L’Italia con poche aspettative non investe nè spende i risparmi e ha giovani più poveri dei nonni

L’Italia con poche aspettative non investe nè spende i risparmi e ha giovani più poveri dei nonni

Le famiglie italiane con giovani under 35 sono più povere del 15% rispetto a quelle di 25 anni fa

Le aspettative degli italiani continuano a essere negative o piatte. Il 61,4% è convinto che il proprio reddito non aumenterà nei prossimi anni, il 57% ritiene che i figli e i nipoti non vivranno meglio di loro (e lo pensa anche il 60,2% dei benestanti, impauriti dall’atteso downsizing generazionale). Il 63,7% crede che, dopo anni di consumi contratti e accumulo di nuovo risparmio cautelativo, l'esito inevitabile sarà una riduzione del tenore di vita. 
 
Sono alcuni dei dati che emergono dal 50°Rapporto Censis che interpreta i più significativi fenomeni socio-economici del Paese nella fase di debole ripresa che stiamo attraversando. 
Rispetto al 2007, dall'inizio della crisi, gli italiani hanno accumulato liquidità aggiuntiva per 114,3 miliardi di euro, un valore superiore al Pil di un Paese intero come l'Ungheria. La liquidità totale di cui dispongono in contanti o depositi non vincolati (818,4 miliardi di euro al secondo trimestre del 2016) è pari al valore di una economia che si collocherebbe al quinto posto nella graduatoria del Pil dei Paesi Ue post-Brexit, dopo la Germania, la Francia, la stessa Italia e la Spagna. 
 
Quasi il 36% degli italiani tiene regolarmente contante in casa per le emergenze o per sentirsi più sicuro e, se potessero disporre di risorse aggiuntive, il 34,2% degli italiani le terrebbe ferme sui conti correnti o nelle cassette di sicurezza. Così, con una incidenza degli investimenti sul Pil pari al 16,6% nel 2015, l'Italia si colloca non solo a grande distanza dalla media europea (19,5%), da Francia (21,5%), Germania (19,9%), Spagna (19,7%) e Regno Unito (16,9%), ma è tornata ai livelli minimi dal dopoguerra. Emerge cioè una Italia rentier, che si limita a utilizzare le risorse di cui dispone senza proiezione sul futuro, con il rischio di svendere pezzo a pezzo l'argenteria di famiglia.
 
FIGLI PIU’ POVERI DEI NONNI - Sono evidenti gli esiti di un inedito e perverso gioco intertemporale di trasferimento di risorse che ha messo ko economicamente i millennial. Rispetto alla media della popolazione, oggi le famiglie dei giovani con meno di 35 anni hanno un reddito più basso del 15,1% e una ricchezza inferiore del 41,1%. Nel confronto con venticinque anni fa, i giovani di oggi hanno un reddito del 26,5% più basso di quello dei loro coetanei di allora, mentre per gli over 65 anni è aumentato del 24,3%. 
 
La ricchezza degli attuali millennial è inferiore del 4,3% rispetto a quella dei loro coetanei del 1991, mentre per gli italiani nell'insieme il valore attuale è maggiore del 32,3% rispetto ad allora e per gli anziani è maggiore addirittura dell'84,7%. Il divario tra i giovani e il resto degli italiani si è ampliato nel corso del tempo, perché venticinque anni fa i redditi dei giovani erano superiori alla media della popolazione del 5,9% (mentre oggi sono inferiori del 15,1%) e la ricchezza era inferiore alla media solo del 18,5% (mentre oggi lo è del 41,1%).
 
OCCUPAZIONE - Tra il 2013 e il 2015 c'è stato il recupero di 274.000 occupati. Nel primo semestre del 2016 l'andamento dell'occupazione è ancora positivo, con una variazione pari a +1,5% rispetto allo stesso semestre del 2015. Nel periodo gennaio-agosto 2016, inoltre, il contratto a tempo indeterminato è stato utilizzato nel 21,3% dei rapporti di lavoro attivati (nel 2015 la quota era molto più alta: 32,4%). I contratti a termine sono il 63,1% del totale. 
 
L'innovazione normativa (decontribuzione e Jobs Act con i contratti a tutele crescenti) ha quindi fatto fibrillare il mercato del lavoro. Boom dei voucher: 277 milioni di contratti stipulati tra il 2008 e il 2015 (1.380.000 lavoratori coinvolti, con una media di 83 contratti per persona nel 2015) e 70 milioni di nuovi voucher emessi nei primi sei mesi del 2016. È il segnale che la forte domanda di flessibilità e l'abbattimento dei costi stanno alimentando l'area delle professioni non qualificate e del mercato dei lavoretti.
 
