L’Inferno di Howard tra Firenze e Venezia e il suo cast atteso a ottobre a casa di Dante

L’Inferno di Howard tra Firenze e Venezia e il suo cast atteso a ottobre a casa di Dante

Il regista Ron Howard autore di ‘Inferno’ (Ph Jeff Lipsky - copyright Sony Pictures Entertainment) 

Un ciak dopo l’altro nella culla del Rinascimento, e l’Inferno di Ron Howard è servito, anzi, è diretto e ormai pronto per sbarcare in sala. Dalla spensierata età nei “giorni felici” di “Happy Days” a una straordinaria carriera di regista culminata con l’Oscar per il Miglior film e regista nel 2002 per “A Beatutiful Mind”. Lui è Ron Howard, l’uomo dietro la macchina da presa dei cult anni ‘80 “Cocoon” e “Willow”. 
 
Artefice nel corso degli anni di film sempre più corposi e dall’alto spessore drammatico-umano come “Cinderella Man” (2005), “Frost/Nixon – Il duello” (2008), “Rush” (2013) e il recente “Heart of the Sea – Le origini di Moby Dick” (2015), questi ultimi entrambi interpretati da Chris “Thor” Hemsworth. 
 
A partire dal 2006 il regista originario di Duncan (Oklahoma) ha portato sul grande schermo uno dei più grandi best seller del terzo millennio: “Il codice da Vinci”, con Tom Hanks nelle vesti del professore Robert Langdon, trasposizione cinematografica dell’omonima opera letteraria a firma Dan Brown, del quale è stato poi tratto anche “Angeli e Demoni” (2009). Sei anni dopo, il sodalizio Howard-Brown ha dato un nuovo frutto, “Inferno”, film sbarcato nelle sale cinematografiche italiane giovedì 13 ottobre distribuito da Warner Bros. Pictures, e girato in gran parte nel Bel paese tra Venezia e Firenze.
 
Ed è proprio lì, nel cuore del capoluogo toscano che nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio si è tenuta la presentazione di Inferno con il cast al gran completo e alla presenza del regista Ron Howard, lo scrittore Dan Brown e il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Due giorni dopo invece, scatterà l’ora della premier mondiale al Teatro dell’Opera, sempre a Firenze. Un doveroso omaggio verso una città che ha fatto da naturale set cinematografico al film, con incursioni in Duomo, Palazzo Pitti, Piazza della Signoria, il corridoio del Vasari, Badia Fiorentina e il Museo dell’Accademia. 
 
Libri e mistero, ma non solo. In parallelo Howard ha messo cuore e telecamera in uno dei più grandi miti della storia musicale, i Beatles, realizzando il documentario “Eight Days a Week – The Touring Years”. Spezzoni d’epoca ed epici live negli stadi a stelle e strisce. Interviste a interpreti della settima arte come Sigourney Weaver e Woopi Goldberg, senza scordarsi dei Fab Four Ringo Star e Paul McCartney. 
 
Distribuito in Italia da Lucky Red, la pellicola è stata a disposizione del pubblico per una sola settimana, dal 15 al 21 settembre scorso, riscuotendo un grande successo. La musica dei quattro di Liverpool è ancora amatissima in Italia come in ogni parte del mondo. 
 
Se in tempi recenti i Beatles erano tornati sul grande schermo con i vecchi film da loro stessi interpretati negli anni d’oro, “Magica Mystery Tour” (1967) e “A Hard Day’s Night” (1964), adesso è la volta di un’opera nuova. Un documentario che inevitabilmente affonda un po’ nella nostalgia per quella musica che sapeva ancora arrivare diretta alle emozioni delle masse.
 
Se per i fortunati che hanno assistito a “Eight Days a Week – The Touring Years” è stato impossibile non farsi scappare qualche strofa canticchiata al momento di ascoltare le varie Help, Can’t Buy Me Love, Dizzy Miss Lizzy e le altre immortali, la suspense è garantita per i futuri spettatori di “Inferno”, così come le emozioni nell’ammirare l’arte a cielo aperto di Firenze e Venezia. 
 
Dopo aver scoperto la discendenza terrena (e ancora vivente) di Gesù Cristo e aver salvato il Vaticano da una pericolosa minaccia interna, questa volta il prof. Langdon si ritroverà in un gioco ancor più pericoloso. 
 
Saranno ancora una volta la sua sconfinata conoscenza del mondo dei simboli e l’aiuto della dottoressa Sienna Brooks (Felicity Jones) la chiave per uscire da un labirinto molto realistico che ha tutti i connotati dell’Inferno di Dante Alighieri. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Successo annunciato per Eleonora Abbagnato e il suo Balletto dell’Opera di Roma

Successo annunciato per Eleonora Abbagnato e il suo Balletto dell’Opera di Roma

"Voglio riportare il Balletto dell’Opera di Roma al livello di quello della Scala di Milano e forse superarlo anche". Volitiva e iperattiva, si era...
Oltre 45 milioni di dischi venduti nel mondo. Suzi Quatro porta nel cognome il nonno emigrato dall’Abruzzo

Oltre 45 milioni di dischi venduti nel mondo. Suzi Quatro porta nel cognome il nonno emigrato dall’Abruzzo

Quando emigrò, nel 1908, Michele Quattrocchi non avrebbe immaginato che sua nipote sarebbe diventata una star del firmamento rock. Invece, settanta...

A Ciambra, l’italoamericano Carpignano da Gioia Tauro a Hollywood sognando il 12°Oscar italiano

“A Ciambra è un film bello e commovente. Entra così intimamente nel mondo dei suoi personaggi che hai la sensazione di vivere con loro”, parola di...
Canzoniere Grecanico Salentino, dalla Puglia al RoundGlass Music Award di N.Y.

Canzoniere Grecanico Salentino, dalla Puglia al RoundGlass Music Award di N.Y.

“Le stelle della Puglia sono una bomba”, ha affermato Neil Spencer del Guardian. “Un grande album. Ritmi del Sud in equilibrio sul tempo”, ha...
Opera verdiana, Devid Cecconi è Rigoletto: il canto è felicità, dedizione, vita

Opera verdiana, Devid Cecconi è Rigoletto: il canto è felicità, dedizione, vita

Rigoletto si inserisce nel periodo centrale della produzione operistica verdiana e con Il Trovatore e La Traviata costituisce la trilogia popolare. L...

Weekly in Italian

Recent Issues