Attore protagonista è l’autismo: il cinema affronta la diversità

Attore protagonista è l’autismo: il cinema affronta la diversità

Il premio al miglior corto italiano dell’As Film Festival è andato a “Bellissima” di Alessandro Capitani

A Roma, la terza edizione dell'As Film Festival, festival internazionale di cinema e arti visive, diretto da Giuseppe Cacace, curato dall'associazione Not Equal e realizzato con la partecipazione attiva di giovani nella condizione autistica e Sindrome di Asperger.  Proiezioni, incontri, performance teatrali, letture, con ospiti l'attrice e regista Valentina Carnelutti e l'attore e musicista Stefano Fresi. In programma un doppio omaggio allo scrittore Oliver Sacks, e la performance teatrale Emoticons! di Paolo Manganiello e Chiara Palumbo, che ha visto in scena 15 giovani attori nella condizione autistica. Premiati corti provenienti da Italia, Usa, Cuba, Iran, Grecia e Spagna.
 
Il premio al Miglior Corto italiano è andato a “Bellissima” di Alessandro Capitani per “la semplicità, la freschezza e il modo diretto con il quale affronta temi importanti come la differenza tra essere e apparire, bellezza interiore ed esteriore, stereotipi di genere e aspettative personali narrati con grande attenzione alla messa in scena e alla scelta degli interpreti. E perché una favola può essere raccontata anche attraverso una storia reale”. 
A “La sedia di cartone” di Marco Zuin, toccante e colorato documentario di narrazione che partendo dal reale riesce a costruire una storia esemplare di cura e inclusione, è andata la menzione speciale.
Tra gli altri premi, due menzioni speciali nella sezione International short sono andate ai due statunitensi “Circles” di Jesse Cramer e Micah Levin e “Knightmares” di Nicholas Michael Holmes. 
 
“Due giorni intensi - ha detto  il direttore artistico e fondatore Giuseppe Cacace - pieni di cinema, di ospiti, di emozioni, con il pensiero ai fatti di Parigi che hanno colpito al cuore tutto lo staff e il pubblico del festival, aperto per la prima volta ad autori internazionali, a voler evidenziare l'universalità del cinema ed il suo contribuito, in ogni dove, nella formazione di una cultura dell'autismo e degli autismi. Asff 2015 è stato il punto di incontro tra cinematografie diverse per provenienza e cultura, tra pensiero neurotipico e neurodiverso e, se nella forma, è risultato più completo ed articolato delle edizioni precendenti, l'idea che lo ispira è sempre la stessa, ovvero che, l'integrazione sociale, il dialogo, la conoscenza, sono elementi fondamentali per accettare ed accogliere le diversità. I corti vincitori rispondono esattamente a questa visione”.
 
As Film Festival è un progetto ideato per raccontare attraverso il cinema la condizione autistica. Il racconto per immagini si fissa nella memoria dello spettatore e lo dimostra il fatto che ancora oggi in italia si associa l’autismo all’immagine di Dustin Hoffman in Rain Man. Fin dalla prima edizione la sfida dell’As Film Festival è stata quella di mostrare attraverso il cinema che esistono tanti altri autismi oltre a quello raccontato dal film di Barry Levinson quasi 30 anni fa attraverso chi vive questa condizione. 
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Musica e azione. Amore e pallottole. ‘Ammore e malavita’: what a feeling!

Musica e azione. Amore e pallottole. ‘Ammore e malavita’: what a feeling!

Intelligenti. Ironici. Spiazzanti. I Manetti Bros. sono sbarcati al Festival del Cinema di Venezia circondati da quell'aura di “the next big thing” e...
John Bailey, l’Abruzzo cinematografico e il suo legame con L’Aquila

John Bailey, l’Abruzzo cinematografico e il suo legame con L’Aquila

Una vittoria a sorpresa quella di John Bailey, eletto alla Presidenza dell’Academy Awards, prestigiosa istituzione delle Arti e delle Scienze del...
La Norma di Vincenzo Bellini, una montagna da scalare

La Norma di Vincenzo Bellini, una montagna da scalare

L'opera più celebre di Vincenzo Bellini si appresta ad arrivare a Liegi dove sarà in scena fino al 31 ottobre: Norma è una di quelle opere con cui...
Immigrati di seconda generazione e Il Guastafeste del pugliese Tandoi

Immigrati di seconda generazione e Il Guastafeste del pugliese Tandoi

“Il Guastafeste”, il nuovo cortometraggio scritto e diretto da Giuseppe Tandoi prodotto dalla società di produzione aquilana Esprit Film, è stato...
Cinema d’animazione che racconta per suggestioni marchigiane

Cinema d’animazione che racconta per suggestioni marchigiane

Il festival Animavì è dedicato a quella corrente del cinema d’animazione che si propone di raccontare per suggestione, in cui ogni singolo fotogramma...

Weekly in Italian

Recent Issues