‘The Young Pope’ di Sorrentino: 10 ore di film a puntate immaginando un pontefice americano

‘The Young Pope’ di Sorrentino: 10 ore di film a puntate immaginando un pontefice americano

Jude Law interprete di “The young Pope” di Paolo Sorrentino alla 73° Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (Ph Federico Roiter): ‘Sono stato un colore sulla tavolozza visiva del regista’

Risoluto. Formale. Oscuro. Fumatore di sigarette. Per nulla avvezzo alla semplicità del messaggio cristiano che dovrebbe incarnare. È il pontefice secondo Paolo Sorrentino, protagonista della serie televisiva “The Young Pope” i cui primi due episodi sono stati presentati in anteprima alla 73° edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, nella sezione Fuori concorso. 
 
“Il papa che abbiamo trattato nella serie è diametralmente opposto a quello esistente” ha sottolineato il regista. “È possibile però che dopo un Santo Padre così liberale ne possa arrivare un altro di sentimenti opposti. È illusorio pensare che la Chiesa abbia intrapreso un cammino  che continui senza nessun futuro cambio di direzione”.
 
Il film: nello Stato del Vaticano è stato eletto un nuovo papa, il primo americano nella Storia. Si chiama Lenny Belardo (Jude Law), il cui nome durante il proprio pontificato è Pio XIII. È un uomo misterioso ma ha le idee chiare. Forse anche troppo. Non è impressionabile. Sa di avere un potere. Lo vuole esercitare e soprattutto consolidare, dentro e fuori le mura.
 “Dicono che Roma sia un’appendice del Vaticano” gli dicono scherzando. “Lo diventerà” risponde lui serio. 
 
Il papa Sorrentiniano non ama le relazioni. Vuole distacco. Il suo orientamento è la mera Chiesa. Ragiona come une manager moderno senza però curarsi del pensiero altrui, sferrando così un fendente mortale a quel desiderio di esasperata condivisione-accettazione, oggi incarnato dai social network. Dinnanzi alla sua figura nessuno riesce a opporvi resistenza, al potente cardinale Voiello (Silvio Orlando) alla responsabile marketing Sofia Dubois (Cécile De France). O si piegano o si piegano. 
 
C’è poi lei, suor Mary (Diane Keaton). Fu lei ad accoglierlo quando i genitori lo abbandonarono piccino. Ed è lei che Lenny vuole al suo fianco in Vaticano. Ma per quanto amata, è sempre una femmina “e non accadrà mai che una donna possa guidare la Chiesa”, sibila il pontefice. 
 
Paolo Sorrentino è riuscito nell’intento di interessare, affascinare e incuriosire. Finite le due puntate, stampa e pubblico avrebbero già voluto conoscere l’esito della serie o meglio di questo “film di 10 ore” come lo ha definito lo stesso regista. A metà strada tra follia e marketing geniale, il nuovo pontefice è un originale crociato invasato. Non accetta consigli da nessuno (al momento), incluso il suo vecchio mentore, il Cardinale Spencer (James Cromwell) a cui ha soffiato il Papato. Si fa sempre come dice lui. Si fa confidare l’inconfessabile per usare tutto a proprio vantaggio, pensieri impuri inclusi. I fedeli sono solo un intralcio nella suo piano d’azione al servizio (fianco) di Dio. Sarà così fino alla fine? Lo scopriremo a partire dal prossimo 21 ottobre su Sky Atlantic. 
 
Se i futuri (e spietati) inquilini della Casa Bianca delle serie televisive e del grande schermo dovranno ormai confrontarsi con il carisma di Frank e Claire Underwood (Kevin Spacey e Robin Wright), da oggi in poi i prossimi papi avranno in Jude Law un punto di riferimento davvero imponente.
 
“È stata una grande opportunità lavorare con Paolo e interpretare un uomo così complicato ricco di contrasti e contraddizioni” ha spiegato l’attore londinese nel corso della conferenza stampa al Festival di Venezia. “Il linguaggio visivo di Sorrentino è meraviglioso. È stato bello essere un colore sulla sua tavolozza”. 
 
E il Vaticano che ne penserà di The Young Pope? 
“Se avranno la pazienza di vedere la serie fino in fondo” ha concluso Sorrentino, “capiranno che è un lavoro che non vuol fare alcuna provocazione. Sono 10 puntate che indagano le contraddizioni, le difficoltà e il mondo affascinante del clero, dei preti, delle suore e di un prete diverso degli altri, il Papa”.
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

David di Donatello, gli Oscar del cinema italiano

David di Donatello, gli Oscar del cinema italiano

I sentieri del cinema italiano avanzano, si confrontano e si sfidano tra vecchie e nuove generazioni dando vita a una nuova miscela della settima...
‘Tribal Domestic’ di Enzo Vita registrato tra Los Angeles e Roma

‘Tribal Domestic’ di Enzo Vita registrato tra Los Angeles e Roma

Il Rovescio della Medaglia esordì discograficamente nel 1971 con l’album “La bibbia”, pubblicato dalla Rca Italiana. La formazione era composta dal...
Pizzorno: Lilli Greco, enciclopedia musicale e maestro ‘invisibile’ che toglieva il superfluo dalle canzoni

Pizzorno: Lilli Greco, enciclopedia musicale e maestro ‘invisibile’ che toglieva il superfluo dalle canzoni

Italo Greco, detto Lilli, è stato musicista e produttore discografico, uno dei punti fermi di quella straordinaria “fabbrica della musica” che fu la...
Che ci amino gli altri, l’originale esasperazione emotiva di Alessio Creatura

Che ci amino gli altri, l’originale esasperazione emotiva di Alessio Creatura

La voce di Alessio, sostenuta dal violoncello di Fabio Gaddoni, introduce “Cerco trasparenza”, brano moderno e d’atmosfera guidato dalla chitarra...
Oscar al trucco di Bertolazzi (che lo dedica agli immigrati) e Gregorini

Oscar al miglior trucco di Bertolazzi (che lo dedica agli immigrati) e Gregorini

"Sono un immigrato, vengo dall’Italia e lavoro in giro per il mondo. Questo premio è per tutti gli immigrati". E' la dedica del piemontese Alessandro...

Weekly in Italian

Recent Issues