La lezione antimafia del magistrato siciliano Rocco Chinnici: legalità e giustizia a costo della vita

Magistrato siciliano Rocco Chinnici, antimafia, legalità e giustizia, cultura italiana

Caterina Chinnici, magistrato e autrice di “È lieve il tuo bacio sulla fronte”

 

Al “Kaos festival dell'editoria, della legalità e dell'identità siciliana” di Montallegro (Agrigento) il magistrato Caterina Chinnici ha ricevuto il premio “Gesti e Parole di legalità” per il libro che racconta la storia e gli insegnamenti del padre ucciso dalla mafia. 
 
Intitolato “È lieve il tuo bacio sulla fronte” e pubblicato da Mondadori (pagg. 144, € 16,50), racconta di quel tragico 29 luglio 1983 in cui la mafia fece esplodere in via Federico Pipitone a Palermo l’autobomba che uccise il giudice Rocco Chinnici, gli uomini della sua scorta e il portiere del palazzo dove il magistrato viveva insieme alla moglie e ai figli. 
 
Il giudice Chinnici viene ricordato come “l’innovatore e precursore dei tempi, che aveva intuito che, per contrastare efficacemente il fenomeno mafioso, era necessario riunire differenti filoni di indagine, comporre tutte le informazioni e le conoscenze che ne derivavano. Per farlo, riunì sotto la sua guida un gruppo di giudici istruttori: Paolo Borsellino, Giovanni Falcone e Giuseppe Di Lello. L'anno dopo la sua morte il gruppo prenderà il nome di pool antimafia”. 
  Rocco Chinnici è stato un magistrato italiano, vittima di mafia
 
Dopo tanti anni di silenzio, Caterina Chinnici, la figlia primogenita - a sua volta magistrato impegnato nella lotta alla mafia - ha scelto di ricordare il sacrificio del padre raccontando i momenti di vita familiare e spiegando come lei, i suoi fratelli e la madre abbiano imparato nuovamente a vivere dopo la strage e siano riusciti a decidere di perdonare, “l'unico modo per sentirsi degni del messaggio altissimo di un padre e un marito molto amato”. 
 
In che maniera ha permesso al dolore di sedimentare dentro di lei accettandolo come condizione sempre presente?
La consapevolezza che mio padre viveva il suo lavoro di magistrato come un impegno di vita volto ad affermare i valori di legalità e giustizia e che non si sarebbe tirato indietro rispetto al rischio di sacrificare la propria vita, come purtroppo è avvenuto, ha portato me ed i miei familiari ad accettare il dolore determinato dalla sua morte così drammatica fino a considerare il dolore un compagno di vita che nel tempo si è trasformato in una grande forza.
 
La scrittura del libro che effetto ha sortito sul suo dolore?
Scrivere il libro mi ha portato a rivivere i diversi momenti della vita della nostra famiglia: dalla felicità, dalla serenità al dolore, attraversandone tutte le diverse fasi. Non è stato facile.
 
Bello ed evocativo il titolo: è il ricordo di un momento che lei ha fermato e cristallizzato?
Quel bacio lieve, appena accennato, sulla fronte era il saluto che papà ci dava anche da grandi; con quel gesto ci trasmetteva la sensazione rassicurante della sua presenza nella nostra vita.
 
Che ritratto viene fuori di Rocco Chinnici padre?
Rocco Chinnici è stato un padre affettuoso. Si prendeva cura di noi quando eravamo piccoli, fino ad arrivare ad inventare le favolette per tenerci buoni, ed ha continuato ad essere sempre presente nel nostro percorso di crescita nonostante il suo lavoro lo impegnasse per l'intera giornata. Ha saputo fare sentire ciascuno di noi figli amato in modo unico e speciale.
 
E come magistrato?
Rocco Chinnici è stato un magistrato di grande spessore professionale. Nel suo lavoro è stato un precursore. La conoscenza approfondita del fenomeno ma-fioso, maturata attraverso le sue indagini, lo ha portato a segnare un profondo cambiamento nella cultura giudiziaria, ad innovare la metodologia delle indagini attraverso la creazione di quello che dopo la sua morte si sarebbe chiamato "il pool antimafia", a comprendere la necessità delle indagini sui patrimoni costituiti illecitamente avviando le prime indagini bancarie ed infine a sollecitare il cambiamento culturale portando soprattutto ai giovani testimonianza del suo lavoro e del valore della legalità.
 
Nel suo lavoro quale insegnamento tiene sempre presente?
Quello che ritengo sia il più importante insegnamento che mio padre con il suo esempio mi ha trasmesso: coniugare sempre il giusto rigore nell'applicazione della legge con la necessaria attenzione all'umanità della persona sulla cui vita la decisione del giudice va ad incidere e talvolta profondamente.
 
Che cosa manca secondo lei affinché il nostro Paese alzi la testa contro la mafia?
Dalla morte di mio padre ad oggi molto lavoro è stato fatto per far cambiare la cultura, ma si tratta di un percorso non ancora compiuto: occorre ancora lavorare per il cambiamento culturale in tutti i contesti, per affermare un'etica pubblica fondata sul principio di legalità e per creare, al tempo stesso, le condizioni per lo sviluppo socio-economico in tutte le aree del nostro Paese.
 
Un commento al premio del Kaos Festival.
È un premio per me particolarmente significativo perché contiene in sè tutti i valori che hanno guidato l'impegno di mio padre e che sono fondamento di sviluppo e di crescita sociale: la cultura, la legalità e l'identità, l'identità siciliana, cioè le nostre radici, la nostra memoria, la nostra storia.

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Incontri miracolosi dal disegno alla pittura: Pontormo torna a Firenze grazie al Getty Museum di Los Angeles

Incontri miracolosi dal disegno alla pittura: Pontormo torna a Firenze grazie al Getty Museum di Los Angeles

Fino al 29 luglio è aperta la mostra " Incontri miracolosi: Pontormo dal disegno alla pittura" curata da Bruce Edelstein e ospitata nella Sala delle...
La generosità nel nonno veronese nel dna di Bruno Serato che regala piatti di pasta ai suoi ‘Motel Kids’

La generosità nel nonno veronese nel dna di Bruno Serato che regala piatti di pasta ai suoi ‘Motel Kids’

Tutto ebbe inizio con la visita di mamma Caterina, il 18 aprile del 2005. Quel giorno è rimasto scolpito nel calendario dei sentimenti di Bruno...
Per sogni e per chimere, in una mostra alla Fondazione Ragghianti il rapporto tra Puccini e l'arte

Per sogni e per chimere, in una mostra alla Fondazione Ragghianti il rapporto tra Puccini e l'arte

Una mostra da non perdere, quella aperta fino al 22 settembre a Lucca. "Ricostruire la trama di relazioni tra Puccini e il mondo artistico, che...
A Villa Bardini a Firenze Icons di Steve McCurry

A Villa Bardini a Firenze Icons di Steve McCurry

Dal 14 giugno al 16 settembre gli spazi della Villa Bardini di Firenze ospiteranno un’ampia retrospettiva dedicata al lavoro di Steve McCurry (Darby...
Unfake Connections, la New York anni 60-70 si svela a Montesilvano

Unfake Connections, la New York anni 60-70 si svela a Montesilvano

New York negli anni Sessanta e Settanta è stata l’incubatrice di movimenti e linguaggi artistici d’avanguardia come la Pop Art, la MInimal e la...

Weekly in Italian

Recent Issues