcellane Richard Ginori

Le più importanti sc­ulture prodotte tra Settecento ed Ottoce­nto dalla Manifattura Richard Ginori, mo­numentali figure di porcellana, eccezion­ali...
L'estasi muta di Giovanni Bellini e la sua svolta pittorica

L'estasi muta di Giovanni Bellini e la sua svolta pittorica

Fino al 18 Giugno 2017 una mostra indaga la pittura veneziana e veneta, attraverso un raffronto tra la figura centrale di Giovanni Bellini e le opere...
A Caserta la Catena della Pace: buone pratiche sociali

A Caserta la Catena della Pace: buone pratiche sociali

La città di Caserta terrà a battesimo, il 20 e 21 aprile 2017, la prima edizione del Premio internazionale d’Arte, Poesia e Prosa “Caserta 2017 - La...

Weekly in Italian

Recent Issues