 Alla nuova occupazione creata ha corrisposto una bassa crescita economica. I nuovi occupati dall'inizio del 2015 sono associati a una produzione di ricchezza di soli 9.100 euro pro-capite. La produttività si è ridotta da 16.949 euro per occupato (I trimestre 2015) a 16.812 euro (II trimestre 2016). Se la produttività fosse rimasta costante, nell'ultimo anno e mezzo il Pil sarebbe cresciuto dell'1,8% e non solo dello 0,9% come invece abbiamo registrato.
 
CETO MEDIO - La fine del lavoro che erode identità e potere del ceto medio. All'interno del mercato del lavoro è anche avvenuta una ricomposizione tra le diverse categorie professionali, che ha portato a una crescita del peso delle professioni non qualificate (+9,6% nel periodo 2011-2015) e degli addetti alle vendite e ai servizi personali (+7,5%), a uno svuotamento di figure intermedie esecutive, attive principalmente in ambito impiegatizio (-5,1%), a una drastica riduzione della componente operaia, degli artigiani e degli agricoltori (-14,2%). La struttura sociale ha subito non solo un dimagrimento delle fonti di reddito, ma si è anche allungata, perdendo parte della sua consistenza proprio nella porzione centrale della classe media.
 
SHARING ECONOMY - Dalla sobrietà ai nuovi motori del consumo: opportunità e zone grigie della sharing economy. Nel biennio 2014-2015 c'è stato un lieve recupero dei consumi (+2,1%) dopo la forte contrazione del periodo di crisi (-7,6% negli anni 2008-2013). Ma sono 26 milioni gli italiani che ancora oggi indicano come prioritario il contenimento delle spese quotidiane. 
 
Profonde sono le disuguaglianze sociali: tra le famiglie a basso reddito il 58% indica la priorità di comprimere le spese e il 28% vorrebbe spendere qualche soldo in più sui consumi per il proprio benessere, mentre tra le famiglie benestanti le percentuali sono pari rispettivamente al 34% e al 46%. In questi anni c'è stato però un “welfare dei consumi” riferibile all'operato dei player della distribuzione moderna organizzata, grazie alla leva dei prezzi e alle promozioni, che si è materializzato nella concreta possibilità per le famiglie di comporre un carrello della spesa modulato sulla propria capacità economica. Appaiono poi sempre più concreti i rivolgimenti riconducibili alla sharing economy. 
Ma le nuove pratiche che si stanno diffondendo sollevano polemiche su due fronti: il rispetto delle regole concorrenziali rispetto ai servizi preesistenti e gli effetti indiretti sui lavoretti on demand.
 
 
 
 
 
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

­Friends of David (di Michelangelo) cerca sostenitori oltreconfine

­Friends of David (di Michelangelo) cerca sostenitori oltreconfine

La Galleria dell’Accademia di Firenze è una delle mete più battute dal flusso di turisti che arriva in città in ogni stagione dell’anno, attratti...
In 30 anni le donne sindaco aumentate di 7 volte in 2752 comuni 'rosa'

In 30 anni le donne sindaco aumentate di 7 volte in 2752 comuni 'rosa'

Negli ultimi 30 anni il numero di donne sindaco è cresciuto più di sette volte, passando dai 145 comuni amministrati nel 1986 ai 1.097 del 2016, con...
Fashion in Florence: moda & made in Italy nello storico Archivio Foto Locchi

Fashion in Florence: moda & made in Italy nello storico Archivio Foto Locchi

A Palazzo Pitti, Andito degli Angiolini, si è aperta la mostra "Fashion in Florence through the lens of Archivio Foto Locchi": 100 rarissimi scatti...
Una tartaruga di 2 metri l’ultimo pasto di uno squalo gigante

Una tartaruga di 2 metri l’ultimo pasto di uno squalo gigante

Un team di paleontologi delle Università di Padova e di Ferrara, del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Padova e della Soprintendenza del Friuli...
La più bella moneta del mondo è italiana: vale 10 euro e celebra i 70 anni di pace in Europa

La più bella moneta del mondo è italiana: vale 10 euro e celebra i 70 anni di pace in Europa

Va all’Italia il più prestigioso premio internazionale della numismatica: la moneta dell’anno è stata coniata dalla Zecca dello Stato. E’ stata...

Weekly in Italian

Recent Issues